Cosa Nintendo ha da offrire per il 2015

Cosa Nintendo ha da offrire per il 2015

Come ogni anno Nintendo ha organizzato un evento post-E3 dove è stato possibile provare con calma tutto quello che è stato presentato a Los Angeles. Premettendo che la presenza di Nintendo all'evento losangelino non è stata quest'anno delle più eclatanti, andiamo a spulciare comunque le caratteristiche dei giochi più attesi del 2015 per Wii U e 3DS.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Nintendo
 

Xenoblade Chronicles X

Non era presente all'E3, ma il forte interesse palesato dai fan su questo gioco ci inducono a inserirlo comunque nello speciale. Xenoblade X è effettivamente uno dei titoli più promettenti tra quelli previsti per Wii U nel 2015, visto che dovrebbe arrivare proprio nella parte conclusiva dell'anno. Si tratta di un gioco di ruolo ambientato in mondo aperto che pone molta enfasi sull'esplorazione.

Ambientato nel 2054, anno in cui due razze aliene sfociano in aperto conflitto proprio a ridosso della Terra, Xenoblade Chronicles X si concentra su un conflitto che provoca gravi danni collaterali al nostro pianeta, costringendo l'umanità ad evacuare. In questa situazione post-apocalittica la storia segue i passeggeri di una delle navi interstellari utilizzate per l'evacuazione, la White Whale. La nave precipita sul pianeta Mira, dove i sopravvissuti fonderanno New Los Angeles, pur avendo ancora gli alieni sulle loro tracce.

Si tratta di una storia complessa e dalle tematiche pesanti in certi punti, anche di natura religiosa. Peraltro non è ancora molto chiaro come sia collegata alla storia del suo predecessore per Wii. È ideata da Tetsuya Takahashi, uno dei più acclamati autori di videogiochi giapponesi essendo stato tra i responsabili di titoli del calibro di Chrono Trigger e Final Fantasy VI, oltre che Xenogears. Alla fine degli anni '90 lasciò Square per fondare Monolith Soft, la software house attraverso la quale ha realizzato Xenoblade Chronicles nel 2010 e sotto l'insegna della quale sta completando questo Xenoblade Chronicles X per Wii U.

Gli spostamenti saranno cruciali all'interno del gameplay di Xenoblade Chronicles X, e potranno essere fatti a piedi o tramite robot umanoidi chiamati Dolls, che sono quattro volte più alti rispetto ai personaggi normali. I Dolls potranno cambiare forma ed essere in grado di volare, navigare sull'acqua o diventare dei carro armati.

Inizialmente il giocatore dovrà recuperare delle capsule di stasi andate perse dalla White Whale dopo le complicate fasi dell'atterraggio su Mira. Per farlo, bisognerà installare dei sensori in modo da estendere la rete del sistema informatico "Frontier Net".

Xenoblade Chronicles X, poi, confermerà il sistema di combattimento già visto nel predecessore, mentre il GamePad di Wii U verrà utilizzato come terminale dati, consentendo di esaminare tutte le informazioni raccolte durante l'esplorazione. Sembra che Monolith Soft abbia propeso per un approccio più immediato, visto che sarà possibile cambiare arma al volo, per esempio passando da lame ad armi da fuoco. A seconda dell'arma impugnata, inoltre, cambieranno le caratteristiche e le abilità del personaggio. Accumulando esperienza sarà poi possibile sbloccare le classi, che incideranno sullo stile di combattimento del personaggio protagonista, modificando così anche l'assetto delle abilità. Il loot, inoltre, sarà in grado di modificare in maniera sensibile l'aspetto dei personaggi.

Un seguito che sembra essere in grado di confermare l'epicità, l'artisticità e la profondità del suo predecessore, piazzando il tutto però in un mondo di gioco più vasto e più bello da vedere grazie a Wii U.

 
^