Abissi di Cobalto espande in autunno Anno 2070

Abissi di Cobalto espande in autunno Anno 2070

Ubisoft annuncia l'espansione del suo gestionale, prevista per il prossimo autunno.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:58 nel canale Videogames
Ubisoft
 

Un nuovo livello di civilizzazione, un'esperienza di gioco sempre più ricca e contenuti inediti e sfide aggiuntive sono le tre aree in cui Ubisoft vuole migliorare il suo gestionale Anno 2070 con l'espansione Abissi di Cobalto, che ha appena annunciato e che diventerà disponibile nel corso del prossimo autunno.

Anno 2070: Abissi di Cobalto

L'espansione introduce, per la prima volta nella serie, un nuovo livello di civilizzazione all'interno di un'espansione, visto che la fazione dei Tech potrà progredire fino alla classe dei "Geni". La nuova classe consente di accedere a nuovi monumenti dei Tech, oltre a nuove catene produttive e beni di consumo. Inoltre, offre nuovi veicoli e oggetti, che permetteranno ai giocatori di sviluppare le proprie industrie, rinforzare le proprie attività economiche e sfruttare nuove risorse.

I giocatori potranno anche: acquisire territori nemici senza l'uso della forza militare attraverso la funzione "Acquisizione ostile", risolvere i problemi energetici costruendo nuove centrali geotermiche sottomarine, ottimizzare le forniture energetiche attraverso i "trasferimenti energetici" tra le isole, affrontare una nuova e pericolosa calamità: lo tsunami, sbloccare nuove ricompense per lo sviluppo di ogni fazione, sfruttare a proprio vantaggio le nuove vie commerciali sottomarine, affrontare 150 nuove missioni e 30 nuovi obiettivi, confrontarsi con gli altri giocatori attraverso le classifiche.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^