100 posti di lavoro in Sony US sono ridondanti

100 posti di lavoro in Sony US sono ridondanti

Lo afferma il portavoce della società David Karraker. La questione licenziamenti si estende dalla sede europea a quella americana di Sony Computer Entertainment.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:04 nel canale Videogames
Sony
 
Un numero ancora imprecisato di impiegati di Sony Computer Entertainment America potrebbe essere licenziato. E' quanto si apprende da alcune dichiarazioni del portavoce della società David Karraker, rilasciate a Kotaku. Si tratterebbe di un minimo di 80 posizioni lavorative, fino ad un massimo di 100, le quali sono considerate attualmente ridondanti.

"Nel tentativo di assecondare i cambiamenti dell'industria e le necessità dei consumatori, Sony Computer Entertainment America ritiene necessario analizzare l'andamento del mercato e ristrutturare la compagnia per mantenere la posizione di leader", sostiene Karraker. "Operazioni di ristrutturazione sono già in corso e includono l'ottimizzazione delle operazioni e altre iniziative volte a fortificare la società, ridurre i costi e incrementare l'efficienza".

Secondo quanto appreso da Kotaku, la società organizzerà degli incontri per discutere dei licenziamenti. Tali incontri dureranno per tutta la giornata. Il motivo per cui si è giunti a questa decisione sembra riguardare le perdite che Sony ha riportato nell'ultimo periodo a causa del lancio di PlayStation 3 e la continua crescita dei costi di produzione dei giochi di nuova generazione.

Già nello scorso aprile Sony Computer Entertainment Europe annunciava che le posizioni lavorative di 160 impiegati erano in corso di valutazione perché considerate ridondanti (vedi qui).

[AGGIORNAMENTO] In una dichiarazione a Nextgen.biz, David Karraker ha escluso che i licenziamenti dipendano, in qualche modo, dalle vendite di PlayStation 3: "Questa decisione non è legata ad alcun prodotto. Riflette, invece, i cambiamenti del mercato e le necessità dei consumatori, come la richiesta di prodotti in formato digitale e di servizi online. Per mantenere la leadership nel mercato, il management di SCEA ha ritenuto necessario analizzare il business e ristrutturare la compagnia se necessario".

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Aragorn7707 Giugno 2007, 09:24 #1
Mi spiace per quelli che verranno licenziati anche se colo coinvolti in questa storia. Purtroppo era ipotizzabile una comportamento del genere dopo tutti i soldi persi. E' ora di cominciare a riflettere sui propri errori.
Kintaro7007 Giugno 2007, 09:34 #2
Normale che se il mercato si contrae anche i posti di lavoro calano, peccato per le 80-100 famiglie che ne risentiranno.
Portocala07 Giugno 2007, 09:42 #3
personalmente penso che siano personaggi del management e non della produzione e li che cè sempre la ridondanza tra chief manager e chief executive manager e chief relations manager e balle varie.

ci sono 50 managers e 100 persone che lavorano ... percui se licenziano quelli sicuramente non moriranno di fame
ciop7107 Giugno 2007, 09:49 #4
I manager non vengono licenziati neanche se sbagliano tutto, i sacrificati saranno tutta gente della produzione che non ha alcun potere decisionale.
E' così purtroppo, se sbagliano i dirigenti vengono licenziati i lavoratori e si applaude al risanamento dell'azienda.
Wonder07 Giugno 2007, 11:07 #5
Altre 100 persone che boicotteranno Sony.
XSonic07 Giugno 2007, 12:19 #6
Originariamente inviato da: Wonder
Altre 100 persone che boicotteranno Sony.
Ma lol!
METATHRON07 Giugno 2007, 13:33 #7

i prezzi europei di sony

io sono perplesso da una cosa: se vedete il prezzo di qualunque prodotto sony negli usa e poi lo vedete da noi: spesso qui i prodotti sony costano fino al doppio. esempio cercate un bravia da 40" xbr3. negli usa lo trovate a 1990 $ (circa 1475 €). in italia si va da 2900 a 2550€. e la cosa funziona con tutti i prodotti. poi se vedete su ebay negli usa lo stesso tv potete averlo per 1300€. i prezzi sony in italia sono fuori mercato.
io lo trovo grave.
perchè spennano solo noi europei (che tra l'altro abbiamo un reddito procapite inferiore agli usa, anche fino alla metà?
perchè ci fanno pagare le cose il doppio?
non sarebbe il caso di rivedere la politica dei prezzi? in un modo + equo...

ciao a tutti
The_misterious07 Giugno 2007, 18:02 #8
Originariamente inviato da: METATHRON
io sono perplesso da una cosa: se vedete il prezzo di qualunque prodotto sony negli usa e poi lo vedete da noi: spesso qui i prodotti sony costano fino al doppio. esempio cercate un bravia da 40" xbr3. negli usa lo trovate a 1990 $ (circa 1475 €). in italia si va da 2900 a 2550€. e la cosa funziona con tutti i prodotti. poi se vedete su ebay negli usa lo stesso tv potete averlo per 1300€. i prezzi sony in italia sono fuori mercato.
io lo trovo grave.
perchè spennano solo noi europei (che tra l'altro abbiamo un reddito procapite inferiore agli usa, anche fino alla metà?
perchè ci fanno pagare le cose il doppio?
non sarebbe il caso di rivedere la politica dei prezzi? in un modo + equo...

ciao a tutti

bè oddio qui centra fino ad un certo punto Sony..qualsiasi cosa costa di + in Italia...basta che vai in Germania e molto probabilemnte avrai un pezzo migliore..
express8408 Giugno 2007, 16:31 #9
basta con questo odio verso sony, mi rendo conto che essendo una multinazionale può creare disastri, ma è anche al primo posto nella ricerca di nuove tecnologie, è tra le più ecologiche e cura molto il design e l'affidabilità
sony ha due linee di prodotti commerciali:
-di massa
-professionali

ovviamente nel primo caso ci trovate quelli ad un prezzo inferiore, con un design poco curato e un prodotto che nn ha delle grandi prestazioni;
mentre per quelli professionali ci sono di altissima qualità! come i bravia, le cybershot, l'alpha, i vaio, gli impianti stereo componibili, ecc..

sony ha promosso il minidisc, il superaudio cd, le cam hdd, sta promuovendo il blue ray disc

purtroppo per motivi di abitudine e di costo, sono prodotti che non riescono a trovare una fetta di mercato.. ma la qualità c'è

ci sono diverse multinazionali nel settore, ma quali di queste offre un prodotto sicuro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^