PES 2016: riparte l'eterna sfida a Fifa

PES 2016: riparte l'eterna sfida a Fifa

PES prosegue sulla buona strada già intrapresa da un paio di anni. Dopo l'anno scorso aveva già ricevuto più consensi rispetto a Fifa, con la versione 2016 punta a confermare il vantaggio sul gioco rivale e, ovviamente, a migliorarsi ulteriormente. Vediamo se le novità introdotte da Konami sono sufficienti dopo aver provato la versione review del gioco.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Halifax
 

PES vs Fifa...ancora una volta

La sfida tra PES e Fifa si è sempre contraddistinta da sorpassi e controsorpassi, nel senso che i vari miglioramenti tecnologici che Konami ed EA Sports hanno introdotto nel corso degli anni hanno cadenzato questa corsa e hanno prodotto vantaggi ora per l'uno ora per l'altro. Negli ultimi anni i momenti importanti sono stati soprattutto tre: l'introduzione dell'Impact Engine in Fifa, che ha completamente cambiato il modo di concepire i contrasti in un gioco sportivo, dell'Ignite Engine sempre in Fifa e del Fox Engine in PES.

La tecnologia inizialmente sviluppata dal team di Hideo Kojima ha conferito un'altra connotazione a PES, visto che dal momento in cui è stato cambiato il motore grafico sono stati fatti passi da gigante nell'ottica di colmare il margine da Fifa. Tutto questo è valso fino a PES 2015, momento in cui, secondo molti appassionati di giochi di calcio, PES ha di nuovo riconquistato la posizione numero uno. Forse questo è stato possibile più per demeriti di Fifa che per effettivi meriti di PES, ma c'è da dire che già a partire dell'anno scorso le partite di PES risultavano più fedeli e molto più credibili che in passato.

La sensazione dei giocatori è che i due giochi di calcio in alcuni momenti "imbroglino", ovvero che gli sviluppatori, tramite script, gestiscano delle situazioni artificiose per spingere i match verso la direzione sperata. Durante le varie interviste che ho avuto modo di fare ccon gli autori dei giochi di calcio di cui stiamo parlando, alle mie domande sulla presunta presenza del "momentum", ho sempre ricevuto risposte seccate, che respingevano nella maniera più netta questa ipotesi. Ma, nonostante tutte risposte, non sono ancora del tutto convinto. Ma ne riparleremo più avanti...

Com'è questo PES 2016, quindi? Diciamo subito che Konami prosegue sulla strada intrapresa negli ultimi anni, pensando soprattutto a rifinire alcune meccaniche di gioco in modo da tenere dietro il rivale, perlomeno sul piano del gameplay. Doveva migliorare principalmente le animazioni e i contrasti, e questo è stato fatto. Abbiamo una quantità di animazioni di tre volte superiore rispetto a quelle presenti in PES 2015 e i contrasti sono decisamente credibili, assomigliando tantissimo a quelli che ammiriamo in Fifa ormai da diverse stagioni a questa parte.

Insomma, i due giochi sembrano avvicinarsi pericolosamente, nel senso che ora Konami suggerisce a EA Sports le aree in cui deve migliorarsi e ora è EA Sports a indicare la strada a Konami. A livello di gameplay, però, PES sembra essere ancora lievemente superiore a Fifa, per quanto ci siano punti di forza e di debolezza in entrambi i giochi. È un giudizio debba essere filtrato in base alle esigenze e preferenze di ogni giocatore. Inoltre, al momento posso esprimermi sulla base di un confronto che tra la versione recensibile di PES 2016 e la demo di Fifa 16.

PES dà la sensazione di offrire più libertà e precisione nell'organizzazione delle azioni offensive e delle tattiche difensive. I movimenti dei giocatori sul campo sono più "morbidi" e maggiormente fedeli rispetto all'input del giocatore. Il sistema di passaggi di PES, poi, sembra offrire maggiore libertà e maggiore precisione rispetto al sistema di passaggi di Fifa. Il ritmo e la velocità dell'azione di PES sono inoltre più convincenti e spingono a dire che si tratti di una vera simulazione del gioco di calcio, con Fifa invece più tendente all'arcade (attenzione, è un giudizio relativo alla velocità in questo caso e non ad altri aspetti).

In Fifa, poi, si riscontrano delle anomalie piuttosto importanti in termini di facilità nell'andare a rete. C'erano in Fifa 15 e risultano confermate nella demo di Fifa 16 (per quanto la demo faccia enormi passi in avanti in altri aspetti rispetto alla precedente stagione). In PES, insomma, si ha la sensazione che ci siano più frizioni al fare gol anche da distanze siderali, sia per quanto riguarda tiri fin troppo efficaci e azioni personali infarcite di dribbling improbabili con difese fin troppo poco competitive. I tiri di PES danno, poi, più gratificazione e fanno meglio trasparire la violenza del calcio impartito al pallone.

PES 2016 è un bel passo in avanti anche per quanto riguarda la fisica del pallone, con rimbalzi e rotazioni più credibili rispetto al passato. Ottimi i contrasti e i duelli uno contro uno, visto che al giocatore viene sempre dato molto spazio di intervento sia in fase propositiva che di contenimento. I nuovi contrasti corpo a corpo, insomma, risultano decisamente credibili e piacevoli da affrontare.

 
^