BioWare: il lancio di The Old Republic cambierà il genere MMO

BioWare: il lancio di The Old Republic cambierà il genere MMO

Gli sviluppatori sono molto soddisfatti delle prime ore successive alla release. La componente narrativa e la possibilità di operare delle scelte sarà il grande valore aggiunto della produzione, che punta a diventare nuovo riferimento per il genere.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 08:59 nel canale Videogames
 

Dopo oltre tre anni dal suo annuncio e oltre 100 milioni di dollari spesi per il suo sviluppo, la versione definitiva Star Wars: The Old Republic è ufficialmente disponibile.

Secondo quanto riportano gli analisti, oltre un milione di utenti hanno già effettuato l'accesso al MMO di BioWare e, nonostante alcune lamentele per le code sui server, gli sviluppatori hanno dichiarato di essere "estremamente felici" dei risultati conseguiti in queste prime ore.

"Oggi è un momento importante per BioWare, EA e per i fan di Star Wars. Siamo convinti che sia valsa la pena attendere", ha commentato Ray Muzyka, co-fondatore di BioWare.

"Il supporto e le risorse di cui si avvale Star Wars: The Old Republic non termineranno oggi. Le innovazioni che stiamo apportando al genere sono solamente l'inizio di un percorso e di investimenti continui che saranno impostati sui feedback dei giocatori di settimana in settimana, nei mesi e negli anni a venire".

Greg Zeschuk, socio e co-fondatore della compagnia ha proseguito: "L'aggiunta di una storia e di scelte personali all'interno del genere MMO cambierà il modo in cui la gente percepisce la progressione del gioco stesso, specialmente se è vissuta al massimo delle sue potenzialità, grazie a una sceneggiatura e un doppiaggio di alta qualità".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^