Batman Arkham Origins: un trailer delinea le caratteristiche del multiplayer

Batman Arkham Origins: un trailer delinea le caratteristiche del multiplayer

La parte multiplayer del nuovo capitolo di Batman è stata affidata a Splash Damage.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:58 nel canale Videogames
 

La componente multiplayer di Batman Arkham Origins, il nuovo capitolo della popolare serie di action/adventure in uscita il prossimo 25 ottobre, costituirà un'evoluzione rispetto alle Sfide Predatore dei precedenti giochi della serie. I giocatori, nei panni di Batman o di Robin, dovranno impegnarsi in battaglie a tre contro le gang di Bane e del Joker.

Uccidendo i criminali che fanno parte delle squadre avversarie, i giocatori impediranno che altri rinforzi si uniranno a queste ultime, consentendo di cogliere di spalle e impreparati i nemici che rimangono nell'arena di gioco. Ogni uccisione silenziosa, inoltre, contribuirà a riempire il cosiddetto "intimidation" meter. Una volta che sarà completamente riempito gli eroi avranno vinto la partita.

Durante la battaglia Alfred può evidenziare obiettivi ad alta priorità per Batman e Robin. Questi consentono di riempire la barra più velocemente e di ottenere più punti. Si subirà una penalizzazione di punti, invece, per ogni morte.

Il multiplayer non condividerà con la componente single player la parte narrativa, e la presenza di Robin evidenzia questo aspetto. Ricordiamo che Batman Arkham Origins è imperniato su un Batman molto giovane, ancora alle prime armi, che per la prima volta incontra alcuni dei cattivi di Gotham City, e che ancora non conosce Robin. Nel multiplayer, comunque, quest'ultimo apparirà anch'egli in versione giovanile, proprio per rispettare il senso della storia di questo nuovo capitolo.

All'inizio della partita, chi gioca dalla parte degli eroi deve scegliere se interpretare Batman o Robin, mentre i membri delle gang possono personalizzare i loro personaggi, scegliere i loadout e il loro aspetto fisico, che può offrire bonus o abilità aggiuntive. Questi ultimi godono a loro volta di una Detective Vision, che permette di individuare Batman e Robin anche se sono nascosti. Questa abilità consuma delle batterie ed è soggetta a tempi di ricarica.

Nella mappa ci sono dei punti di controllo: Batman e Robin possono metterli fuori uso utilizzando un apposito gadget, ma i nemici hanno la possibilità di ripararli, anche se per farlo dovranno esporsi alla vista dei due eroi. Batman può usare diversi tipi di gadget per i combattimenti, tra cui gel esplosivi, fumogeni, Batarang normali e Batarang esplosivi. Anche Robin può usare gadget simili, ma al contempo dispone di abilità uniche come uno scudo che assorbe i danni.

Durante le battaglie multiplayer, Joker e Bane possono apparire sulla mappa di gioco. Per garantire che ciò accada, però, il team con i membri delle gang deve assicurarsi che la zona di respawn del leader sia pulita e sotto il proprio controllo. Riceverà una notifica prima che Joker o Bane compaiano sulla mappa e disporrà dunque di pochi secondi per accertarsi che la zona in cui avverrà l'apparizione sia sotto controllo.

La modalità multiplayer di Batman Arkham Origins è sviluppata da Splash Damage, il team responsabile di Enemy Territory: Quake Wars e di Brink. Lo sviluppo del multiplayer di Batman Arkham Origins è gestito in maniera separata dallo sviluppo della componente principale del gioco, affidata invece a WB Games Montréal. A giudicare dalle immagini che si vedono nel trailer, ricorda nelle meccaniche di gioco lo stesso Brink. Sarà disponibile nelle versioni PC, PS3 e Xbox 360, mentre la versione Wii U del gioco non dovrebbe includere il multiplayer competitivo.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
montanaro7931 Luglio 2013, 20:36 #1
Non so ma mi sembra peggiorato rispetto ai predecessori sia sulla grafica sia sulle animazioni ...
ThePonz31 Luglio 2013, 21:36 #2
La modalità multiplayer di Batman Arkham Origins è sviluppata da Splash Damage, il team responsabile di Enemy Territory: Quake Wars e di Brink
...
A giudicare dalle immagini che si vedono nel trailer, ricorda nelle meccaniche di gioco lo stesso Brink.


Brink, che ricordiamo, è stato un enorme successone..





gildo8801 Agosto 2013, 20:42 #3
E' sempre la stessa storia...
Si parla di Splash Damage e tutti (o quasi), gettano badilate di merda, magari senza aver nemmeno giocato a fondo ai suoi titoli.
Poi si parla dei Dice o dei sopravalutati Bungie, ed ecco che escono i tappeti rossi, i petali di rose, inni alla gloria, processioni, inchini con tanto di piegamenti a 90 gradi con gioia e passione.
Sapete che vi dico, mi sta bene! Più gentaglia gioca a Bf, Cod, Halo, Destiny ed altre emulazioni copia-incollate, meno gentaglia ci sarà sui titoli Splash Damage, che visto che non vengono capiti (troppo dificile concepire un fps non basato esclusivamente sulle kill), saranno una bellezza da giocare in VERI team.
Grey 701 Agosto 2013, 20:49 #4
mah, sta mania del multiplayer in ogni gioco la capisco proprio poco e sono felice di questo. Comunque sia, è un qualcosa in più e va sicuramente bene, a patto che il single player rimanga di alto livello come i precedenti episodi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^