Atari ora vuole reinventarsi come compagnia da mobile game

Atari ora vuole reinventarsi come compagnia da mobile game

Ha assunto Gui Karyo, veterano dell'industria dei videogiochi che si occuperà di sviluppo e operazioni speciali dopo aver lavorato per compagnie come Mindspark, Majesco e Marvel.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:12 nel canale Videogames
Atari
 

Fondata nel 1972 da Nolan Bushnell e Ted Dabney, Atari ha ricoperto un ruolo centrale nella storia dei videogiochi. Principalmente per avere creato alcuni dei brand più conosciuti degli anni '70 e '80 come Centipede, Breakout, Missile Command e Pong, ma anche per aver prodotto Atari 2600, che era sostanzialmente sinonimo di console nei primi anni '80.

Breakout: Boost

Nel 1983, tuttavia, ha riscontrato i primi problemi economici, in concomitanza con la prima crisi dell'industria dei videogiochi e il suo sostanziale cambiamento. Le difficoltà di Atari hanno attraversato varie fasi e l'hanno accompagnata fino ai giorni nostri. Nel corso degli anni è stata controllata da Warner Communications, Hasbro e, infine, da Infogrames. Quest'ultima l'ha acquisita interamente nel maggio del 2008, ma era già proprietaria della maggioranza della società, per undici milioni di dollari.

Il marchio Atari tuttavia possiede alcuni dei brand più popolari della storia dei videogiochi. Titoli che la gente è disposta a giocare e rigiocare, oggi soprattutto in ambito mobile. Attualmente, la società è composta da 65 impiegati e ha sedi a New York e in Francia. Oggi opera in maniera sensibilmente differente rispetto al passato, quando era leader dell'industria, ma continua a concentrarsi sui propri preziosi brand.

La chiave per il successo di ogni compagnia è creare prodotti originali e di qualità. "Non c'è altro modo per mantenere la redditività nel lungo termine", diceva Jim Wilson, CEO di Atari, qualche tempo fa. "Atari non può cullarsi sugli allori, dobbiamo restare protagonisti dell'industria dei videogiochi".

Un brand con un passato così glorioso, insomma, non può rimanere in disparte e pare che abbia trovato una via d'uscita proprio nel settore mobile, che ben si sposa con il tipo di videogiochi che fanno parte del portfolio Atari. La compagnia ha infatti lanciato la sua collezione Greatest Hits per iOS nello scorso aprile, con 18 rivisitazioni dei classici Atari. Nella prima parte di questo mese, inoltre, la stessa collezione è stata proposta in formato Android. Due settimane fa, poi, Atari ha portato la nuova versione di Asteroids, già presente su Android, anche su iOS.

L'8 dicembre sarà un'altra data importante nel percorso che sta guidando Atari verso il mobile perché lancerà Breakout: Boost, una nuova versione del classico arcade del 1976, su iOS. Il gioco includerà i tradizionali cinque livelli in cui si devono spezzare i mattoncini, con ulteriori 200 livelli inediti acquistabili tramite micro-transazioni in-app.

Breakout avrà anche nuove caratteristiche di controllo che, tra le altre cose, consentiranno ai giocatori di incrementare la velocità per avere un livello di difficoltà più sostenuto. Ci saranno nuovi power-up, upgrade per i proiettili, diverse varietà di mattoncini, la possibilità di salvare i progressi e l'integrazione con OpenFeint e Game Center.

Per sostenere la nuova strategia, Atari ha rivisto alcune posizioni dirigenziali, assumendo nuovo personale. Tra le nuove assunzioni troviamo Gui Karyo, un veterano dell'industria dei videogiochi che ha già lavorato per Mindspark, Majesco e Marvel, e che occuperà la posizione di EVP of Development & Operations.

L'esperienza nello sviluppo di videogiochi social e i processi di rinnovamento aziendale permetteranno ad Atari di trovare nuovi modelli di business incentrati sui giochi freemium e sulle micro-transazioni. Certo il gap da colmare con le aziende leader del settore è enorme, non solo dal punto di vista del marketing ma anche dell'esperienza del personale. Atari sta assumendo nuovi sviluppatori esperti del settore e, stando a quanto ha fatto sapere il suo CEO, sta valutando nuove opportunità per coinvolgere la community di sviluppatori sulla modernizzazione dei classici giochi che fanno parte del suo portfolio.

