Life is Strange: un prologo incoraggiante. Ma solo un prologo

Life is Strange: un prologo incoraggiante. Ma solo un prologo

Se in un qualsiasi prodotto di entrtainment - in particolar modo un videogame - inserite, come setting, il grande Nord Ovest (o ancora meglio: l’Oregon), avrete già tutta la mia attenzione. Proprio in Oregon, infatti, sono avvenute alcune delle ‘avventure’ più significative della mia vita. Se poi il gioco in questione si rivela essere un’avventura psicologica (che si basa più su dialoghi a scelta multipla, rispetto a cervellotici o pretestuosi enigmi), mi avrete molto probabilmente convinto e fatto felice.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
Square Enix
 

Oregon my Oregon

Prima di provare direttamente LIS, non avevo idea che il setting scelto da Dontnod Entertainment fosse proprio l’Oregon, quindi potete immaginare la mia esaltazione quando, dopo i primi passi nel mondo di gioco, ho capito di essere proprio nel mio Stato americano preferito.

Arcadia Bay è un’ immaginaria cittadina costiera - in Oregon esiste ‘solo’ Arcadia Beach, una spiaggia poche miglia a sud di Cannon Beach (altra spiaggia, divenuta celebre grazie al film The Goonies) -, rinomata solo per la Blackwell Academy (un campus piuttosto esclusivo).

Per il resto è la ‘classica’ cittadina della provincia nordoccidentale degli Usa. Da Twin Peaks in poi, lo stereotipo è presto replicato: piccole comunità chiuse, dove “tutti conoscono i segreti di tutti”, dove dietro l’apparente serenità, si nascondono i più drammi più profondi (‘coperti’ anche dalla conformazione del territorio: oceano, ampi spazi, rigogliose foreste). Tutti elementi che - per mia esperienza - sono molto lontani dalla realtà, ma che trovano ormai un’innegabile riscontro nell’immaginario collettivo.

Stilisticamente, LIS fa centro sotto tutti i punti di vista: personaggi e location sono davvero ben realizzati e, soprattutto, caratterizzati. Anche la colonna sonora è di tutto rispetto. L’atmosfera pacata e credibile che LIS costruisce è certamente una delle componenti meglio riuscite di tutto questo primo capitolo.

 
^