XCom 2 è il The Witcher 3 degli strategici a turni

XCom 2 è il The Witcher 3 degli strategici a turni

Da diversi giorni stiamo giocando XCom 2, il seguito dello strategico a turni di Firaxis Games uscito nel 2012. E dobbiamo dire di essere stati piacevolmente colpiti da tutta una serie di elementi di gioco, oltre che per la rinnovata complessità rispetto al gioco precedente. Non si può certo dire che questo seguito rivoluzioni il capitolo precedente, ma Firaxis si è impegnata a migliorare tutti gli elementi di gioco, dalla varietà, e conseguentemente la profondità strategica, fino alla grafica.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
2K Games
 

Voi siete gli XCom ... e voi vincerete

XCom 2 è un gioco sviluppato con grande cura che fa un certo effetto a tutti quei giocatori che amano la pianificazione: ovvero, impedirà loro di distanziarsi dall'esperienza di gioco, come è successo anche al sottoscritto, e questo per tantissime ore, almeno 50. Considerate, inoltre, l'impostazione classica degli ultimi giochi Firaxis, ripetuta anche qui, che privilegia la rigiocabilità un po' come accade con i recenti Civilization. Il maggior numero di variabili e gli innegabili progressi sul piano tecnico, oltre che la rinnovata componente cinematografica, rendono questo XCom 2 il miglioramento rispetto al predecessore che era lecito attendersi. Rende sostanzialmente obsoleta da tutti i punti di vista l'esperienza di gioco al primo XCom Enemy Unknown.

Detto questo, purtroppo, bisogna aprire una parentesi a proposito di una certa incidenza di bug e glitches. Può capitare, infatti, che il gioco inizi a perdere prestazioni quando le missioni si fanno particolarmente lunghe, il che può corrompere anche i salvataggi, cosa molto poco gradita dal tipo di giocatore abituale di XCom. A fine missione, inoltre, in certi casi mi è capitato che il gioco non riuscisse più a caricare adeguatamente lo scenario dell'Avenger e che tutto rimanesse bloccato. Ho trovato dei workaround artigianali a questi malfunzionamenti, in attesa di una patch ufficiale che però tarda ad arrivare, e alla fine sono riuscito a continuare a giocare senza grossi grattacapi. Il gioco diventa sostanzialmente pesante per i tanti elementi che è chiamato a processare, ad esempio i tanti effetti di fumo scaturiti dalle varie granate o più semplicemente tutti i dati legati ai vari soldati coinvolti negli scontri a fuoco. Per questo basta semplicemente scalare il dettaglio grafico per ridurre certi caricamenti (che possono diventare infiniti). Nel caso dell'interruzione del processo che segna il ritorno alla schermata dell'Avenger, invece, basta "killare" il gioco e riavviarlo.

Se vi capita che il gioco inizi a caricare all'infinito quando avviate appunto il ripristino della precedente partita vi conviene "killare" il processo, riavviare il gioco e ridurre al minimo il dettaglio grafico. A quel punto, quando tenterete di nuovo di caricare la partita, ecco che il vostro gioco tornerà a disposizione e potrete ripristinare il dettaglio grafico che preferite. Firaxis, per bocca del direttore creativo di XCom 2 Jake Solomon, ha detto di essere alacremente al lavoro per risolvere questi problemi. Che in ogni caso non invalidano più di tanto l'esperienza di gioco, visto che in ogni caso si possono trovare dei provvedimenti artiginali come visto.

Sembra insomma che Firaxis abbia voluto inserire quanti più elementi di gioco e grafici possibile, non prestando attenzione al fatto che non tutti gli utenti hanno provveduto all'upgrade del proprio PC dal rilascio del primo XCom a oggi. La memoria tende dunque a usaurirsi quando le partite diventano troppo complesse, anche perché, come abbiamo detto, gli scenari vanno letteralmente a pezzi per via delle tante granate a disposizione degli agenti, dei loro esplosivi e degli effetti collaterali che spostamenti ed esplosioni generano.

