Deus Ex Mankind Divided è il gioco di ruolo del momento

Deus Ex Mankind Divided è il gioco di ruolo del momento

Abbiamo letteralmente divorato il seguito di Human Revolution. Da una parte non si possono negare le difficoltà tecniche e i problemi di prestazioni e instabilità, ma dall'altra ci sembra giusto valorizzare la profondità narrativa e ruolistica di un titolo che poggia le basi sull'ottimo lavoro fatto da Eidos Montreal con il predecessore del 2011.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Square EnixKoch Media
 

Direzione artistica

Al di là dell'ispirazione ad Half-Life 2 già citata, Eidos Montreal ha fatto un grosso lavoro per la direzione artistica di Deus Ex Mankind Divided. Si supera l'approccio da rinascimento cybernetico di Human Revolution, con la palette cromatica che insisteva sul nero e sul dorato, e si va verso toni più cupi. Sospetto, aggressività, misticismo, estremismo, regressione allo stato di feudalesimo corporativo sono le tematiche predominanti adesso, e per trasmetterle Eidos Montreal è andata a rivedere tutta una serie di concetti rispetto all'impostazione scelta per Human Revolution. Adotta molte più tonalità tendenti al grigio e infarcisce gli scenari con una serie di opprimenti edifici.

Si supera l'approccio da rinascimento cybernetico di Human Revolution, con la palette cromatica che insisteva sul nero e sul dorato, e si va verso toni più cupi
Per quanto riguarda le musiche, gli autori si sono ispirati al lavoro fatto per Human Revolution, del quale la nuova colonna sonora costituisce un'evoluzione. Allo stesso modo della parte visiva, anche in questo aspetto è stato necessario trasmettere i cambiamenti che sono occorsi tra Human Revolution e Mankind Divided, con la nuova connotazione assunta dai Potenziati: l'età d'oro dei potenziamenti è tramontata e gli umani meccanicamente migliorati sono emarginati dal resto della società. La parte musicale deve quindi procedere in maniera parallela rispetto ai tempi più bui e all'atmosfera più pesante, che si nota bene soprattutto nella parte di Golem.

Michael McCann è l'autore principale della colonna sonora, già responsabile di Human Revolution. Nel caso di Mankind Divided è stato coadiuvato da Sascha Dikiciyan, conosciuto anche come Sonic Mayhem, e da Ed Harrison. I giocatori riconosceranno in Sonic Mayhem il compositore della mitica e indimenticabile colonna sonora di Quake 2. I tre hanno rivisto non solamente i temi della colonna sonora principale, ma hanno scritto temi ex novo anche per la modalità Breach.

In Deus Ex Mankind Divided ogni personaggio ha una propria agenda di attività da svolgere, e ciascuno di loro nasconde una verità differente da quella che fa intendere. Tramite le conversazioni e le opzioni di dialogo disponibili è possibile discutere con loro di questioni di attualità e ottenere importanti informazioni in maniera del tutto pacifica o l'accesso verso aree che altrimenti richiederebbero strategie ben più complesse per la penetrazione. Tutti questi bivi consentono di alterare in maniera significativa ogni singolo playthrough.

I livelli di gioco, inoltre, sono stati concepiti in modo da consentire ai giocatori di esprimersi come vogliono, sia per quanto riguarda i potenziamenti da abilitare sia per le modalità con cui portare a termine le missioni. Ci sono le coperture e percorsi alternativi che consentono di cogliere impreparati i nemici.

 
^