Sniper Elite III, recensione: contro l'Asse, nel segreto del deserto

Sniper Elite III, recensione: contro l'Asse, nel segreto del deserto

La figura del cecchino ha sempre il suo fascino. La si associa, naturalmente, a fumosi e frastagliati scenari urbani: una giungla moderna, dove potersi nascondere per colpire indisturbati e seminare morte in modo invisibile. Nell’immaginario collettivo, anche la II Guerra Mondiale viene di sovente associata a battaglie e bombardamenti urbani e certamente europei.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

In definitiva, SE III è un prodotto da valutare positivamente. Tanto per cominciare, presenta un'offerta 'unica', visto che sul mercato non esistono altri credibili giochi imperniati sul cecchinaggio.

Il cuore dell'esperienza proposta da Rebellion è un modello di stealth open-world che, nel piccolo e con qualche ingenuità, cerca di anticipare con buoni risultati quanto Kojima ha detto di voler preparare per il gioco-evento Metal Gear V.

A fronte di una trama trascurabile, SE III risulta comunque divertente e profondo, proprio per la molteplicità di approcci possibili ad ogni situazione. Questa necessità di pianificare, sperimentare ed esplorare (resa possibile dalla buona strumentazione in dote al giocatore), garantisce anche una buona longevità e anche una discreta rigiocabilità.

Menzione d'onore per il comparto audio (d'ambiente e di colonna sonora): prefetto per accompagnare l'azione ed elemento fondamentale per la leggibilità del mondo di gioco.

Menzione di demerito per un'IA non troppo efficiente e decisamente scostante nelle proprie prestazioni.

  • Articoli Correlati
  • Sniper Elite 3: quella pallottola che cambiò il corso della storia Sniper Elite 3: quella pallottola che cambiò il corso della storia Previsto per il 27 giugno, il nuovo Sniper Elite riporta i giocatori nel contesto tattico e rigoroso tipico della serie, che conferma le sue velleità di simulazione di cecchinaggio. Il nuovo capitolo presenta un nuovo sistema di gestione del riposizionamento dopo l'allerta dei nemici e mappe di gioco non più lineari ma molto più ampie. Nel corso dell'articolo trovate le nostre impressioni dopo aver provato i primi due livelli della campagna single player e la modalità multiplayer co-op Osservazione, insieme all'intervista a Chris Peyton, Head of Art di Rebellion.
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
devilred18 Luglio 2014, 22:14 #1
gia' finito, niente di che. quello che manca e' un po' di realismo, nel senso che il gioco sembra avere gia' 6 anni sulle spalle. l'ambiente e' un po' troppo finto, i dettagli lasciano il tempo che trovano, e' facile fino alla morte. mah!!
Titanox221 Luglio 2014, 10:26 #2
mah a me sembrava già chiara la situazione dopo che è uscito il 2. Dopo un primo buon capitolo si sono persi, fanno come cod che rivendono lo stesso gioco ogni anno, o ci mettono gli zombie o ci mettono il deserto rimane sempre tutta roba già vista
Vestar21 Luglio 2014, 13:29 #3
Ho appena vinto una key di Steam per questo gioco xD
Non mi attira molto personalmente, però ne parlano bene e la figura del cecchino è sempre affascinante.
Il primo, in ogni caso, non era male.
futu|2e22 Luglio 2014, 12:15 #4
L'IA è stupida quanto basta. Nel 2014 ancora ste cose fanno ridere.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^