Autore di Words With Friends adesso al lavoro su Ouya

Autore di Words With Friends adesso al lavoro su Ouya

Paul Bettner, co-autore di Words With Friends, ha avviato un nuovo studio dopo aver lasciato Zynga nello scorso anno.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:12 nel canale Videogames
 

Paul Bettner, insieme al fratello David, è conosciuto nel mondo del gaming per aver realizzato Words With Friends, ovvero il paroliere videoludico più famoso prima dell'avvento di Ruzzle. I due vendettero la loro software house, Newtoy, e lo stesso Words With Friends, a Zynga nel 2010 per 53,3 milioni di dollari.

Paul Bettner

Però l'anno scorso i due Bettner hanno fatto parte dell'esodo di programmatori e di dirigenti da Zynga, in seguito alle difficoltà finanziarie del colosso del social gaming. Ma il futuro per gli autori di Words With Friends appare adesso il mondo Android, nella fattispecie la nuova micro-console Ouya.

Sappiamo che Ouya verrà introdotta sul mercato nel prossimo mese di giugno, ma molti si stanno chiedendo quale possa essere la line-up di lancio in fatto di giochi. Nelle ultime ore abbiamo ottenuto finalmente delle risposte, visto che Double Fine Productions e il suo CEO, Tim Schafer, hanno annunciato che The Cave e un prossimo progetto conosciuto come Reds arriveranno su Ouya.

Ma anche Paul Bettner è al lavoro su due nuovi giochi per dispositivi Android, anch'essi pensati per sfruttare al meglio Ouya. Julie Uhrman, CEO di Ouya, ha detto in occasione del DICE Summit di essere orgogliosa dell'impegno di Bettner sulla console che porterà Android sulle TV.

La nuova software house di Bettner prende il nome di Verse e ha sette impiegati. L'autore di Words With Friends dice che per il lancio di Ouya si sente emozionato così come lo era al lancio del primo iPhone. Proprio in quei giorni, infatti, lasciava Microsoft, per la quale lavorava come sviluppatore, per fondare Newtoy, mentre tutti pensarono che fosse uno scriteriato a fare una mossa del genere.

"Mi sembrava l'occasione giusta", dice invece a GamesBeat. "Mi sentivo come un esploratore su un'isola deserta. Ora sto guardando indietro al mio passato, ed è come un pendolo che oscilla avanti e indietro. Penso che il gaming sulla televisione sarà il prossimo fenomeno dopo il dilagante successo del gaming portatile".

Secondo Bettner, Ouya è la soluzione ideale per tutti coloro che vogliono avere sulla televisione un'esperienza simile a quella che si ha con le app. Ci saranno, inoltre, dei vantaggi molto interessanti sia per gli sviluppatori che per i giocatori grazie al modello free to play.

"Molte persone sono in attesa di godere dell'esperienza che hanno avuto con le app anche sul televisore del loro salotto", dice Bettner. "Dire che le console stanno morendo è ridicolo. Per conto mio, anzi, voglio riportare indietro, al settore di cui ho fatto parte prima della mia ultima esperienza, tutto quello che ho imparato con le app, che riguarda principalmente un app store democratizzato per il gaming sui dispositivi portatili. Lo stesso dovrebbe esistere anche nel mondo delle console".

Bettner adesso è alla ricerca di finanziatori per la sua nuova società. Dice di apprezzare molto il modello di Hollywood, secondo il quale registi, attori e altri talenti si riuniscono per ideare e portare avanti un nuovo progetto. Tutto ciò nel mondo dei videogiochi non esiste ancora.

"Ho creato Words With Friends insieme ad altri tre amici", aggiunge ancora Bettner. "Non sapevamo che sarebbe diventato un fenomeno culturale. Era un hobby per le persone, e un hobby basato su un'infrastruttura tecnica convincente. Vogliamo ripetere quanto abbiamo fatto in passato, costruire ovvero un nuovo passatempo. Dobbiamo riuscire a entrare nuovamente nelle vite delle persone in modo da indurli a non vedere l'ora di tornare a giocare di nuovo con i loro amici".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^