I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

Abbiamo selezionato quelli che secondo noi sono i giochi presentati all'E3 che più faranno parlare di sé nei prossimi mesi. All'interno della rassegna non troverete quei titoli che sono stati solamente annunciati senza che sia stato mostrato qualcosa di concreto durante la fiera.

di Rosario Grasso, Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
MicrosoftSonyNintendo
 

Dishonored 2

Dishonored 2
publisher: Bethesda Softworks
software house: Arkane Studios
piattaforme: PC, PlayStation 4, Xbox One
data di pubblicazione: 11 novembre 2016

Finalmente abbiamo avuto modo di farci un’idea un po’ più precisa sulle principali novità che Arkane ha in serbo per Dishonored 2. In questo atteso secondo capitolo i giocatori avranno modo di vestire alternativamente i panni di Corvo Attano – già protagonista della cruenta vendetta andata in scena nel precedente episodio – oppure di Emily Kaldwin, la giovane figlia dell’imperatrice nel frattempo diventata adulta. La nuova avventura avrà inizio proprio durante il quindicesimo anniversario del complotto ordito ai danni dell’imperatrice, che ebbe come conseguenza il rapimento di Emily e l’ingiusta incriminazione di Corvo. Come già sappiamo l’ex Lord Protettore riuscì a prendersi la sua vendetta, anche grazie all’aiuto dei poteri conferiti da un misterioso individuo conosciuto come l’Esterno, la cui vera identità rimane tuttora poco chiara.

Diversamente da quanto avviene in altri titoli – come ad esempio The Witcher 3 o Assassin’s Creed Syndicate – in Dishonored 2 non sarà prevista l’alternanza tra i due personaggi, ma al contrario sarà necessario operare una scelta definitiva già nel corso del prologo. Arkane obbligherà quindi i giocatori a decidere con chi proseguire l’avventura e prevedibilmente questo approccio riserverà alcune variazioni consistenti all’intreccio narrativo e al tipo di scelte da intraprendere.

Come è stato spiegato dal lead designer Harvey Smith, anche Emily avrà modo di entrare in contatto con l’Esterno. Contrariamente a quanto avvenne per Corvo, la ragazza sarà libera di decidere se ricevere i poteri o rifiutarli. Di conseguenza optando per il personaggio femminile sarà possibile vivere l’intera vicenda senza ricevere nessuna abilità speciale. Al momento non è ancora chiaro cosa accadrà al personaggio non selezionato dal giocatore, anche se è auspicabile che quest’ultimo possa avere comunque un ruolo di qualche tipo durante il proseguo degli eventi.

Una delle principali fonti di attrattiva di Dishonored 2 riguarderà la nuova ambientazione di gioco, contraddistinta da un impatto visivo molto diverso rispetto al primo capitolo. Il prologo si svolgerà di nuovo tra le mura di Dunwall, ma dopo l’ennesimo rovesciamento del potere costituito i protagonisti saranno indotti a fuggire verso l’esotica città di Karnaca, capitale del Regno di Serkonos. Si tratta della città dove Corvo è cresciuto e ha servito come guardia reale, prima di essere spedito a Dunwall per proteggere l’imperatrice. Come si è potuto apprezzare dai video gameplay, mostrati nel corso della conferenza Bethesda, l’atmosfera di questo nuovo scenario sarà molto meno opprimente rispetto a quella precedente. I colori accesi restituiranno un feeling completamente diverso, sebbene la cifra stilistica sia ancora di altissimo livello. Sembra di osservare un quadro in movimento e questa componente, esattamente com’era già avvenuto in passato, sarà preponderante rispetto alla qualità grafica in senso stretto.

Una delle aree più importanti mostrata nel corso dell’E3 è stato il Dust District, un’area soggetta a frequenti tempeste di sabbia provenienti dalle vicine miniere. La frequente alterazione della visibilità permetterà di ottenere agevolazioni strategiche non indifferenti rispetto alle guardie nemiche, anche grazie ad una verticalità ancora più profonda delle mappe, attraverso la quale sarà ampliata la struttura mini sandbox che già aveva contraddistinto il primo capitolo. E’ quindi lecito attendersi possibilità ancora più ampie di variare il proprio approccio tattico durante il completamento degli incarichi, al punto che ogni partita potrà essere interpretata nei modi più vari e diversificarsi radicalmente dalle altre.

Le immagini mostrate finora si sono sempre focalizzate sul personaggio di Emily, che sarà dotata di poteri inediti e differenziati rispetto alle varianti di cui disporrà Corvo. Di nuovo sarà presente un’approfondita meccanica di potenziamento, affidata a nuovi alberi delle abilità. Finora sono stati mostrati quattro di questi poteri: Mesmerise permetterà di distrarre i nemici presenti nelle vicinanze, mentre Shadow Walk darà modo di assumere l’aspetto di un’ombra e di aggirare silenziosamente le ronde. Domino darà modo di selezionare un nemico e causare un effetto a catena su altri avversari opportunamente selezionati, ma non mancherà nemmeno l’opportunità di teletrasportarsi da una zona all’altra della mappa come già era in grado di fare Corvo. Gli sviluppatori hanno infine assicurato interessanti passi in avanti nella qualità dell’intelligenza artificiale, che reagirà con maggior prontezza ed organizzazione rispetto al passato. Non ci resta che attendere l’11 novembre, quando il gioco giungerà nei negozi su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

 
^