I 20 videogiochi più attesi del 2017

I 20 videogiochi più attesi del 2017

All'interno di ogni pagina trovate le informazioni più fresche su ciascun gioco, le più recenti immagini e gli ultimi video. Abbiamo inserito nella rassegna i titoli che realisticamente hanno buone possibilità di essere effettivamente rilasciati nel 2017.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

God of War

Scheda
publisher: Sony Interactive Entertainment
software house: SIE Santa Monica Studio
piattaforme: PS4
data di pubblicazione: 2017

Annunciato nella scorsa edizione dell'E3, il nuovo God of War consiste in una reimmaginazione della serie costruita su un netto cambio di ambientazione. È un restyling molto atteso dai fan, che passa dalla classica mitologia greca iper-violenta della serie all'ambientazione norrena. Un cambio che sicuramente ha senso, anche perché Kratos nei capitoli precedenti aveva già ucciso tutte le divinità greche.

Nella demo dell'E3 si è visto un Kratos barbuto che istruisce il proprio figlio. I due successivamente attaccano un troll. Mentre il Kratos originale combatte con una coppia di pugnali, il nuovo utilizza un'ascia. La demo si contraddistingue per toni più riflessivi e teneri rispetto alla tradizione della serie. Allo stesso tempo, God of War si conferma come un action brutale e contemporaneamente toccante e intimo, costruito su un promettente radicale cambio delle meccaniche di gioco.

Il contesto narrativo del nuovo God of War coesisterà senza problemi con tutto il background precedente della serie. Nel mondo di gioco ciascuna cultura mitologica coesiste con le altre ed è semplicemente separata da un punto di vista geografico. Kratos ha viaggiato dalla Grecia alla Norvegia, dove prosperano nuovi miti e nuovi dei, ma nonostante questi cambiamenti il protagonista non vivrà nell’era storica dei vichinghi. La scelta di introdurre un bambino, inoltre, sarà tra i principali fattori di cambiamento rispetto alla tradizione della serie.

Il gameplay sarà decisamente differente rispetto alla tradizione della serie, essendo ricostruito dalle fondamenta. A differenza di alcuni capitoli della serie come Ascension del 2013, inoltre, il nuovo God of War sarà un gioco esclusivamente single player. Ci saranno spiccate componenti da gioco di ruolo classico, come la possibilità di padroneggiare le abilità nel tiro con l'arco. Inoltre, durante i combattimenti i giocatori potranno gestire un'abilità a tempo conosciuta come Spartan Rage e che è una sorta di evoluzione della corrispondente meccanica dei giochi precedenti.

I giocatori potranno anche andare alla ricerca di risorse per costruire degli oggetti utili alla sopravvivenza. Kratos ha perso le sue spade alla fine della storia di God of War III (2010), motivo per cui qui lo vedremo combattere con una nuova ascia da guerra magica, che può essere potenziata tramite abilità elementali. Questa ascia ha una storia molto complessa connessa alla moglie di Kratos e al bambino che si vede nel trailer. Kratos potrà combattere anche a mani nude, come già successo in Ascension, in alcune parti dell'avventura.

E non sarà l'unico personaggio controllabile, visto che in certi tratti si giocherà impersonando il giovane figlio. Quest'ultimo viene descritto alla stregua di una magia, come una risorsa strategica supplementare disponibile durante i combattimenti. Durante la storia, Kratos lo istruirà e ne migliorerà le abilità. Potrà infatti scoccare delle frecce contro i nemici, ma sarà utile anche nella risoluzione degli enigmi e nell'esplorazione. Potrà fungere anche come elemento di distrazione per alcuni nemici che Kratos si trova ad affrontare.

 
^