Come NVIDIA GameWorks migliora la grafica di Far Cry 4

Come NVIDIA GameWorks migliora la grafica di Far Cry 4

In questo articolo ci occupiamo delle peculiarità della grafica della versione PC di Far Cry 4, dell'analisi del gameplay e delle altre caratteristiche dig ioco. In fatto di grafica, va segnalato un grosso passo in avanti rispetto al gioco precedente della serie, grazie a un migliore sistema di illuminazioni e un mondo di gioco ancora più dettagliato.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
NVIDIAUbisoftFar Cry
 

Free roaming

Rispetto a Far Cry 3, va sottolineata un'enfasi nettamente minore sui progressi del personaggio, con un'albero delle abilità snellito. Abbiamo, infatti, solamente due rami: tigre ed elefante. Il primo è legato ai progressi di Ajay in fatto di combattimento brutale, mentre il secondo ramo è dedicato alla capacità del protagonista di agire in maniera stealth.

Se Ubisoft ha preferito semplificare le cose da questo punto di vista, ha ampliato la varietà in termini di attività facoltative da affrontare. Ci sono, infatti, circa 15 tipi di attività da svolgere, che prevedono il furto di camion, di fare la scorta armata a un veicolo del Sentiero d'Oro, la distruzione di materiale propagandistico, assassini mirati, e altro ancora.

Fra le tante attività facoltative, ce ne sono alcune che consentono di invitare un altro giocatore nella propria sessione di gioco oppure di partecipare alla sua. I due giocatori possono in questo modo collaborare per affrontare le sfide più ostiche, sfruttando la rinnovata capacità d'azione per abbattere più nemici e guadagnare pertanto esperienza più velocemente. Le nuove missioni co-op permettono, quindi, di accumulare esperienza e sbloccare abilità, ma non di affrontare le missioni della storia e liberare gli avamposti. Naturalmente, se Ubisoft avesse concesso queste possibilità di gioco avrebbe reso fin troppo facile la vita ai giocatori, permettendo loro di procedere verso la fine in maniera troppo veloce.

Esaudendo una richiesta dei fans storici di sparatutto e venendo incontro alle nuove opzioni di gioco multiplayer, d'altronde, lo sviluppatore ha innalzato il livello di sfida. Questo succede grazie ai nuovi avversari da affrontare e al nuovo sistema di allarmi multipli che si innesta negli avamposti se non si agisce in maniera stealth. Far Cry 4 offre una storia single player leggermente più breve rispetto al predecessore, ma la longevità è comunque sufficiente grazie a questo rinnovato livello di sfida.

Altra modalità di gioco è poi quella dell'arena, ovvero la classica modalità orda in salsa Far Cry, in cui i giocatori devono affrontare alternativamente soldati in carne e ossa e bestie selvagge. Le ondate possono essere organizzate anche da altri giocatori, che ne possono configurare la composizione tramite l'apposita companion app. Naturalmente il giocatore può sempre decidere di giocare offline, in modo da evitare, se vuole, tutte queste intromissioni di natura multiplayer.

Ci sono poi le missioni di Shangri-La, che vanno svolte in uno scenario completamente differente rispetto al solito con giungla e cime innevate protagoniste. Qui i colori dominanti sono quelli accesi, tendenti al rosso, di questo immaginifico scenario, che esalta ancora una volta lo straordinario lavoro fatto sul piano artistico. Non si impersona Ajay, ma un eroe mitico del Kyrat, armato di pugnale, arco e frecce. L'eroe selvaggio deve liberare delle mitiche campane e farle suonare. Siamo in una dimensione parallela rispetto alla realtà, alla quale si accede osservando degli arazzi magici che si trovano in punti non facilmente accessibili. L'unico approccio perseguibile è quello stealth, per via dell'elevato numero di avversari da abbattere, mentre dalla nostra parte avremo una tigre bianca che è possibile lanciare verso gli avversari per ucciderli o immobilizzarli.

La parte PvP è ben studiata e abbastanza amplia, nella misura in cui mette di fronte due fazioni con caratteristiche e peculiarità asincrone. Si può giocare, infatti, dalla parte del Sentiero d'Oro o come Rakhshasa, ovvero i Cacciatori. I primi sono dotati di armi pesanti, come mitra e lanciarazzi; mentre i secondi sono costretti ad agire in maniera stealth, visto che possono cavalcare gli elefanti ed evocare lupi e aquile. Insomma, una modalità che per certi versi ricorda Spie vs Mercenari di Splinter Cell, con il Sentiero d'Oro che può idealmente essere accomunato alle Spie e i Cacciatori ai Mercenari.

Il tutto si svolge su mappe di grandi dimensioni, che consentono ai Cacciatori di agire in maniera invisibile se sono bravi a controllare le proprie abilità. Si possono sbloccare anche dei perk che possono consentire ora di ridurre il costo degli upgrade e dei proiettili, ora di teletrasportarsi, ovviamente nel caso dei Cacciatori, da un punto all'altro della mappa.

La modalità PvP offre tre tipologie di gioco: Maschera del Demone, in cui bisogna impossessarsi della suddetta maschera, che inibisce le possibilità di attacco e aumenta la velocità, e riportarla nella propria base; Propaganda, che è la variante in salsa Far Cry del classico disinnesca la bomba; mentre Avamposti spinge le due fazioni ad assaltare e a difendere una zona. Si tratta di una modalità di gioco interessante per per via delle ampie dimensioni delle mappe, ma allo stesso tempo non immediata. Bisogna sovente usare i mezzi per spostarsi negli ampi scenari di gioco e agire tatticamente per stanare il nemico, e questo vale per tutte le modalità di gioco.

Naturalmente Far Cry 4 resta principalmente un gioco basato sul single player, quindi difficilmente la modalità multiplayer rimarrà ampiamente popolata nel lungo periodo.

 
^