FRITZ!Box 7490 con Wi-Fi 802.11ac anche per il gaming

FRITZ!Box 7490 con Wi-Fi 802.11ac anche per il gaming

Le esigenze di networking in ambito domestico e per un videogiocatore sono sempre più elevate: con FRITZ!Box 7490 AVM presenta una soluzione completa e in grado di garantire buone prestazioni.

di Fabio Boneschi, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Avm
 

Conclusioni

FRITZ!Box 7490 è al momento attuale la soluzione top di gamma di AVM: integra al proprio interno lo stato dell'arte per quanto riguarda le funzionalità wireless, abbinandole a un completo set di opzioni di routing e di centralino telefonico. Prestazioni di buon livello e un'elevata flessibilità d'utilizzo sono da tempo caratteristiche intrinseche dei prodotti AVM, caratteristiche che vengono costantemente aggiornate e migliorate nel tempo

È infatti importante ricordare che AVM distribuisce firmware aggiornati al cui interno non vengono risolti solo i bug segnalati: vengono piuttosto implementate nuove funzionalità o migliorate quelle esistenti. L'acquisto di questo prodotto offre quindi anche la garanzia che nel prossimo futuro le funzionalità offerte verranno nel tempo migliorate e ottimizzate, con l'unico limite dei requisiti hardware richiesti dalle nuove implementazioni.

Questo centralino non è strettamente dedicato ai gamer, ma la completezza del livello funzionale offerto crediamo possa soddisfare anche questo target di utilizzatori. Inoltre, si tenga presente l'evoluzione che il gaming sta incontrando: a fianco di giocatori appassionati e alla ricerca di soluzioni senza compromessi c'è un crescente numero di utenti che vedono nel gioco al PC o Console un'attività ludica complementare.

Di fatto FRITZ!Box 7490 può offrire tutto ciò che serve per avere tra le mura domestiche per il gaming, senza però chiedere compromessi ad altre funzionalità ormai divenute indispensabili. Per completare ulteriormente quanto offerto da questo centralino l'utente potrà contare anche su APP dedicate da utilizzare sul proprio smartphone per controllare alcune funzionalità di rete, oltre ad altri accessori commercializzati da AVM.

Abbiamo già accennato alle prese di corrente intelligenti, ma aggiungiamo anche i repeater utilizzabili per ampliare la portata del segnale Wi-Fi. Per offrire accesso al web anche da locali particolarmente lontani da FRITZ!Box 7490 potrebbero essere utilizzate anche gli accessori PowerLine, un'ulteriore opzione a dispsosizione degli utenti.

Nei prossimi mesi AVM ha promesso una novità ulteriore dedicata proprio al pubblico dei gamer: all'orizzonte oltre al supporto al protocolo 802.11ac già disponibile ci potrebbero essere nuove e più articolate opzioni per la gestione del QoS.

[AGGIORNAMENTO]: Sulla base di un commento di un lettore abbiamo contattato AVM per avere ulteriori chiarimenti. Il commento era il seguente: "Finchè i vari router Gaming, non implementano la funzione QoS con ACC (Active Congestion Control) come sul firmware Gargoyle, sulle ADSL italiane, il QoS di questi apparati è pressochè inutile, soprattutto per il gaming" (potete leggerlo nella sua interezza nello spazio per i commenti sottostante ndr).

Ecco la risposta di AVM: "In relazione al commento del lettore possiamo comunicare che tutti i modelli di FRITZ!Box attualmente in gamma, incluso quindi il 7490, dispongono di un evoluto shaper del traffico in grado di operare la prioritizzazione su base host e/o applicazione di rete, oltre alla possibilità di supportare i diversi modelli di gestione della QoS definiti in letteratura. Lo shaper del traffico può essere facilmente configurato tramite interfaccia web. Esso opera utilizzando differenti code di priorità: Applicazioni in tempo reale (nella cui coda sono inserite di default le regole per la telefonia su Internet e lo streaming video), Applicazioni prioritizzate, Applicationi normali e quelle in background.

Lo shaper agisce direttamente sui dati in upstream dov'é il router a stabilire con quale priorità trasmettere un flusso piuttosto che un altro, sempre in funzione delle condizioni correnti di banda.

