123 euro per produrre PS Vita, secondo gli esperti

123 euro per produrre PS Vita, secondo gli esperti

Se le stime fossero corrette, Sony avrebbe molto spazio per ridurre il prezzo, dopo le difficoltà riscontrate in Giappone.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:03 nel canale Videogames
Sony
 

Secondo una ricerca realizzata da Ubm, produrre una singola unità di PlayStation Vita costerebbe 159,10 dollari, pari a 123,25 euro. Come nel caso del lancio di Nintendo 3DS, ciò lascerebbe molto spazio al produttore nipponico per ridurre il prezzo di vendita finale della console. Al momento del lancio in Europa, ricordiamo, il modello Wi-Fi di Vita sarà in vendita al prezzo consigliato al pubblico di 252.99 €, mentre per il modello 3G/Wi-Fi il prezzo consigliato al pubblico è di 302.99 €.

UBM è arrivata al prezzo finale prendendo in considerazione i costi di produzione di ciascuna componente di Vita. Ecco quali sono le sue proiezioni per il modello con il modulo 3G:

  • Display e touchscreen: $50
  • Batteria: $3.60
  • Videocamere: $3.50
  • Wi-Fi/BT/GPS: $3.50
  • NAND: $6.00
  • SDRAM: $9.25
  • Processore: $16.00
  • BB+XCR: $16.25
  • Componenti non elettroniche: $11.00
  • Altro: $30.00
  • Materiali di supporto: $10.00

Questo dato ovviamente non considera i costi dovuti all'ingegnerizzazione, alla ricerca e allo sviluppo, e al marketing. Tenendo in considerazione che, quindi, si tratta esclusivamente dei costi dei materiali con cui la console viene prodotta, c'è una differenza di circa 140 (108 euro) dollari tra il prezzo di vendita e il costo di produzione. La console, inoltre, richiede uno sforzo indifferente per essere prodotta, visto che costruire un esemplare di 3DS, al momento del lancio, costava poco più di 78 euro.

L'ampia differenza tra i costi di produzione e il prezzo al pubblico ha consentito a Nintendo di praticare un forte cambiamento nella politica dei prezzi di listino, riducendo di addirittura un terzo il prezzo di 3DS dopo circa 5 mesi dal lancio. Il prezzo cambiò da da $ 249 a $ 169.

Solitamente i produttori di hardware offrono un margine di guadagno ai rivenditori che varia tra il 5 e il 7,5% prima che l'IVA venga applicata. Secondo alcune fonti provenienti da catene retail, contattate da Eurogamer, il prezzo richiesto da Sony ai rivenditori del Regno Unito per ciascun esemplare di Vita è di £ 179,05 per il modello di base e di £ 217,97 per il modello con il modulo 3G. Ciò equivale a dire che Sony realizza un margine di 115 sterline (138 euro circa) su ogni unità di PlayStation Vita venduta nel Regno Unito.

PlayStation Vita è una console che offre una serie di feature interessanti, con un grosso potenziale di crescita. Va incontro a difficoltà che riguardano l'intero settore dei videogiochi, principalmente per lo spazio che stanno conquistando i freemium game, i giochi gratuiti e il gaming su mobile. Le vendite in Giappone sono in calo, visto che sono passate dalle oltre 325 mila unità vendute nella settimana di lancio alle 18 mila unità vendute nella settimana con termine al 15 gennaio, come riferito qui.

"Credo che Vila abbia un grande valore, ma anche che è stata lanciata in un periodo inopportuno", dice Michael Pachter, analista di Wedbush Morgan, a Eurogamer. "Il numero di persone che intende comprare un dispositivo dedicato ai videogiochi sta diminuendo, e le schede proprietarie vendute da Sony offrono poco spazio per contenere i download multimediali".

"Vita viene venduta a un prezzo competitivo, ma è praticamente lo stesso prezzo di PS3. Credo che la maggior parte delle persone siano innanzitutto interessate a comprare la console domestica. Chi ha già PS3, inoltre, potrebbe pensare di investire quei soldi su una Xbox 360 prima di comprare Vita. Su Psv, infatti, ci sono franchise già noti ai possessori di PS3, come Uncharted, e magari potrebbe essere più interessante provare qualcosa di nuovo come Halo o Gears of War. Vita è un'ottima console, ma sul fronte delle vendite la vedo dura. Sarebbe andata meglio tra il 2004 e il 2006".

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar23 Gennaio 2012, 12:00 #1
Non mi è molto chiaro il discorso sui margini.

Se ad un rivenditore sony chiede 179£, a cui poi questi applicheranno il loro margine e le tasse (fino ad arrivare ad un prezzo vicino a quello consigliato per la vendita retail), e solo i componenti della consolle costano a sony l'equivalente di circa 102£, il margine al netto degli altri costi pare essere di 77£ (e non 115), per lo meno sul modello base.

Se a questi poi aggiungiamo l'ammortamento dei costi fissi come R&S e promozione e gli altri costi come assemblaggio, trasporto, ecc... direi che il margine per Sony, al momento, non è poi così elevato.
Portocala23 Gennaio 2012, 12:16 #2
L'IVA in Japan è 5%
ghiltanas23 Gennaio 2012, 12:49 #3
Originariamente inviato da: Portocala
L'IVA in Japan è 5%


beati loro!
ice_v23 Gennaio 2012, 12:51 #4
se venderanno più di 5000 unità quest'anno in Italia possono ritenersi anche molto soddisfatti imho.
ghiltanas23 Gennaio 2012, 12:54 #5
Originariamente inviato da: ice_v
se venderanno più di 5000 unità quest'anno in Italia possono ritenersi anche molto soddisfatti imho.


alexdal23 Gennaio 2012, 17:03 #6
L'iva negli USA e' zero!

ma c'e' la tassa sugli acquisti, a secoda dello stato tra 0% e 10%
Afterandre23 Gennaio 2012, 18:09 #7
Mamma mia il discorso di Patcher è delirante (as usual)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^