Detto questo, XCom 2 resta senza dubbio un gioco formidabile per tutti gli appassionati di strategia. La progressione, nel tentativo di competere con i progressi tecnologici fatti dagli alieni, rimane piena di fascino e conferisce tante di quelle possibilità strategiche alle missioni vere e proprie da spingere l'appassionato a continuare a riflettere ossessivamente su quale potrà essere la sua prossima mossa, anche quando non sta giocando direttamente. Gli agenti, infatti, si trasformano da semplici soldati dotati di armi convenzionali a vere e proprie unità robotiche estremamente protette e letali. Sarà presto una guerra tra robot, fatta di hacking e di dispositivi elettromagnetici, dove le granate EMP diventeranno cruciali per contrastare le unità robotiche del nemico.

Da rimarcare anche la presenza di un così alto numero di unità aliene, dotate perlopiù di abilità differenziate tra di loro. Tutto questo aumenta ancora una volta le variabili tattiche, soprattutto nel multiplayer come abbiamo visto, e anche per la presenza dei poteri psionici, sfruttabili anche dagli umani a un certo punto della ricerca. Ne vengono fuori oltretutto unità molto carismatiche, come gli Avatar che vedete in una delle immagini.

Resta, comunque, una questione di sorte, perché il database di regole e di statistiche di XCom si concretizza in una percentuale, quella che determina se un colpo andrà a segno o meno o se una procedura di violazione informatica giungerà a termine o no. Da una parte, quindi, regole ferree, dall'altra la possibilità di trovare la via giusta tra un numero di variabili in gioco praticamente sterminato.

  • Articoli Correlati
  • Perché non ci piacciono più gli strategici a turni? Perché non ci piacciono più gli strategici a turni? Xcom Enemy Unknown è stato un fulmine a ciel sereno: nessuno poteva immaginarsi che Firaxis Games sarebbe riuscita a catturare il fascino di un genere considerato morto e sepolto dalla maggior parte dei giocatori, e a offrire un prodotto che, in definitiva, è indirizzato a qualsiasi tipo di giocatore. Perché non ci interessa più questo tipo di gioco e non ne siamo più attratti?
  • Xcom Enemy Unknown: che senso ha uno strategico a turni nel 2012? Xcom Enemy Unknown: che senso ha uno strategico a turni nel 2012? Vi proponiamo il nostro parere diffuso, accompagnato da qualche suggerimento per il gameplay, su Xcom Enemy Unknown, il nuovo strategico a turni sviluppato da Firaxis Games. Come sanno i giocatori di vecchia data, si tratta del remake di un grande capolavoro MicroProse del 1994: come sarà possibile, dunque, adattare una struttura di gioco così vecchia alle esigenze dei giocatori di oggi?
45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Max_R24 Febbraio 2016, 08:56 #1
Non capisco l'associazione con The Witcher 3, fatta solo nel titolo per altro, in ogni caso spero che questo nuovo X-Com 2 mantenga lo spirito almeno del predecessore senza che sia strategico quanto The Witcher 3 è un rpg di spessore, quindi poco. O forse intendete dire proprio che è un action.
alexbilly24 Febbraio 2016, 09:05 #2
Originariamente inviato da: Max_R
Non capisco l'associazione con The Witcher 3, fatta solo nel titolo per altro, in ogni caso spero che questo nuovo X-Com 2 mantenga lo spirito almeno del predecessore senza che sia strategico quanto The Witcher 3 è un rpg di spessore, quindi poco. O forse intendete dire proprio che è un action.


In effetti... penso intendessero dire che è il nuovo punto di riferimento del genere, come The Witcher 3 lo è diventato per gli action gdr... beh almeno hanno messo The Witcher 3 e non "il massimo che i videogiochi possono offrire" Fallout 4, è già un bel passo avanti
Goofy Goober24 Febbraio 2016, 09:07 #3
Il gioco è molto bello, divertentissimo come lo era il primo e anche di più, le carte in tavola sono state rimescolate sia da lato utente sia lato alieno, e il tutto risulta essere riuscitissimo.

