Retrogaming: Vagrant Story, il capolavoro dimenticato

Retrogaming: Vagrant Story, il capolavoro dimenticato

Therinai ci ha mandato il secondo articolo per la nuova rubrica dedicata al Retrogaming. Dopo Theme Hospital, ci parla di Vagrant Story, un apprezzatissimo gioco di ruolo per la prima PlayStation che, purtroppo, oggi viene ignorato dal pubblico di massa.

di Gabriele Di Gennaro pubblicato il nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Introduzione

Quando venne rilasciato Vagrant Story, correva l'anno 2000, la PSX aveva monopolizzato il gaming su console e il mondo attendeva il suo successore.

Prodotto da Squaresoft, si tratta di un Action-RPG ambientato in un mondo fantastico, con gameplay basato sull'esplorazione di dungeon e sul combattimento in tempo reale. Non è stato localizzato in Italiano ma esistono traduzioni amatoriali di buon livello.

Ai tempi Squaresoft (ora Square-Enix) era diventata ormai epicamente famosa per il franchise Final Fantasy, almeno in occidente. In patria era ben nota anche per altri titoli come la serie Chrono e Front Mission. Altre sue produzioni interessanti (di quel tempo) furono Saga Frontier e Parasite Eve. Ma globalmente era riconosciuta soprattutto per Final Fantasy. Premetto ciò perché all'epoca avevo l'impressione che mettessero in secondo piano le altre produzioni, e sinceramente non ricordo per quale motivo comprai Vagrant Story appena approdato sul mercato italiano... ma lo comprai, e per fortuna posso dire ora.

Curiosamente lo comprai ancora prima di aver letto una qualsiasi recensione. Col senno di poi è facile dirsi “andai a colpo sicuro”, ma all'epoca non sapevo che si sarebbe rivelato essere uno dei videogiochi con il maggior rating tra tutti quelli prodotti per Playstation. Vagrant Story fu elogiato a livelli epici da qualsiasi testata, per la stampa specializzata era un capolavoro indiscutibile. Ma nonostante ciò non ebbe seguito, né conversioni per altre piattaforme. Squaresoft lo abbandonò al suo destino, e il gioco venne dimenticato, con l'unica eccezione della commercializzazione su Playstation Network (unico canale ufficiale sul quale è tutt'ora disponibile).

Perché parlarne? Perché con Vagrant Story sono stati dimenticati un sistema di combattimento e di crafting tra i più complessi, completi e motivanti che si siano mai visti.

Oltre che una storia estremamente affascinante e personaggi caratterizzati magnificamente.

 
^