Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los Santos in prima persona

Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los Santos in prima persona

Può piacere o meno, ma quello delle edizioni rimasterizzate di titoli appartenuti alla precedente generazione è già diventato un trend consolidato del mercato. Negli ultimi dodici mesi sono stati numerosi i prodotti che, dopo la loro presenza su PS3 e Xbox 360, sono stati ripresentati anche su PS4 e Xbox One. Si spazia da Tomb Raider a Sleeping Dogs, da Metro a The Last of Us, mentre per il prossimo futuro sono già confermate edizioni rimasterizzate di DmC Devil May Cry e Devil May Cry 4, Borderlands e chi più ne ha più ne metta, perché stiamo ormai iniziando a perdere il conto.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
Rockstar GamesGrand Theft Auto
 

Conclusioni

La versione rimasterizzata di Grand Theft Auto V conferma gli elevatissimi standard qualitativi ai quali ci ha abituato Rockstar e lo fa nonostante le nostre ore spese sulla precedente versione fossero già molto numerose.

La novità più interessante è ovviamente costituita dalla presenza della visuale in prima persona, che offre un’interpretazione completamente nuova della storia di Michael, Franklin e Trevor, non lasciando per giunta nessun vincolo al giocatore, libero di scegliere a piacimento in che modo portare avanti la propria avventura, in ogni istante di gioco.

La migliorata qualità grafica complessiva fa il resto, assicurando un’esperienza ancora più speciale, completa e coinvolgente, mentre la modalità online continua ad essere costantemente supportata e a mantenere vivo l’interesse della community.

Per la qualità generale, le innumerevoli alternative e i layer narrativi, nonché per l’elevata componente satirica il gioco rimane imperdibile, anche per chi abbia già completato il playtrough sulla precedente generazione. E per tutti gli altri beh… cosa ci fate ancora qui?! Go-go-go!

  • Articoli Correlati
  • Recensione Gta 5: perché un successo così dirompente? Recensione Gta 5: perché un successo così dirompente? Dopo aver passato gli ultimi giorni a "uccidere persone, contrabbandare persone, vendere persone", ecco finalmente il nostro giudizio definitivo su Grand Theft Auto V. L'ultimo free roaming di Rockstar va al di là del semplice media videoludico, ed è ormai un fenomeno culturale. Rispetto ai predecessori c'è una base psicologica concreta e interessante, oltre che una sferzante critica alla società moderna. Cerchiamo di capire insieme il perché di tanto successo per l'ultimo arrivato da Sam Houser e soci.
5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zappz19 Dicembre 2014, 11:09 #1
Ma siete sicuri che l'online sia cross-platform? Forse il salvataggio, ma il gioco non credo...
sbudellaman19 Dicembre 2014, 12:00 #2
Ti prego fà che non sia ottimizzato coi piedi...
Goofy Goober19 Dicembre 2014, 12:04 #3
l'online non è cross-platform, anche perchè mi pare che quando si importa il salvataggio del personaggio da vecchia piattaforma alla nuova, non si può più fare il contrario, ossia da nuova a vecchia.

Tra l'altro, per esempio, chi gioca su PS3 manco può, dalla lista amici della console stessa, vedere gli utenti online su PS4, quindi credo sia ovvio che l'online non possa esser cross-platform.
-giorgio-8719 Dicembre 2014, 19:47 #4
sono curioso di vederlo su pc..per ora vado di ps4...
amd-novello20 Dicembre 2014, 00:39 #5
non ti deluderà

hanno fatto un bel lavoro. gira molto meglio che su ps3
la mia sembrava esplodere

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^