Aiomi crea l'Osservatorio Permanente sulla Pirateria

Aiomi crea l'Osservatorio Permanente sulla Pirateria

Il nuovo organismo interno all'associazione si occuperà di analizzare il fenomeno pirateria.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:09 nel canale Videogames
 

Aiomi, l’Associazione Italiana Opere Multimediali Interattive - Movimento per la Cultura del Videogioco, ha annunciato la costituzione del nuovo Osservatorio Permanente sulla Pirateria, "il cui obiettivo principale è l’analisi della pirateria nella sua complessità e completezza", stando alle parole usate nella nota ufficiale.

Il team di lavoro, attualmente composto da quindici ricercatori, tecnici ed esperti provenienti da differenti settori, è guidato dal Coordinatore e Responsabile Scientifico Dott. Giulio Meduri, specializzato in materia di copyright in ambito nazionale e internazionale.

Dal manifesto del nuovo Osservatorio: "Sempre più attuale nell'ambito dei media di intrattenimento è il complesso sistema di casistiche che coinvolgono il copyright, il diritto d'autore e la pirateria. Obiettivo dell'Osservatorio è quindi quello di condurre studi per il settore di riferimento che possano stimolare e produrre una nuova metodologia di indagine in grado di definire il fenomeno della pirateria in modo oggettivo e sistematico".

Aiomi nasce per diffondere e preservare la cultura del videogioco inteso come mezzo artistico di espressione del pensiero oltre che prodotto industriale d'eccellenza. È stata recentemente coinvolta nel caso Gioventù Ribelle, progetto fallimentare che faceva parte delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia e sostenuto da finanziamenti statali, a cui aveva dato visibilità nel periodo del lancio iniziale. Successivamente, Aiomi si è ufficialmente dissociata dal progetto.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ulk14 Febbraio 2012, 09:11 #1
Basta che lo stato o più semplicemente pantalone non ci debba mettere soldi.
HostFat14 Febbraio 2012, 09:17 #2
Sarà un nuovo organo di propaganda delle piovre del copyright?
sintopatataelettronica14 Febbraio 2012, 09:56 #3
Con cosa la osservano la pirateria, col telescopio ?

Sembra l'ennesimo ente inutile per intascare/distribuire mazzette e stipendiare - coi soldi della collettività - incapaci improduttivi ma figli/parenti/amanti di gente importante..

Mamma mia, ma perché non riusciamo a eliminare queste distorsioni, ci credo che siamo sull'orlo del fallimento.

Altro che la pirateria.. c'è da combattere in italia.

(Che tristezza, che rabbia. Non cambia mai un cippero)
futu|2e14 Febbraio 2012, 10:02 #4
Originariamente inviato da: sintopatataelettronica
Sembra l'ennesimo ente inutile per intascare/distribuire mazzette e stipendiare - coi soldi della collettività - incapaci improduttivi ma figli/parenti/amanti di gente importante..


Esattamente
Stefano.ermacora14 Febbraio 2012, 10:13 #5

....

quote "Il team di lavoro, attualmente composto da quindici ricercatori, tecnici ed esperti provenienti da differenti settori"/quote | beh certo, ci vuole gente superqualificata per capire quali sono le motivazioni che porta le persone comuni a scaricare film giochi e quant'altro, invece che comprarla.
Magari finalmente ho qualche chance di trovare un lavoro... adesso gli mando il CV
evil weasel14 Febbraio 2012, 10:34 #6
già, si sentiva proprio la mancanza dell'ennesimo "osservatorio"...
uncletoma14 Febbraio 2012, 11:54 #7
Aiomi più che un ente (inutile) sembra il nome di un personaggio da manga/anime: Toshiro Aiomi
Notturnia14 Febbraio 2012, 12:22 #8
effettivamente questo è inutile.. c'è la GdF per queste cose.. e se non erro la polizia postale ha la sottosezione crimini informatici..
MIK014 Febbraio 2012, 15:30 #9
Originariamente inviato da: Tyrael87
AIOMI... quella della premiata ditta Rickards-Carbone?

Esatto. Chi li conosce sa bene quale sia l'entità dei loschi figuri che li celano alle spalle di questa associazione. E tutto ciò che toccano è marcio.
yukon14 Febbraio 2012, 15:51 #10
me è un ente statale o privato?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^