AMD: libertà sviluppatori come su console senza DirectX

AMD: libertà sviluppatori come su console senza DirectX

Secondo Richard Huddy di AMD, gli sviluppatori di videogiochi su console hanno maggiore libertà perché possono accedere direttamente all'hardware.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:25 nel canale Videogames
AMD
 

"Una scheda video di nuova generazione ha una potenza computazionale dieci volte superiore a quella dell'hardware di XBox 360 e di PlayStation 3, ma sicuramente non ci sono su PC giochi dieci volte più belli che su console", dice Richard Huddy, worldwide developer relations manager della divisione GPU di AMD, in un'intervista a Bit Tech.

Secondo Huddy i limiti per gli sviluppatori di videogiochi per PC dipendono dalle DirectX. Secondo il dirigente di AMD, infatti, molti sviluppatori richiedono che le DirectX vengano eliminate dal processo di sviluppo.

"Gli sviluppatori vogliono avere il massimo controllo sull'hardware del sistema. Se si dà loro l'accesso all'hardware a basso livello si dà loro la possibilità di innovare, e questo metterebbe pressione a Microsoft, non c'è dubbio", puntualizza Huddy. "Quando sono stati introdotti gli shader nei videogiochi nel 2002 si pensava di aver creato qualcosa che potesse rendere la grafica dei videogiochi molto varia. Purtroppo però le cose non sono andate così, e anzi i creatori di videogiochi hanno fatto ricorso sempre più frequentemente agli stessi pattern. Se abbandonassimo le API, invece, la gente sarebbe in grado di renderizzare tutto quello che può immaginare, e non si limiterebbe a fare solo quelle che le API consentono di fare".

"Su console puoi creare 10 o 20 mila elementi geometrici per ogni frame, e avere 30 o 60 fps. Su PC, invece, a causa di come sono pensate le DirectX, non puoi avere più di 2 o 3 mila chiamate al frame senza avere problemi di prestazioni. Il PC, quindi, può effettivamente garantire solo un decimo di prestazioni se si vogliono avere immagini con tanti oggetti diversi".

Le DirectX 11 supportano maggiormente l'istanziamento: quindi si possono ottenere con facilità tanti oggetti dello stesso tipo per ogni immagine. Ma, secondo Huddy, su console è più facile produrre immagini variegate con tanti oggetti diversi presenti contemporaneamente.

All'inizio del ciclo vitale delle console gli sviluppatori operano in maniera simile agli sviluppatori per PC. Essendo l'hardware della console ancora sconosciuto, infatti, fanno ricorso al Software Development Kit allestito per loro. Sviluppando nuovi videogiochi, però, entrano maggiormente a contatto con l'hardware della console, che finiranno per conoscere istruzione per istruzione.

Secondo l'articolo su Bit Tech si passa così a uno sviluppo di tipo direct-to-metal, in cui si sviluppa direttamente sull'hardware con l'obiettivo di spremerlo al massimo. Ovviamente, questo tipo di sviluppo su PC è quasi del tutto irrealizzabile, a causa delle tante configurazioni hardware possibili.

"Avere accesso diretto all'hardware renderebbe inutili i driver e consentirebbe di gestire la memoria a basso livello, come avviene in qualche modo con CUDA", conclude Huddy. "Ha senso avere una struttura standardizzata, ma secondo noi le API devono essere il più trasparenti possibile e consentire l'accesso diretto all'hardware. Questo non solo migliorerebbe le prestazioni, ma consentirebbe di sfruttare al meglio le caratteristiche dell'hardware".

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zanardi8421 Marzo 2011, 11:37 #1
Uhm, interessante!
Del resto c'era da aspettarsi prima o poi un'uscita che criticasse il trend degli ultimi anni. Qualcuno di voi sa quanti ditoli DX 10 e DX 11 nativi, esclusivi per pc esistono?
Oltretutto, i giochi fatti per console e poi portati su pc sono sempre meno ottimizzati e a volte anche assai brutti da vedere (l'effetto luminoso è assai irrealistico quando si punta sul giallastro). Parliamo di giochi progettati per hardware di 6 o 7 anni fa, mentre ogni anno escono nuove generazioni di schede video sempre più avanzate. Oltretutto se dovessimo fare un confronto tra le schede video del tempo e le console, nulla ci vieta di pensare che quei giochi possano andare bene con hardware di anni fa, mentre purtroppo non è così: vedere mostri mangiacorrente o minibarbecue arrancare su titolacci di anni e anni fa è una cosa inammissibile.
Eulogy21 Marzo 2011, 11:48 #2
"Una scheda video di nuova generazione ha una potenza computazionale dieci volte superiore a quella dell'hardware di XBox 360 e di PlayStation 3, ma sicuramente non ci sono su PC giochi dieci volte più belli che su console"


Si è dimenticato che il 99% dei giochi per pc sono porting da console o gli sfugge questo leggerissimo dettaglio?

