Il mito del 'Netcode' in Battlefield 4

Il mito del 'Netcode' in Battlefield 4

Io so come vi sentite. Lo so perché ogni dannata sera cerco un server, faccio la coda, entro in gioco e mi “arrabbio”. Ogni dannata sera. Altresì ho una passione morbosa per Battlefield, passione che permane da tanto, troppo, tempo. Oggi sono qui a fare un po’ da avvocato del diavolo e un po’ l’ingenuo, che crede vi sia una concreta speranza per il futuro del franchise.

di Gioacchino Visciola pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

Un po’ di sincero Q&A

La prima domanda che sono sicuro molti di voi si staranno ponendo è la seguente: “Perché se tale aggiornamento è così vitale, non mettono le frequenze a 30 e bon, chi si è visto si è visto?”

La risposta, benché poco diplomatica, è la seguente: perché non tutti hanno una linea in grado di sopportare le frequenze a 30Hz. Chiunque sia in possesso di una linea con almeno 1Mb/s sia in Upload che in Download può tranquillamente aspettarsi che l’aggiornamento funzioni. Tutti gli altri dovranno trovare uno “sweet spot” personale, giocando con le impostazioni del Frequency Update, settandolo a Medio (20 Hz al secondo) o Basso (15Hz al secondo).

La seconda domanda, che mi sono posto anche io, è quanto effettivamente questo aggiornamento impatti sulle partite di ogni giorno, e la risposta questa volta è decisamente positiva.

DICE parla di un miglioramento del 40%, mentre Battle(non)sense ha notato addirittura un miglioramento del 50% sui tempi che intercorrono tra lo sparo effettivo e la ricezione del colpo. Anche questa volta mi affiderò ad un video per soddisfare la curiosità dei più tecnici: Link

Per i meno interessati, ed in generale per chi vuole evitare di sorbirsi 13 minuti di video in inglese, vi spiegherò la faccenda in maniera più semplice e chiara possibile.

Prima dell’aggiornamento delle frequenze, il tempo che intercorreva tra un’effettiva azione e la ricezione da parte nostra dell’azione era di 166 Millisecondi. Aggiungendo il ping ed i tempi di risposta del server / altri client, naturalmente si aveva un tempo decisamente lungo.

L’aggiornamento ha portato quel tempo di risposta da 166 Ms ad 88 Ms, ovvero quel 50% di cui parlavo sopra (naturalmente il risultato, sui vostri computer / linee, potrebbe cambiare di qualche Ms).

Grazie al tempo di risposta migliore sarete in grado di vedere con più accuratezza quando vi sparano, e quindi poter reagire al fuoco o mettervi in copertura in maniera più rapida ed accurata. Questo aggiornamento, incentrato esclusivamente sul tempo di risposta, in realtà ha avuto un impatto importante anche su altre meccaniche di gioco.

Sarete certamente morti qualche volta per mano di qualcuno che era totalmente ed inequivocabilmente di spalle, vero? Colpa, ancora una volta, dell’aggiornamento a 10Hz. Il server non vi aveva avvertiti per tempo che quel player si era girato e vi aveva sparato.

Con l’aggiornamento a 30Hz adesso la posizione dei player, anche stazionari, è molto più accurata, anche nei casi più veloci e disparati. Sarete finalmente in grado di vedere un player che si volta di scatto per colpirvi, così come vedere i singoli colpi sparati da un fucile, che prima dell’aggiornamento molto spesso sparivano del tutto dallo schermo del client in ricezione.

Justice, tutto quello che dici è bello e ci posso pure credere, ma francamente io schiatto ancora dietro ai muri, ed il netcode, francamente parlando, mi sembra ancora non ben ottimizzato!

Purtroppo è vero: ci sono delle premesse da fare affinché si possa effettivamente usufruire dei vantaggi del 30Hz.

 
^