Per i dati in dowstream, FRITZ!Box è comunque in grado di operare un condizionamento dei flussi secondo le regole di shaping applicate, utilizzando meccanismi di congestione e controllo del traffico. Se un'applicazione per il gaming viene inserita nella coda delle Applicazioni in tempo reale, questa fa sì che non venga trasmesso nessun altro dato all'infuori di quelle inserite quando è occupata tutta la banda disponibile: questo aspetto può garantire al gamer l'ottimizzazione nell'utilizzo della banda che cerca".

  • Articoli Correlati
  • AVM Fritz!Box: non solo ufficio, ma anche gaming AVM Fritz!Box: non solo ufficio, ma anche gaming AVM ha deciso di attaccare anche il settore del gaming con le sue apprezzate soluzioni per la connettività domestica. In attesa dell'arrivo del nuovo AVM Fritz!Box 3490, espressamente dedicato ai giocatori, scopriamo qual è lo stato dell'arte della tecnologia AVM attraverso l'intervista a Flavio Patria, uno dei maggiori esperti di AVM in fatto di nuove tecnologie di connessione.
10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giannidi5425 Giugno 2014, 11:26 #1
Mai avuto un Fritz non posso dire niente per la sua bontà, ma 300 euri per questo router mi sembra una follia, quando in giro si trova di meglio con hardw. di qualità.
Se devo spendere 300 euri per questo coso ne spendo 100 in più e mi compro un combinato professionale della Cisco.
NightStalker25 Giugno 2014, 11:45 #2
Finchè i vari router Gaming, non implementano la funzione QoS con ACC (Active Congestion Control) come sul firmware Gargoyle, sulle ADSL italiane, il QoS di questi apparati è pressochè inutile, soprattutto per il gaming.

Normalmente anche quei pochi router che implementano il QoS, lo fanno in maniera 'statica', ossia regole definite per banda e priorità e finita lì...
Purtroppo sappiamo tutti che alla fine, la banda delle ADSL tanto stabile non è, soprattutto in zone con molti abbonamenti.

Allora in quel caso, magari la sera, le nostre regolette QoS diventano inutili, perché tanto quei 10 mb che abbiamo impostato, ora sono 7, magari poi saranno 4 e chi lo sa più tardi di nuovo 10?

E' qui che entra in gioco l'ACC: praticamente pinga costantemente il gateway dell'ADSL (Telecom, Infostrada, etc) e se rileva un aumento della latenza (RTT) entra in gioco e automaticamente ribilancia le classi con la nuova banda rilevata, in modo da garantire un RTT sufficiente alla nostra classe che abbiamo definita ad alta priorità per es. Gaming o Voip


Ce l'ha fatta uno da solo con un firmware (Gargoyle) basato su OpenWRT, perché non ce la possono fare anche i produttori di apparati commerciali?

Io lo uso sul mio TP-Link da 20€ e da quando ho su Gargoyle i miei problemi con Quake Live e latenza, sono finiti.
Quanto ci metteranno a svegliarsi i vari produttori?
MARROELLO25 Giugno 2014, 13:32 #3
@ NightStalker

Che Tp-link possiedi ?
NightStalker25 Giugno 2014, 14:03 #4
TL-WR841ND @ Gargoyle 1.6.1 powered
pWi25 Giugno 2014, 15:57 #5
Originariamente inviato da: NightStalker
Finchè i vari router Gaming, non implementano la funzione QoS con ACC (Active Congestion Control) come sul firmware Gargoyle, sulle ADSL italiane, il QoS di questi apparati è pressochè inutile, soprattutto per il gaming.

Normalmente anche quei pochi router che implementano il QoS, lo fanno in maniera 'statica', ossia regole definite per banda e priorità e finita lì...
Purtroppo sappiamo tutti che alla fine, la banda delle ADSL tanto stabile non è, soprattutto in zone con molti abbonamenti.

Allora in quel caso, magari la sera, le nostre regolette QoS diventano inutili, perché tanto quei 10 mb che abbiamo impostato, ora sono 7, magari poi saranno 4 e chi lo sa più tardi di nuovo 10?

