I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

Abbiamo selezionato quelli che secondo noi sono i giochi presentati all'E3 che più faranno parlare di sé nei prossimi mesi. All'interno della rassegna non troverete quei titoli che sono stati solamente annunciati senza che sia stato mostrato qualcosa di concreto durante la fiera.

di Rosario Grasso, Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
MicrosoftSonyNintendo
 

Horizon Zero Dawn

Horizon Zero Dawn
publisher: Sony
software house: Guerrilla Games
piattaforme: PlayStation 4
data di pubblicazione: 1 marzo 2017

Ad un anno di distanza dall’annuncio ufficiale, la nuova proprietà intellettuale di Guerrilla Games è tornata a far parlare di sé nel corso dell’E3 2016. Sono state condivise nuove sequenze di gameplay e alcune informazioni un po’ più approfondite, che abbracciano sia il mondo di gioco che la protagonista Aloy. Il contesto narrativo di Horizon Zero Dawn rimane ancora avvolto da un alone di mistero, ma la presenza di queste creature artificiali, all’interno di ambientazioni così primitive e selvagge, è anche una delle qualità più affascinanti del gioco. Al momento sappiamo che sono trascorsi mille anni da quando un’apocalisse senza precedenti ha colpito l’umanità, riportando le popolazioni a vivere in modo primitivo, mentre i territori saranno popolati da giganteschi robot dall’aspetto animale.

Per motivi ancora ignoti queste creature sono riuscite ad acquisire il dominio territoriale e hanno costretto le tribù umane a cercare riparo all’interno di luoghi fortificati e isolati. Aloy dal canto suo non intende affatto uniformarsi al resto della sua gente, ma è desiderosa di capire e di conoscere. La sua sete di risposte la induce a lasciarsi alle spalle il suo popolo, confidando di scoprire informazioni ben più esaurienti rispetto alle leggende che vengono narrate dagli anziani. Al fine di colmare questa sua necessità Aloy deciderà di attraversare i territori più impervi, affrontando decine di minacce.

I robot si comporteranno come degli animali veri e propri, scegliendo di attaccare o darsi alla fuga a seconda delle situazioni che si verranno a creare. Come avevamo già potuto notare in precedenza, sarà possibile renderli innocui colpendo alcuni punti nevralgici situati in diverse zone del corpo, che varieranno a seconda della categoria considerata. Al contempo saranno comunque presenti creature non aggressive, che attaccheranno il giocatore solamente qualora dovessero sentirsi esposte o minacciate.

Ciò che più convince di Horizon, ad una prima occhiata, è senza ombra di dubbio il notevole comparto visivo e artistico, coniugato da un sistema di combattimento frenetico e molto fluido che sembra destinato ad offrire davvero molte soluzioni differenti, dall’impatto ravvicinato fino all’impiego di trappole, passando per l’approccio stealth. L’utilizzo dell’arco e della fionda costituiscono solo una minima parte delle opportunità offerte ad Aloy nel corso dell’avventura. Le armi saranno infatti corredate da alcuni componenti tecnologici e saranno potenziabili con alcune modifiche, grazie alle quali verranno aggiunte nuove funzioni e migliorata la potenza di fuoco. Ad esempio ci è parso interessante il dispositivo con cui la protagonista riesce, lanciando delle corde che poi si fissano al suolo, ad immobilizzare gli avversari per alcuni istanti.

Guerrilla ha dichiarato di aver appreso come sviluppare un sistema di combattimento profondo e convincente, anche grazie alle sue produzioni precedenti. Aloy disporrà di uno speciale potere, per mezzo del quale il tempo rallenterà per brevi momenti, consentendole così di colpire con maggior precisione i punti nevralgici delle macchine. Ma la protagonista disporrà anche di una moltitudine di attacchi corpo a corpo, ad esempio sarà in grado di scagliare una spada verso il suo bersaglio e avrà a disposizione un display olografico, attraverso il quale tenere traccia dei robot circolanti nelle vicinanze; così facendo sarà possibile analizzare i loro punti di forza e di debolezza, ricevendo dei vantaggi sul campo.

Il sistema di combattimento di Horizon Zero Dawn sarà estremamente fluido, allineato con i migliori esponenti del genere action adventure, sebbene non mancheranno anche alcuni elementi ruolistici, incentrati soprattutto sulla raccolta di materiali e le dinamiche di funzionamento del crafting. Ogni robot abbattuto lascerà sul terreno delle ricompense sotto forma di componenti, che potranno poi essere impiegate per creare frecce e altri dispositivi molto utili. Infine è stata confermata la presenza delle bombe, come la bomba di fuoco e quella di ghiaccio. La prima provocherà un incendio in prossimità del lancio, mentre la seconda servirà a rallentare l’avanzata dei robot per un breve lasso di tempo.

Le creature presenti nel mondo di gioco saranno uniche nel loro genere e molto diverse tra loro. Come abbiamo potuto notare, alcune di queste entità potranno essere controllate attraverso un overrun, con lo scopo di muoversi per la mappa più velocemente ma anche per ricevere eventuali vantaggi durante le fasi di combattimento. Vi ricordiamo che Horizon Zero Dawn è stato posticipato al 2017 e uscirà sul mercato il 28 febbraio, in esclusiva PlayStation 4.

 
^