Tuttavia, l'inserimento nel settore di alcuni colossi come Electronic Arts insegna che riproporre dei giochi già disponibili su altri formati in chiave social e mobile non è sufficiente. Nonostante gli ingenti investimenti, vedi l'acquisizione di PopCap per 750 milioni di dollari, EA non riesce ancora a colmare il gap con Zynga. Quest'ultima, infatti, è in grado di produrre continuamente giochi innovativi, sostenuti da idee brillanti per il settore in cui agisce. Atari ha dunque bisogno, parallelamente alla riproposizione dei vecchi classici, di trovare delle strategie innovative.

Se si guardano i risultati finanziari si trova un'ulteriore conferma della convenienza dei nuovi modelli di business. Le vendite digitali, infatti, costituiscono il 63,6% del totale delle vendite di Atari, mentre nella prima parte dell'anno scorso questo valore era fermo al 20,1%. Le digital revenue erano infatti di 6,3 milioni di dollari l'anno scorso, mentre adesso raggiungono i 10,5 milioni di dollari. Ciò ha consentito ad Atari di ridurre le sue perdite operative fino a 2,6 milioni di dollari, il che costuisce un miglioramento del 61,2% rispetto allo stesso periodo del precedente anno fiscale.

In definitiva, se da una parte Atari può imparare da Zynga le tecniche di fidelizzazione dei clienti e della creazione di contenuti freemium e sociali, dall'altra può aggiungere la straordinaria rigiocabilità tipica dei suoi giochi.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Darth Gabry01 Dicembre 2011, 08:28 #1
Bushnell si che era uno forte. All'epica del massimo splendore c'era lui al comando
OmbraShadow01 Dicembre 2011, 08:52 #2
Quanti ricordi...alle elementari, un mio amico ebbe in regalo dal padre un Atari 2600. Quante ore passate a giocare in allegria...praticamente mi ero trasferito a casa sua e una volta i miei genitori mi hanno dato per disperso XD
PyЯamid Head01 Dicembre 2011, 14:44 #3
Povera Atari, mi fa tristezza solo il pensiero di come una compagnia storica qual'è possa essere sbranata in questo settore da una software house ridicola come la Gameloft che deve tutto il suo immeritatissimo successo quasi esclusivamente a banalissimi cloni di grandi glorie del passato.
hermanss01 Dicembre 2011, 15:06 #4
Originariamente inviato da: OmbraShadow
Quanti ricordi...alle elementari, un mio amico ebbe in regalo dal padre un Atari 2600. Quante ore passate a giocare in allegria...praticamente mi ero trasferito a casa sua e una volta i miei genitori mi hanno dato per disperso XD


praticamente a me è successo la stessa cosa però con un Sega Mega Drive...che tempi
ciocia01 Dicembre 2011, 17:58 #5
atarii, magarii, spero che me lo comprino...( chi si ricorda della pubblicita' dell'atari 2600? ^O^ )
Resver01 Dicembre 2011, 18:19 #6
con TDU2 sono sprofondati, mi dispiace che non hanno voglia (ne tanto meno denaro) di fare quel gioco come si deve... le idee erano stupende ma realizzate veramente da cani e poco sfruttate
vynnstorm01 Dicembre 2011, 18:24 #7
Originariamente inviato da: Py&
Povera Atari, mi fa tristezza solo il pensiero di come una compagnia storica qual'è possa essere sbranata in questo settore da una software house ridicola come la Gameloft che deve tutto il suo immeritatissimo successo quasi esclusivamente a banalissimi cloni di grandi glorie del passato.


come non quotarti
Romaxxxxx02 Dicembre 2011, 03:20 #8
Questa ovviamente non è più l'Atari di una volta. Il nome è lo stesso ma è un altra azienda.
PyЯamid Head02 Dicembre 2011, 11:28 #9
Evidentemente purtroppo hai ragione.
digitalfranz02 Dicembre 2011, 20:00 #10
ATARI?...MAGARI!
Ho ancora una console VCS2600 sei levette (la prima serie) detta anche "heavy sixer" per via del fatto che olter alle sei levette, pesava di più...una vera macchina del tempo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^