I 25 migliori videogiochi del GamesCom 2014

I 25 migliori videogiochi del GamesCom 2014

È tempo di bilanci dopo una settimana intensa e cruciale per l'industria dei videogiochi come quella del GamesCom. Folle che si scagliano contro le porte di ingresso, neanche un metro quadro libero per poter camminare tranquillamente, tanta passione e dedizione verso i videogiochi: questo, e molto altro, è il GamesCom!

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Quadro
 

La Terra di Mezzo L'Ombra di Mordor

La Terra di Mezzo L'Ombra di Mordor
publisher: Warner Bros. Interactive Entertainment
software house: Monolith Productions
piattaforme: PC, PlayStation 3, PlayStation 4, XBox 360, Xbox One
data di pubblicazione: 30 settembre 2014

Sviluppato da Monolith, si tratta di una sorta di incrocio fra Il Signore degli Anelli e Assassin's Creed. Dopo averci provato a più riprese a creare un gioco d'azione interessante sullo scenario de Il Signore degli Anelli, Warner adesso ha deciso di cambiare decisamente registro e di guardare convintamente alle meccaniche di Assassin's Creed in modo da poter stabilire una serie che possa mantenersi interessante negli anni agli occhi dei fan.

L'Ombra di Mordor, quindi, è un action adventure open world in terza persona che permetterà di esplorare liberamente un grosso mondo di gioco e di calarsi in una storia epica e coinvolgente, con personaggi vecchi e nuovi della tradizione Signore degli Anelli. Avremo un Gollum dettagliato come non mai, ma anche dei fatti sconosciuti pensati appositamente per il videogioco.

I giocatori vestono i panni di Talion, un valoroso ranger la famiglia del quale viene uccisa davanti ai suoi occhi la notte in cui Sauron e il suo esercito fanno ritorno a Mordor, alcuni attimi prima che la sua stessa vita venga presa. Fatto risorgere da uno spirito di vendetta e potenziato con le abilità di uno spettro, Talion si avventura all’interno di Mordor e promette di eliminare tutti quelli che gli hanno fatto del male. Attraverso il corso della sua vendetta personale Talion scopre la verità riguardante lo spirito che lo possiede, apprende le origini degli anelli del potere e alla fine si confronta con la sua vera nemesi.

Nella demo GamesCom, il giocatore doveva ritrovare Gollum per penetrare a Mordor, perché la mostruosa e avida creatura è l'unica a conoscere la strada. Talion può servirsi delle abilità di spettro che possiede, ovvero di un secondo personaggio che alberga nel suo corpo. Si tratta dello spirito dell'elfo Celebrimbor, il fabbro artefice degli anelli del potere che venne successivamente ucciso da Sauron.

Una di queste abilità gli consente di vedere le orme di Gollum oltre che di individuare degli oggetti nascosti nello scenario di gioco. Talion, inoltre, si muove in maniera molto simile a quella dei personaggi di Assassin's Creed, con animazioni quasi speculari che fanno pensare addirittura a una citazione.

Il protagonista si imbatte nel corso della demo nella lara di un possente Graug. Per sconfiggerlo deve sfruttare la sua abilità con la spada ma anche i poteri da spettro, come Shadow Strike, che trasporta direttamente in prossimità dell'avversario.

Dalla missione della storia principale si è passati alla dimostrazione del cosiddetto Nemesis System, ovvero quel sistema che fa sì che le relazioni tra i nemici e le loro caratteristiche siano modellate in base alle azioni e decisioni dei giocatori al fine di creare degli arcinemici personalizzati che ricordano e si adattano al giocatore risultando diversi ad ogni sessione di gameplay.

Ogni elemento dei battaglioni de L'Ombra di Mordor ha precise caratteristiche e un certo modo di combattere. Ci sono Warchief, alcuni combattenti abili nel melèe e altri nei combattimenti dalla distanza. Ognuno di loro si contraddistingue per i suoi attributi in resistenza e potenza, per i suoi punti di forza e di debolezza. Abbiamo Poisoner, Bone Collector e Assassin.

Una volta scelto il target, il giocatore viene riportato nell'open world, mentre sulla mini-mappa appaiono le notifiche con i target da raggiungere. Bisogna infiltrarsi nel castello dove si trova il target senza farsi vedere e uccidere dalle guardie del corpo della vittima designata. Ad ogni modo, Talion si rivela sempre potentissimo rispetto all'esercito nemico, grazie anche allo spettro che alberga in sé e al fatto di poter fronteggiare tante minacce contemporaneamente.

Durante la battaglia nel castello arrivano vari scagnozzi della vittima, il tutto in maniera dinamica. Alla fine della battaglia, poi, il giocatore riceve una serie di notifiche sui membri del battaglione nemico. Potrebbe, infatti, aver fatto diventare alcuni nemici ancora più forti, qualora non riuscisse nella sua missione di assassinio.

 
^