I 30 videogiochi più attesi del 2016

I 30 videogiochi più attesi del 2016

All'interno di ogni pagina trovate le informazioni più fresche su ciascun gioco, le più recenti immagini e gli ultimi video. Abbiamo inserito nella rassegna i titoli più attesi del 2016, non quelli il cui rilascio è improbabile nel corso dell'anno come, ad esempio, Cyberpunk 2077.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Star Citizen

Star Citizen
publisher: Cloud Imperium Games
software house: Interno
piattaforme: PC, Linux
data di pubblicazione: 2016

Per prima cosa Chris Roberts si è assicurato di creare un universo immersivo, in cui il giocatore possa sentirsi protagonista in ogni momento. Ecco che può continuare a vedere le braccia e le gambe del suo alter ego mentre si siede sul sedile di combattimento, ma anche esplorare le navi spaziali in prima persona, così come i pianeti e le città. Ma in Star Citizen, all'interno di una parte di gioco non ancora ultimata e mai mostrata ai fan, sarà possibile anche abbordare le altre navi, le basi e le piattaforme orbitali, in azioni di combattimento frenetico in prima persona. In tutte queste missioni, inoltre, sarà possibile collaborare con gli amici o con altri giocatori in carne e ossa.

Mentre l'esperienza di gioco principale rimarrà di tipo multigiocatore, avremo una parte completamente single player. Si tratterà della campagna che Cloud Imperium Games definisce Squadron 42, che ricalcherà le orme della tradizione con uno stile narrativo a quello consegnato alla storia da Wing Commander. In questo caso Cloud Imperium Games parla di trama intricata che potrà essere modificata dalle decisioni del giocatore e dalla sua abilità come pilota. Ci sarà anche la cosiddetta funzione "drop-in", ovvero un amico potrà entrare nella nostra storia e aiutarci, nei panni di gregario, ad andare avanti nelle vicende.

Star Citizen è basato sulla quarta generazione del CryEngine, indicata appunto semplicemente come CryEngine. Lo svilppo del gioco iniziò su CryEngine 3, ma poi il team si è successivamente spostato sulla quarta generazione, integrando allo stesso tempo il supporto alle API Mantle e alle DirectX 12. La tecnologia CryEngine 3 consente a Star Citizen di renderizzare in tempo reale navi spaziali lunghe un chilometro mantenendo un alto livello di dettaglio. Se si esegue lo zoom in qualsiasi punto del mezzo, infatti, si possono ammirare i particolari come sconnessioni e appendici aerodinamiche. La superficie della nave spaziale si compone di due milioni di poligoni e contiene diversi oggetti tridimensionali animati.

Ogni nave, inoltre, sarà soggetta alle realistiche leggi della fisica, che verrà simulata in maniera il più possibile accurata. Di default, è abilitato un sistema di tipo fly-by-wire per la gestione dei propulsori di manovra e dei motori primari. Quando il giocatore tira verso di sé il joystick, il gioco calcola in tempo reale la potenza che i propulsori di manovra sono in grado di erogare e applica conseguentemente il tipo di spinta anche sulla base del peso.

All'interno dell'universo di Star Citizen verrà simulato dinamicamente un intero sistema economico guidato da domanda e offerta variabili. Le merci e i crediti disponibili in ogni momento di gioco influiranno fortemente sul modo in cui l'universo si evolverà, il tutto naturalmente sulla base delle decisioni e delle azioni dei giocatori.

Seguite la Scheda Gioco di Star Citizen su Gamemag per ricevere le ultime informazioni sullo sviluppo di questo immenso progetto finanziato in crowdfunding.

 
^