Spazio al retrogaming: i pazienti affetti da Testa Gonfia di Theme Hospital

Spazio al retrogaming: i pazienti affetti da Testa Gonfia di Theme Hospital

Con Theme Hospital inauguriamo la nuova rubrica dedicata al retrogaming, ovvero a quelle perle del passato che pensiamo siano ancora valide da giocare. La rubrica è curata da un lettore del nostro forum, Therinai, che sta già pensando a tutta una serie di giochi del passato da rispolverare.

di Gabriele Di Gennaro pubblicato il nel canale Videogames
 

Il gioco

Come si dice? La salute prima di tutto? Bene, niente tutorial, non c'è tempo da perdere. Appena avviato il gioco ci si trova tra le mura, vuote, del nostro primo ospedale. Per fortuna un saggio assistente ci dà qualche dritta, quantomeno per aprire la baracca. Clicca là, compra una reception e scegli dove metterla. Intendi accogliere personalmente tutti i pazienti? Non scherziamo, ci pensa già il gioco a scherzare. Clicca lì... no, niente chirurgo di fama, assumi un’umile receptionist per smistare i pazienti in ingresso. Ora cosa aspetti? Serve un ambulatorio di medicina generale per fare partire le diagnosi...

Theme  Hospital

Concettualmente è abbastanza semplice: immaginate di arrivare in un pronto soccorso perché vi siete svegliati con una mano gonfia. Cosa può aspettarvi?

Il gioco è diviso per livelli, ovvero missioni. Il primo ospedale che ci viene assegnato è quello più semplice da gestire. Pochi pazienti e poche patologie possibili. Si comincia costruendo fin da subito le strutture consigliate, quelle essenziali. Si deve assumere il personale per le varie mansioni: la receptionist, l'addetto alle pulizie, l'infermiera e i medici. Per ogni categoria ci sono diversi curriculum a disposizione e sta al giocatore scegliere quelli che preferisce.

Aperto l'ospedale arrivano i primi pazienti: li vedi parlare con la receptionist poi si siedono pazientemente in attesa (hai messo delle panchine nel corridoio, vero?). Arrivato il loro turno bussano alla porta del medico generico e da qui parte la loro e la vostra avventura. Dalla prima visita non emergerà nulla, quindi il paziente verrà mandato ad un’unità di diagnosi maggiormente specializzata, come la diagnosi generale. Alcune malattie di base vengono diagnosticate già a questo punto, come le Emorroidi Fredde, e non resta che curarle. Come? Per esempio con una terapia farmacologica, quindi costruisci una farmacia e assumi un'infermiera per servire i pazienti. Ma la maggior parte dei casi sono più complessi. Aggiungendo un ambulatorio psichiatrico, per esempio, si può diagnosticare la temibile Personalità TV. Dotandosi di un reparto di cardiologia si può diagnosticare la Testa Gonfia.

Theme  Hospital

La prima missione potrebbe essere vinta in pochi minuti, ma sarebbe buona cosa approfittarne per osservare meglio il gioco. Per esempio, cliccando sui pazienti si scopre che hanno un proprio status, tutto sommato articolato. Si può vedere la loro cartella clinica, quindi sapere a che punto della diagnosi sono, conoscerne la patologia ed eventualmente mandarli in cura se già diagnosticata.

Perché non sono ancora in cura se la malattia è diagnosticata? Perché si può scegliere quanto diagnosticare, cosa che non fa male al paziente, ma intanto le diagnosi vengono pagate e incassate dall'ospedale. Ma ancora più importanti sono i fattori accessori: infatti si può vedere se il paziente è riuscito ad usufruire di abbastanza bibite per i suoi gusti, mentre attende per le visite (hai messo dei distributori di bibite... vero?), e se la temperatura dell'ambiente è troppo alta o troppo bassa. La temperatura è importante per limitare la velocità con la quale la patologia del paziente si aggrava (insomma fattene una ragione, dovrai installare un termosifone per ogni stanza).

