Amazon Fire TV: ecco cosa c'è sotto la scocca

Amazon Fire TV: ecco cosa c'è sotto la scocca

Solo meno di una settimana fa Amazon ha rivelato il suo set-top box, termine con il quale vengono definiti particolari accessori che completano la propria TV con funzionalità "smart". iFixit ne ha eseguito il consueto teardown, mostrandone i contenuti

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:01 nel canale Videogames
Amazon
 

"È molto piccola, incredibilmente potente e semplicissima", con queste parole Peter Larsen ha annunciato la nuova Amazon Fire TV, un nuovo set-top box con il quale completare le funzionalità del proprio televisore, con una vasta gamma di contenuti.

Amazon Fire TV, componenti interne

L'accessorio è finito sotto i ferri dei ragazzi di iFixit, che ne hanno mostrato il design interno. Sotto la scocca troviamo un Qualcomm Snapdragon quad-core da 1,7GHz con architettura Krait 300 e GPU Adreno 320, con 2GB di memoria RAM LPDDR2 (Samsung) funzionante alla frequenza operativa di 533MHz. Lo storage integrato è di 8GB (Toshiba), mentre è previsto il supporto di Wi-Fi 802.11a/b/g/n e Bluetooth 4.0.

Sul retro troviamo, da sinistra verso destra, il connettore da 5,5mm per l'alimentazione, un'uscita HDMI 1.4b, un'uscita ottica di tipo Toslink, una porta Ethernet 10/100 ed una porta USB 2.0 full-size. Fire TV è prodotto in maniera semplice: due parti distinte formano lo chassis, ed al centro troviamo scheda logica e dissipatore di calore.

L'alimentatore è separato e, in caso di rottura, basterà semplicemente sostituirlo senza rendere necessari ulteriori lavori di manutenzione. Le viti utilizzate all'interno sono le standard Phillips.

Nonostante i tanti punti positivi, tuttavia, iFixit dà solamente la sufficienza alla nuova micro-console di Amazon: il dissipatore è infatti installato con un collante parecchio forte e la plastica utilizzata per la scocca è molto sottile. Le due parti dello chassis sono, inoltre, connesse ad incastro, senza l'uso di alcuna vite.

L'elemento forse meno piacevole, dal punto di vista della possibilità di future riparazioni, è probabilmente l'integrazione di tutta la componentistica in un'unica scheda logica. Fire TV ha un design pulito ed ordinato ma, se si necessita di una riparazione, sarà indispensabile il più delle volte sostituire tutte le componenti interne.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf07 Aprile 2014, 18:43 #1
Riparabilità bassa semplicemente perchè non c'è nulla da riparare, se si rompe la butti.
Fabioamd8707 Aprile 2014, 18:59 #2
infatti è proprio quello il problema.
Sasuke8707 Aprile 2014, 19:30 #3
Lo store proprietario è un altro problema...
Bivvoz07 Aprile 2014, 21:23 #4
Originariamente inviato da: Sasuke87
Lo store proprietario è un altro problema...


Perchè esistono store non proprietari?
Verdammt8908 Aprile 2014, 02:02 #5
Originariamente inviato da: Bivvoz
Perchè esistono store non proprietari?


Questa è pura pignoleria...dai, che cattivo!
Bivvoz08 Aprile 2014, 08:52 #6
Originariamente inviato da: Verdammt89
Questa è pura pignoleria...dai, che cattivo!


Lo trovo più realismo che pignoleria.
Non capisco perchè lo store Google è bello e quello Amazon "peccato sia proprietario", perchè quello Google non è di Google?
Non hanno forse politiche simili?
Come è vero che Amazon non ha alcune app. come browser alternativi e le google app. perchè così spinge il proprio ecosistema è altrettanto vero che Google non ha app. come youtube downloader e adblock per proteggere i propri interessi.
Verdammt8908 Aprile 2014, 19:47 #7
Originariamente inviato da: Bivvoz
Lo trovo più realismo che pignoleria.
Non capisco perchè lo store Google è bello e quello Amazon "peccato sia proprietario", perchè quello Google non è di Google?
Non hanno forse politiche simili?
Come è vero che Amazon non ha alcune app. come browser alternativi e le google app. perchè così spinge il proprio ecosistema è altrettanto vero che Google non ha app. come youtube downloader e adblock per proteggere i propri interessi.


La mia era solo una risposta bonaria...
Comunque secondo me dipende dai punti di vista, alla fine lo store principale è di google quindi google play, POI c'è il resto, come lo store kindle, che è comunque un'alternativa o succedaneo di google play e quest'ultimo parlando di numero di download e di applicazioni famose e meno famose la fa da padrone checché se ne dica.
Senza nulla togliere allo store amazon, anche io ne usufruisco perché ha app che non ha GP.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^