Giusto lato alieni ho la sensazione di un "more of the same" per adesso (ma non ho ancora finito il gioco), dove l'implementazione maggiore sembra essere quella dei danni causati dai nemici rispetto al gioco precedente, e una loro maggiore resistenza.
Dal punto di vista del giocatore sembra che abbiano sia ridotto numericamente il tipo di equipaggiamenti base, ma aumentati quelli speciali secondari. Tra l'altro le armature mi pareva più efficaci nel gioco precedente rispetto a questo, dove aumentano i punti vita e danno qualche punto armatura, però i danni subiti non mi sembrano calare (la prima volta che mi sono arrivati addosso i Berseker, che cerco di seccare sempre da lontano, mi sono messo a piangere vedendo quanto male fanno).

Ho già giocato 30 ore e ho la scimmia ancora a livelli massimi, quindi davvero complimenti Firaxis per questo gioco.

PERO'...

C'è sempre un però...

Originariamente inviato da: articolo
Se il primo XCom di Firaxis era un titolo multipiattaforma, XCom 2 si configura come un prodotto indirizzato unicamente al PC (nelle varianti Windows, OS X e Linux).

Non solo, possiamo dire infatti che si tratta di uno dei pochi titoli Tripla A ottimizzati per questa piattaforma.


EH NO.

Proprio NO.

Questo gioco è lontanissimo dal potersi dire ottimizzato.

Prima cosa, a livello tecnico non mi pare sia da smascellarsi, anzi!
Direi che è il "minimo-medio" per un gioco del 2016.
Di contro però, gira male anche con configurazioni high end a dettagli non massimi.
L'antialias vero, non l'FXAA aka blurraeverything, è inutilizzabile.
Su schede AMD ci sono artefatti sulle ombre se impostate oltre il livello "statico", a prescindere dal livello di qualità delle ombre.
Cali di framerate importanti in situazioni non concitate.

Su top di gamma kepler il gioco gira peggio (decisamente peggio) che su gpu di fascia media/economica AMD o Nvidia attuali. Assurdo.
Manca il supporto multi-gpu, e se lo si forza manualmente si perdono le cover icons (le immagini dello scudo che segnalano il livello di copertura sulla mappa di gioco).

Insomma, bello, bellissimo, ma "ottimizzato" non proprio.
Max_R24 Febbraio 2016, 09:08 #4
Si ma probabilmente manco l'hanno, non dico giocato, provato: è stato tutto un pretesto per nominare The Witcher 3, nel titolo.
Goofy Goober24 Febbraio 2016, 09:14 #5
Originariamente inviato da: Max_R
Si ma probabilmente manco l'hanno, non dico giocato, provato: è stato tutto un pretesto per nominare The Witcher 3, nel titolo.




in effetti anche io mi chiedevo che senso ha anche solo nominare TW3 in un articolo di XCOM2.

se è solo per la "bontà" del gioco di per se, tantovale nominare anche Dirt Rally, al momento al top nella sua categoria di giochi
Max_R24 Febbraio 2016, 09:16 #6
Originariamente inviato da: Goofy Goober


in effetti anche io mi chiedevo che senso ha anche solo nominare TW3 in un articolo di XCOM2.

se è solo per la "bontà" del gioco di per se, tantovale nominare anche Dirt Rally, al momento al top nella sua categoria di giochi


Inoltre è molto dirt
Link ad immagine (click per visualizzarla)
pWi24 Febbraio 2016, 09:20 #7
Ragazzi, ci sono tante cose da commentare su questo gioco. Per favore, non soffermatevi solo sul titolo dell'articolo.
Max_R24 Febbraio 2016, 09:35 #8
Originariamente inviato da: pWi
Ragazzi, ci sono tante cose da commentare su questo gioco. Per favore, non soffermatevi solo sul titolo dell'articolo.


Quando lo avrò giocato scriverò nel thread ufficiale, per il resto sarebbe stata gradita un po più di sobrietà nel titolo, anche vista la natura tattica e "nobile" del gioco in questione.
Goofy Goober24 Febbraio 2016, 09:57 #9
Originariamente inviato da: pWi
Ragazzi, ci sono tante cose da commentare su questo gioco. Per favore, non soffermatevi solo sul titolo dell'articolo.


io ho fatto

Originariamente inviato da: Max_R
Quando lo avrò giocato scriverò nel thread ufficiale


che non esiste...
pWi24 Febbraio 2016, 10:00 #10
Originariamente inviato da: Goofy Goober
io ho fatto


Bravo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^