Focalizzandosi sul personale invece si nota che hanno un indicatore di stanchezza: giustamente ogni tanto devono riposarsi per recuperare le forze e ciò avviene in una sala ristoro che il giocatore potrà attrezzare con svariati accessori.

Se si va a “frugare” tra i menu dedicati al gameplay si trovano le statistiche della sessione di gioco (incassi, uscite, numero di pazienti, decessi, eccetera), e dei menu per il settaggio di parametri come la durata delle diagnosi, il livello di riscaldamento e l'elenco del personale assunto, con tutti i relativi dettagli. Ma anche il costo delle analisi e delle cure.

Durante le prime missioni si scopre il laboratorio di ricerca che permette di ricercare nuove attrezzature per la diagnosi e la cura, di migliorarle e di migliorare le cure farmacologiche. Inoltre si scopre a cosa effettivamente servono i costosissimi medici “senior”, quelli con maggior esperienza. Infatti tutti gli impiegati hanno un livello di esperienza dalla quale dipende la loro efficienza, ma per i medici ciò ha ulteriore importanza, perché i medici di grado più alto possono fare da insegnanti a quelli di grado inferiore e così trasmettergli le specializzazioni. A questo punto per il giocatore è ormai evidente che un medico non vale l'altro. Per la psichiatria ci vuole uno psichiatra e per la chirurgia un chirurgo, così come nel laboratorio occorre un vero ricercatore. Sebbene sia possibile arruolare medici già specializzati, nelle missioni più avanzate questi scarseggiano e, attenzione, vengono velocemente assunti dalla concorrenza. Infatti, il giocatore viene messo fin da subito a conoscenza del fatto che altri ospedali vengono aperti, anche se la loro presenza non sembra dare problemi, con le uniche eccezioni della sottrazione di personale, tra quello disponibile, e delle statistiche di fine anno.

Queste, apparentemente, non sembra possano avere grande importanza, ma facendo due conti ce l'hanno. Al termine di ogni anno tutti gli ospedali sulla piazza vengono valutati e premiati in base ai loro meriti. Per esempio è meritevole aver curato tanti pazienti, non aver lasciato morire nessuno, aver venduto tante bibite per alleviare l'attesa, eccetera. Ognuno di questi meriti viene premiato con denaro o reputazione, ed entrambi sono molto importanti, soprattutto la reputazione.

Per il discorso economico trovo inutile dilungarsi: all'inizio di ogni livello ci sono soldi limitati e tante strutture da costruire e mantenere. Ma per la reputazione il discorso diventa cruciale. Non curare un paziente e farlo morire nel nostro ospedale porterà ad un grave calo di reputazione, il che porterà meno pazienti a presentarsi alla reception. Ma soprattutto un calo eccessivo della reputazione può portare alla chiusura dell'ospedale.

Theme  Hospital

La manutenzione ha un ruolo cruciale. Le macchine senza manutenzione si rompono, e sapete cosa succede se si rompono? Ve lo lascio scoprire, la prima volta è divertente... la prima. Sono i manutentori a riparare le macchine, gli stessi che si occupano delle pulizie. E se non facessi le pulizie? Ricordo che in una delle primissime partite, in quel lontano 1997, cercando di mandare avanti l'ospedale senza manutentori, per risparmiare soldi, l'ospedale venne totalmente ricoperto di vomito. Più avanti scoprii che il vomito causa le epidemie, e queste sono una grossa grana perché le infermiere devono correre per curare i pazienti, ma sta a voi dirgli chi curare.

La routine è spezzata da eventi occasionali come le sopra citate epidemie, l'arrivo di pazienti in emergenza, la visita di un VIP, dipendenti che protestano perché vogliono un aumento. Ma anche dal semplice fatto che si può agire manualmente per spostare il personale, cosa che torna molto utile nei momenti di difficoltà.

Ad ogni nuovo livello si aggiunge qualche nuova circostanza, come nuove malattie, nuove strutture, nuovi elementi di gameplay e nuovi livelli di sfida, e solo con la missione finale si dovrà fare di tutto per vincere.

 
^