Dead Island Epidemic: da leggere se volete sapere cosa è uno ZOMBA

Dead Island Epidemic: da leggere se volete sapere cosa è uno ZOMBA

Stunlock Studios ci ha dato la possibilità di provare in anteprima il nuovo ZOMBA Free to Play ambientato nel mondo di Dead Island. Dopo una quindicina di ore di gioco e più di mille zombie che non sono sopravvissuti dopo il nostro incontro siamo finalmente pronti a parlarvi di questo interessante titolo Hack & Slash cooperativo.

di Marco Fiore pubblicato il nel canale Videogames
 

Considerazioni

Dopo queste 15 ore devo ammettere che il gioco mi ha preso e che ho intenzione di continuare a giocarlo: il sistema di personalizzazione e di progressione porta a provare un po' tutte le armi e a vedere come vengono potenziate con l'utilizzo. Sono degne di attenzione le nuove abilità che il personaggio sblocca man mano che livella e colpiscono pure i nuovi personaggi sbloccabili anche solo giocando (ci vuole un po' però).

Ammetto di non essere un fan particolarmente accanito del PVE ma, specialmente considerando che stiamo parlando di un titolo Free-to-Play e dopo aver provato una quindicina di missioni coop, mi sento di consigliarlo a tutti coloro che aspirano nella vita a darle di santa ragione ad orde di zombie inferociti.

Per coloro che invece come me amano il PVP, soprattutto giocato a livello competitivo, la modalità Scavenger è assolutamente da provare: dopo le prime 3-4 partite necessarie a prenderci la mano vi troverete di fronte a un titolo tutt'altro che scontato e con meccaniche molto profonde e ben costruite, in grado di garantire quel giusto bilanciamento tra divertimento e sfida tale da consigliarlo veramente a chiunque. Un plauso va fatto anche al sistema di "Forza" che di fatto evita di far affrontare team con player che hanno tutto equipaggiamento premium ma sono meno skillati contro giocatori più bravi ma con equipaggiamento molto inferiore (risolvendo appunto il problema del pay-to-win nelle sessioni quotidiane di gioco).

Ho molto gradito anche la scelta di utilizzare i comandi della tastiera insieme al mouse per il controllo del personaggio. Il sistema si rivela fluido e preciso, e consente di continuare a muovere il proprio personaggio mentre si combatte dalla distanza, anche cambiando direzione, al contrario dei MOBA o di hack & slash come Diablo e come invece accade negli shooter.

Una precisazione fondamentale prima di chiudere l'articolo è che il gioco è ancora in Closed Beta. Ciò vuol dire che la software house può ancora cambiarlo e anche modificarne radicalmente alcune delle modalità (aspetto non di poco conto se si considera che non sempre i prodotti disponibili su Steam in accesso anticipato rispettano poi le promesse). Considerato lo stato attuale dei lavori, i trailer e gli screenshot mostrati fino a ora e la possibilità di acquistare numerosi pacchetti con contenuti premium esclusivi sembra piuttosto assodato che il gioco non varierà più di tanto rispetto allo stato attuale. Parlando poi di un Free-to-Play il problema di investire denaro prima dell'uscita del gioco è molto marginale.

Nota finale per tutti gli amanti dei film spazzatura: è presente uno Sharknado come abilità finale di uno dei personaggi, come è anche possibile vedere dal video qui sotto al minuto 2:33.

  • Articoli Correlati
  • Escape Dead Island: la serie verso Dead Rising e The Last of Us Escape Dead Island: la serie verso Dead Rising e The Last of Us Escape Dead Island è spin-off survival mystery in terza persona single player della nota serie multiplayer, che svela l'origine dell'epidemia zombie e racconta la storia che si svolge tra Dead Island e Dead Island 2. Ecco il nostro primo parere dopo aver provato una missione di gioco.
  • Dead Island: il machete è il tuo più caro amico Dead Island: il machete è il tuo più caro amico Abbiamo giocato per intero il nuovo titolo di Techland dedicato agli zombie e ne siamo rimasti soddisfatti per la profondità RPG, la longevità e la presenza di una divertente modalità cooperativa. Meno felici per un comparto grafico non eccezionale e alcune scelte discutibili, tra cui la caratterizzazione dei personaggi e la strutturazione della trama.
3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200623 Luglio 2014, 12:31 #1
Se si ha pazienza il gioco si rivela f2p e non pay2win.

Esempio: salendo di livello il personaggio può adoperare armi di livello maggiore. Ma costano soldi acquistarle. Allora si comprano i progetti con le risorse guadagnate ad ogni partita ma se il livello globale dell'account del giocatore non raggiunge livelli elevati, non si possono craftarle.

Esempio ancora più pratico: ho un pg a livello 14. Può equipaggiare armi di livello 4 ma dato che l'account è a livello 3 posso craftare solo armi di livello 2.

In ogni caso nessuno problema a giocarlo con armi di livello più basso. Si può vincere tranquillamente sia la modalità pve che la pvp. Basta avere pazienza. Loro contano sul fatto che la gente ha fretta.


Provatelo.

I punti "ammo" dati a fine di ogni round servono per comprare progetti e parti per craftare armi e items come medikit, granate, ecc.

I punti "personaggio" servono per acquistare appunto nuovi personaggi e se ne ricevono pochi dopo ogni round.

I punti "esperienza" anche questi sono pochi dopo ogni round e servono per livellare più in fretta (si fa per dire) armi o personaggi.

I punti "soldi" servono per comprare armi già pronte e per rimuovere esperienza in eccesso dalle armi. Si comprano con soldi veri.
Jimmy9223 Luglio 2014, 19:35 #2
I free2play non mi convincono molto..
Therinai23 Luglio 2014, 20:06 #3
Originariamente inviato da: Jimmy92
I free2play non mi convincono molto..


cosa non ti convince?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^