2015, i videogiochi più attesi dell'anno

2015, i videogiochi più attesi dell'anno

Il 2014 è stato un anno molto difficile per l'industria videoludica, che ha vissuto il passaggio alla nuova generazione di console e che vede costantemente l'emergere di nuove forme di gaming, più immediate e pensate per sfruttare soprattutto i dispostiivi mobile. Ma il 2015 sarà un anno cruciale, che vedrà finalmente l'emergere di diversi titoli capaci di sfruttare i nuovi hardware.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Dying Light

Produttore: Warner Bros. Interactive Entertainment
Sviluppatore: Techland
Piattaforme: PC, PS4, Xbox One
Uscita: 30 gennaio 2015

Dying Light, nuovo gioco Techland basato sull'ultima versione della tecnologia Chrome, è una sorta di via di mezzo tra Dead Island e ZombiU. Lo sviluppatore polacco ha voluto riprendere la struttura di gioco del suo precedente titolo, ma allo stesso tempo ha deciso di cambiare gli equilibri di gioco, cercando di rendere il tutto meno rapido, più ragionato e più tattico.

Tornano le meccaniche di crafting delle armi, sperimentate nei due capitoli di Dead Island. Durante il giorno i giocatori attraverano un ampio scenario urbano invaso da una violenta epidemia, esplorando il mondo in cerca di provviste e personalizzando le armi per difendersi dalla crescente popolazione di infetti. Di notte, invece, i cacciatori si trasformano in cacciati, dal momento che gli infetti diventeranno aggressivi e molto più pericolosi. I più temibili sono i predatori, che compaiono solamente dopo il tramonto. I giocatori dovranno sfruttare tutto il loro potere per sopravvivere fino alle prime luci dell'alba.

L'approccio con gli zombi adesso è decisamente diverso rispetto a Dead Island, perché vanno aggirati quanto possibile sfruttando i gadget a disposizione e facendo parkour sui muri. La componente platforming è preponderante in Dying Light, visto che il protagonista può aggrapparsi alle sporgenze e saltare di tetto in tetto. Il tutto mentre aggira letteralmente una marea di zombi, in numero così alto che è assolutamente impossibile affrontarli direttamente.

Sulla mappa, inoltre, si verificano eventi casuali come air drop e incontri con minacce particolari. Quando si verifica un evento casuale, quest'ultimo viene segnalato al giocatore con un avviso sulla mini-mappa. Poi sta allo stesso giocatore decidere se affrontare tale evento o se ingnorarlo.

Un assembramento di zombi, infatti, potrebbe essere da evitare, perché la ricompensa nell'affrontarlo inferiore rispetto alle risorse che bisogna spendere per mettere fuori combattimento gli zombi. Inoltre, gli zombi possono decidere dinamicamente di attaccare un insediamento e i civili che vi si trovano all'interno.

Dying Light offrirà anche diverse modalità multiplayer: sarà possibile giocare in co-op in quattro giocatori e ci sarà anche una modalità competitiva asimmetrica. Nel single player, invece, i giocatori impersonano l'agente sotto copertura Kyle Crane e si trovano ad agire nella città fittizia di Harran.

 
^