"Se abbandonassimo le API, invece, la gente sarebbe in grado di renderizzare tutto quello che può immaginare, e non si limiterebbe a fare solo quelle che le API consentono di fare"


Le API servono per consentire agli sviluppatori di non dover riscrivere il codice per tutte le architetture disponibili sul pc, che ricordo non essere solo due come sulle console.
Se non avessimo le API si creerebbero solo problemi, gli sviluppatori impiegherebbero il quadruplo del tempo per realizzare giochi su pc poichè li devono far andare su tutte le schede video con ripercussioni sull'azienda produttrice che dovrebbe pagare il quadruplo per poi non essere sicura che vadano in maniera ottimale...

In questo modo sta semplicemente dicendo "A tutti i programmatori, piantatela di programmare su pc che tanto non sfrutterete mai il suo potenziale e create i giochi per console dove sfrutterete il loro vero potenziale superando il pc poichè è bloccato dalle API!" /trollface

Io mi domando com'è possibile dire queste cose...
Tommo21 Marzo 2011, 11:49 #3
Purtroppo se non ci fosse DirectX, dalle console non arriverebbero più nemmeno i porting

L'hardware del PC è variegato e complessissimo, e mentre è fattibile scriversi il "driver di gioco" per gestire la GPU su console, che è e sarà sempre uguale, su pc sarebbe un incubo.
Bisognerebbe in pratica scrivere a mano il driver per ogni diversa architettura di ogni diverso produttore, e non sono pochi: Nvidia vecchie, 8***, 2**, 3**, 5**; AMD vecchie, Dx10 e Dx11, le intel integrate, le intel di Sandy Bridge. Solo così a occhio sarebbero 10 architetture da studiare e supportare, 10+ volte il lavoro di prima. Chi si offre?

Sicuramente (?) le prestazioni ne gioverebbero, ma fare un gioco diventerebbe un processo talmente costoso che pochissimi se lo potrebbero permettere, al massimo gente tipo Epic o Crytek che coi motori grafici ci campano.
egounix21 Marzo 2011, 12:00 #4
Originariamente inviato da: Tommo
Purtroppo se non ci fosse DirectX, dalle console non arriverebbero più nemmeno i porting

L'hardware del PC è variegato e complessissimo, e mentre è fattibile scriversi il "driver di gioco" per gestire la GPU su console, che è e sarà sempre uguale, su pc sarebbe un incubo.
Bisognerebbe in pratica scrivere a mano il driver per ogni diversa architettura di ogni diverso produttore, e non sono pochi: Nvidia vecchie, 8***, 2**, 3**, 5**; AMD vecchie, Dx10 e Dx11, le intel integrate, le intel di Sandy Bridge. Solo così a occhio sarebbero 10 architetture da studiare e supportare, 10+ volte il lavoro di prima. Chi si offre?

Sicuramente (?) le prestazioni ne gioverebbero, ma fare un gioco diventerebbe un processo talmente costoso che pochissimi se lo potrebbero permettere, al massimo gente tipo Epic o Crytek che coi motori grafici ci campano.


putroppo?
magari!

e magari avrei pure linux sotto, come so game.
-> già che i drivers ati/nvidia van anche meglio
Yakkuz21 Marzo 2011, 12:06 #5
AMD che fa un complimento a CUDA di Nvidia?

Se non è un errore allora è una cosa seria!
coschizza21 Marzo 2011, 12:48 #6
Originariamente inviato da: egounix
putroppo?
magari!

e magari avrei pure linux sotto, come so game.
-> già che i drivers ati/nvidia van anche meglio


che vantaggio avresti a complicare lo sviluppo dei giochi di un fattore 10x ? pagheresti di piu e avresti meno compatibilita nel futuro
egounix21 Marzo 2011, 12:54 #7
Originariamente inviato da: coschizza
che vantaggio avresti a complicare lo sviluppo dei giochi di un fattore 10x ? pagheresti di piu e avresti meno compatibilita nel futuro


più libertà

con le ciofeche vendute, sino a questo momento, mi pare non siano state fruttuose ste dx11
che i giochi su console restino lì, no porting.
trapanator21 Marzo 2011, 13:06 #8
beh non esistono solo le directx. Ci sono anche altri motori, come quello di unigine (gioco in prossima uscita: Oil Rush), che girano su tutte le piattaforme: Win, Mac e Linux. Hanno anche fatto un port su iOs e Android...

secondo me il futuro è questo.
eeetc21 Marzo 2011, 13:10 #9
l'approccio direct-to-metal mi pare leggerissimamente fuori tempo.. la tendenza è usare strumenti software sempre più "astratti" e ad alto livello.. o vogliamo ritornare anche a programmare in Assembly?
ormai le DirectX ci sono e ce le teniamo, l'alternativa sarebbe creare un equivalente libero, multipiattaforma e aggiornato (no, OpenGL non va bene, o avrebbe conosciuto un successo maggiore di quello che ha..)
Markk11721 Marzo 2011, 13:11 #10
porting scandalosi state distruggendo il pc gaming altro che pirateria!!! per fortuna Battlefield sta dimostrando il contrario!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^