Counter-Strike GO: perché i pro player giocano in 4:3

Counter-Strike GO: perché i pro player giocano in 4:3

Abbiamo fatto un viaggio nel mondo di Counter-Strike Global Offensive e degli eSport, alla ricerca delle migliori configurazioni usate dai pro player, delle impostazioni che permettono di avere vantaggi competitivi e di ciò che vuol dire eSport oggi, tra pubblico in crescita e sponsorizzazioni sempre più forti. Per aiutarci a districarci in questo articolato mondo abbiamo contattato Guglielmo Carraro, in arte "GUGLi", leader del team di CS GO di TeS Gaming, e Mauro Lucchetta, psicologo dello sport e dell'eSport.

di Dorin Gega, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Le periferiche da gioco usate dai PRO player

Counter-Strike GO, come i suoi predecessori, permette quindi ai giocatori di regolare fino ai minimi particolari la configurazione del mouse, in modo da avere comportamenti differenti a seconda delle situazioni di gioco. I pro player conoscono quindi perfezione il tipo di reazione che avranno dalla loro periferica, in modo da evitare effetti sgraditi o non padroneggiabili. Tale tipo di precisione in CS GO è richiesta anche per quanto riguarda il mouse.

I mouse più largamente adottati dai PRO player sono Zowie EC1-A e EC2-A
Tornando allo spreadsheet, questo fornisce interessanti informazioni anche sul modello di periferiche di gioco usate dai pro player. Molto curioso come i mouse più largamente adottati siano Zowie EC1-A e EC2-A. Zowie è il brand di BenQ dedicato espressamente agli eSport che, sulla base di questo documento, viene preferito rispetto a brand più popolari come Razer DeathAdder, SteelSeries Sensei, Logitech G303, comunque adottati da un importante numero di pro player.

Zowie EC2-A

Zowie EC2-A

Razer DeathAdder

Razer DeathAdder

SteelSeries Sensei

SteelSeries Sensei

Logitech G303

Logitech G303

Sottolineiamo anche la presenza di Cooler Master Mizar, un mouse anche in questo caso minimalista e versatile che usa il sensore laser Avago 9800 fino a 8200 DPI. Pesa circa 120 grammi ed equipaggia gli switch Omron. Il Mizar permette di di gestire quattro livelli di DPI e presenta pannelli laterali in gomma rinforzata. Il polling rate di questa periferica è 1000 Hz / 1 ms, la velocità di tracking di 150 ips / 30 g e le dimensioni pari a 60,4 x 40,2 x 124,8 mm.

Cooler Master Mizar

Cooler Master Mizar

Tra i mousepad più diffusi, invece, troviamo Razer Goliathus Speed, SteelSeries QcK, Zowie G-SR. Ci sono informazioni anche sui monitor, dove torna a svettare ancora BenQ con il modello XL2430T. ASUS VG248QE, AOC G2460P, EIZO Foris FG2421, ASUS PG278Q, AOC G2460P e Dell S2716DG figurano anch'essi nello spreadsheet. Da notare, inoltre, come i pro player optino soprattutto per i refresh rate di 120 e di 144 Hz, mentre i nuovi 240 Hz sono scarsamente adottati. Anche se, per via del fatto che CS GO è basato su tecnologia grafica di precedente generazione, gli hardware moderni sono in grado di produrre prestazioni degne di nota e arrivare ai 200 fps e oltre che servono per sfruttare un monitor del genere. Tecnologie di sincronizzazione adattive, inoltre, permettono di contenere le latenze senza rinunciare alla fedeltà visiva: è il caso, ad esempio, di NVIDIA G-Sync. Abbiamo affrontato questi argomenti qui.

Scream One

Scream One

Quali periferiche, invece, preferisce usare GUGLi? "Ora come ora sto usando lo Scream ONE come mouse, Blackwidow come tastiera, Cloud2 come cuffie ed il BENQ XL2411 come monitor", risponde. "Il monitor 144hz è un must per Counter-Strike GO mentre il resto del gear dipende dalla persona e dal grip".

 
^