E' qui che entra in gioco l'ACC: praticamente pinga costantemente il gateway dell'ADSL (Telecom, Infostrada, etc) e se rileva un aumento della latenza (RTT) entra in gioco e automaticamente ribilancia le classi con la nuova banda rilevata, in modo da garantire un RTT sufficiente alla nostra classe che abbiamo definita ad alta priorità per es. Gaming o Voip


Ce l'ha fatta uno da solo con un firmware (Gargoyle) basato su OpenWRT, perché non ce la possono fare anche i produttori di apparati commerciali?

Io lo uso sul mio TP-Link da 20€ e da quando ho su Gargoyle i miei scleri con Quake Live e latenza, sono finiti.
Quanto ci metteranno a svegliarsi?


Abbiamo contattato AVM sulla base delle tue perplessità. Puoi trovare la risposta ufficiale nell'articolo.
Intel-Inside25 Giugno 2014, 16:28 #6
Ho un 7390 da 3 anni ormai... non posso che confermare la bontà di questi prodotti, solido, e super configurabile... nulla viene lasciato al caso...
NightStalker25 Giugno 2014, 18:09 #7
Originariamente inviato da: pWi
Abbiamo contattato AVM sulla base delle tue perplessità. Puoi trovare la risposta ufficiale nell'articolo.


siete stati molto gentili, così come AVM, e ho trovato la risposta molto ben scritta, ma generica, soprattutto sulla parte legata all'ACC

la funzione di cui parlo è QUESTA:
http://www.gargoyle-router.com/wiki..._controller_acc

potreste gentilmente invitare AVM a verificare se quando dicono "Lo shaper agisce direttamente sui dati in upstream dov'é il router a stabilire con quale priorità trasmettere un flusso piuttosto che un altro, [U]sempre in funzione delle condizioni correnti di banda.[/U]" parlino effettivamente di questo?

che io sappia, per ora a livello consumer, non esiste(va?) un'implementazione commerciale di questa feature.

semplicemente la stragrande maggioranza degli apparati, una volta impostata staticamente la banda disponibile sui canali downlink e uplink, non vanno a verificare e rinegoziare la banda disponibile per le varie classi in caso di congestione (realtà tristemente diffusa in Italia nei casi di zone sature) rendendo quindi quasi inutile la configurazione fatta sulla parte QoS.
Come è infatti stato col mio precedente Asus RT-N56U.


Grazie ancora per l'attenzione.

buona serata
mauriziogl25 Giugno 2014, 22:15 #8
Anche io ho avuto un avm in negozio e lo avevo preso pere sue funzioni come centralino e base dect. Davvero un bel prodotto e anche se si è bruciato in futuro lo riprenderó. Avevo collegato diversi cordless senza dover avere la linea del telefono, la sera dopo le 19 si spegneva il wi-fi e avevo impostato i consumi al minimo, inoltre era molto semplice controllare la banda o chi era connesso. Avevo impostato dei numeri ip per le uscite sugli internazionali ecc. ancora un pó da migliorare come centralino telefonico, ma a me è piaciuto tanto
emax8125 Giugno 2014, 22:51 #9
Grazie al DSL-N66U di Asus, ho conosciuto questo brand che dire...ho trovato la pace sul fronte adsl-router-wifi racchiusi in un solo device da amministrare

Link ad immagine (click per visualizzarla)



Modelli posseduti in precedenza:

Asus
DSL-N55U
DS-N66U
RT-N66U con modem Alice Wifi N
RT+AC66U con modem Alice Wifi N
Apple
Airport Extreme 5Gen + Alice Wifi N
Airport Extrme AC + Alice WiFi N
Telecom
Modem Ultra fibra
Christian Troy26 Giugno 2014, 07:54 #10
Vabbhè io ho riavviato l'altro ieri il mio TP-Link WR1043ND Gargoyle powered dopo 180 giorni di uptime... se è la stabilità che si cerca gli OWRT based non sono secondi a nessuno IMHO.

Condivido anch'io la bontà dell'ACC di Gargoyle che ormai uso da molti anni e non potrei mai più tornare indietro, puoi violentare la banda ma finchè hai delle classi a priorità alta per un determinato IP o porta di destinazione non te ne accorgerai nemmeno,

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^