Recensione F1 2015: vera rivoluzione o sterile riconferma?

Recensione F1 2015: vera rivoluzione o sterile riconferma?

È il capitolo di F1 che segna il debutto della serie sulle console di nuova generazione. All'annuncio Codemasters aveva lasciato sperare in concreti cambiamenti rispetto agli ultimi capitoli, che poco si erano aggiornati rispetto ai predecessori. Ma le cose stanno veramente così?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Bandai NamcoF1
 

Ego Engine

F1 2015 è basato sul nuovo Ego Engine 3, un'evoluzione del motore già visto nei predecessori in grado di sfruttare al meglio, sulla carta, la capacità di elaborazione di PS4 e Xbox One. Quel che si nota è effettivamente un rinnovato dettaglio poligonale, soprattutto per gli oggetti a bordo pista, un nuovo sistema di gestione delle illuminazioni globali e qualche effetto speciale in più. Ma più che di tecnologia completamente nuova, a nostro modo di vedere le cose, sarebbe meglio parlare di innesti su un impianto che non cambia ormai da diverse edizioni del gioco. Abbiamo già visto qui il confronto tra la grafica PC e quella PS4.

In F1 2015 possiamo notare più elementi poligonali a bordo pista, come palazzi aggiuntivi nel circuito di Melbourne e più ombrelloni a Sepang. Le livree delle vetture sono delle copie praticamente perfette rispetto alle controparti reali, ma da questo punto di vista si riscontravano risultati più che brillanti anche nei precedenti F1. Adesso abbiamo un nuovo effetto di sfocatura in prossimità dello scarico dei motori, ben visibile ovviamente quando si segue da vicino un'altra vettura. Migliorati anche gli effetti particellari, soprattutto per quanto riguarda le scintille che sono originate dal fondo delle vetture quando viene in contatto con l'asfalto. Le scintille sono molto più dense e realistiche, e si verificano in un più alto numero di casi, come effettivamente avviene nel campionato attuale di Formula 1 in cui le vetture si trovano con più facilità a contatto con l'asfalto.

Gli effetti di pioggia sono realmente impressionanti e adesso godono di qualche aggiunta importante. La pioggia sbatte sulla scocca in maniera ancora più realistica, mentre dei rivoli d'acqua si spostano in varie direzioni a seconda degli spostamenti di peso dell'auto. Il sistema di illuminazione è stato rivisto, e adesso è più preciso e articolato per quanto riguarda i riflessi nelle gare notturne e dà una sensazione di maggiore realismo durante le gare alla luce del sole e durante i replay. Ma certe illuminazioni nelle gare alla luce del sole appaiono ancora piatte e poco convincenti.


F1 2014


F1 2015 PS4


F1 2015 PC

L'obiettivo più importante di questo restyling è, come dicevamo, sfruttare pienamente l'hardware delle nuove console. Questo consente di avere i 60fps su entrambi i sistemi next-gen, il che costituisce un potenziamento importante rispetto alle edizioni di F1 delle passate stagioni. Allo stesso tempo bisogna però dire che l'applicazione dell'anti-aliasing risulta fin troppo blanda e che in certi sporadici casi su console si verifica del tearing. Su PC i miglioramenti sono invece molto meno evidenti, perché già nella passata edizione il gioco andava a 60fps o più e perché, ripetiamo, si tratta di innesti su una base pre-esistente.

Codemasters parla anche di rivisitazione del sistema di gestione degli pneumatici. Adesso fanno riferimento a un modello fisico più accurato che permette di avere dei comportamenti più realistici. Dopo una collisione, ad esempio, l'auto andrà via alla deriva qualora si sia perso definitivamente il controllo, mentre prima rimaneva ancorata sulla posizione in cui era avvenuta la collisione. Notiamo anche una transizione più morbida tra i vari stati di degrado del battistrada, mentre prima il cambiamento del comportamento avveniva in maniera fin troppo repentina. Questo ovviamente ha un impatto anche sulla guida, visto che uno pneumatico più degradato impone più attenzione in fase di accelerazione e richiede l'anticipazione della frenata in certi punti.

Detto questo, anche qui si tratta di miglioramenti troppo poco evidenti, che riguardano aspetti del gioco in fin dei conti trascurabili. La maggior parte delle collisioni risulta irrealistica, il che fa specie, come detto tante volte in precedenti articoli, perché da questo punto di vista altri giochi di guida di Codemasters con Ego Engine sono impeccabili.

 
^