AVM Fritz!Box: non solo ufficio, ma anche gaming

AVM Fritz!Box: non solo ufficio, ma anche gaming

AVM ha deciso di attaccare anche il settore del gaming con le sue apprezzate soluzioni per la connettività domestica. In attesa dell'arrivo del nuovo AVM Fritz!Box 3490, espressamente dedicato ai giocatori, scopriamo qual è lo stato dell'arte della tecnologia AVM attraverso l'intervista a Flavio Patria, uno dei maggiori esperti di AVM in fatto di nuove tecnologie di connessione.

di Fabio Boneschi, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Avm
 

Prestazioni della connessione internet

Gamemag: Ci sono molti router sul mercato con caratteristiche simili a quelle dei router della famiglia AVM Fritz!Box. Perché un utente dovrebbe scegliere un vostro router piuttosto che le altre soluzioni disponibili?

Flavio Patria: I nostri prodotti sono assolutamente affidabili in quanto sviluppati in Germania, quindi sono fondamentalmente dei prodotti la cui manifattura è quella europea e per i quali vengono dati cinque anni di garanzia. Riteniamo che la qualità costruttiva sia un fattore molto importante e, non bastasse questo, i Fritz! Box sono prodotti assolutamente innovativi, sempre al passo con le ultime tecnologie e soprattutto sono prodotti che vengono sviluppati in funzione delle esigenze dell'utente finale. Questo perché la prossimità di AVM con quello che è il mercato di riferimento ci consente di raccogliere le esigenze e il feedback degli utenti, e sulla base di queste informazioni sviluppare delle soluzioni che possano andare bene in tantissimi ambiti, della casa, delle soluzioni di telefonia per l'ambiente domestico o dei piccoli uffici. E, perché no, questo discorso può essere fatto anche per quelle che sono le esigenze di gaming, con tante soluzioni che sono state sviluppate ad hoc in riferimento a questo tipo di segmento di clientela.

Fritz!Box

Gamemag: AVM Fritz!Box 3390 è il vostro top di gamma per quanto riguarda il gaming. Quali sono le caratteristiche esclusive che offre al giocatore?

Flavio Patria: Il 3390 è il modello top di gamma della famiglia Fritz per quanto riguarda la categoria dei modem/router per il gaming. Questo perché è un dispositivo equipaggiato con la più recente piattaforma hardware sviluppata da AVM, che è quella che eccelle in termini di prestazioni, di ottimizzazioni e nella capacità di gestire certe tipologie di soluzioni per il networking e per il traffico dati come quelle necessarie per il real time, che sono chiaramente di maggiore interesse per i giocatori. Ma è soprattutto un prodotto che eccelle per quanto riguarda i collegamenti wireless e wired. Per il primo caso, parliamo di un router in grado di erogare contemporaneamente sulla banda dei 2,4 e su quella dei 5 Ghz i 450 Mbit al secondo. E questo consente agli utenti che utilizzano una periferica wireless per il gaming di avere il massimo delle prestazioni che oggi il mercato può offrire, ma al tempo stesso di ottenere anche il massimo della stabilità del collegamento e della qualità del segnale. Un altro aspetto fondamentale del 3390 è la possibilità di configurare delle regole che vanno a prioritizzare le applicazioni di gaming attraverso semplici step che possono essere effettuati attraverso l'interfaccia web del Fritx!Box. Questo consente di sfruttare al meglio la banda disponibile per le applicazioni di gaming.

Gamemag: Ha parlato di differenze hardware tra il 3390 e gli altri router Fritz!Box. Può scendere nello specifico in questo argomento?

Flavio Patria: Per policy tipicamente AVM non fornisce i dettagli costruttivi, però il 3390 è indicato come top di gamma perché dal punto di vista dell'hardware è più 'carrozzato' rispetto ad altre soluzioni che sono altrettanto valide da altri punti di vista. D'altro canto, una caratteristica dei prodotti Fritz!Box è quella di dotare i vari modelli con un firmware, Fritz!OS, che eroga le stesse funzionalità software a prescindere dal modello. Quindi, l'elemento discriminante tra un modello e un altro sono proprio le caratteristiche hardware. Però, non posso veramente dire più di questo.

Gamemag: Chi gioca abitualmente su console come può trarre beneficio dalla tecnologia AVM?

Flavio Patria: Sicuramente chi gioca su console può trarre benefici dai prodotti AVM. Principalmente per i motivi che indicavo prima. Per esempio, nel caso del 3390, sia dal punto di vista del collegamento wireless che da quello del collegamento wired, abbiamo collegamenti al massimo della velocità disponibile oggi sul mercato. In particolare, il 3390 è equipaggiato con quattro porte Gigabit, quindi se facciamo l'esempio di una console collegata tramite cavo questa può fruire delle massime capacità del collegamento disponibile nella rete locale. Poi, con la prioritizzazione del traffico, si è in grado di sfruttare al top la banda disponibile.

Fritz!Box

Gamemag: Le soluzioni AVM Fritz!Box sono l'ideale per ottenere la stabilità nell'erogazione della connessione nella rete wireless domestica. Ma per quanto riguarda la latenza della connessione a internet consentono di avere un qualche tipo di vantaggio rispetto ad altre soluzioni simili?

Flavio Patria: Dei vantaggi si possono ottenere, ma comunque in dipendenza dalla tipologia di connettività che si ha a disposizione. Certamente il Fritz!Box non può fare miracoli, ma può sfruttare al meglio quella che è la banda disponibile. AVM si confronta oggi sul mercato italiano con tantissimi provider, a partire dalle principali telco fino ad arrivare a molti provider regionali. Questo ci consente di avere una sorta di certificazione sul campo della qualità dei nostri router in confronto alle varie tipologie di connettività disponibili, sia ADSL ma anche di altro tipo.

Gamemag: Le ultime soluzioni AVM come Fritz!Box 7490 si avvalgono dei supporti WLAN N e 802.11ac. Questi standard che tipo di vantaggi consentono di avere?

Flavio Patria: L'802.11ac e l'802.11n rappresentano oggi lo stato dell'arte per quanto riguarda gli standard di connettività senza fili. In particolare, l'802.11ac è il futuro del collegamento wireless, perché è uno standard assolutamente innovativo. Il vantaggio di avere un prodotto che supporti questo standard è quello di poter disporre di una soluzione tecnologicamente evoluta e al passo col tempo, visto che entro qualche mese queste soluzioni diventeranno uno standard nel mercato. Ma questo supporto si va ad aggiungere all'attuale standard n che, insieme alle soluzioni di antenne multiple, consente comunque di ottenere prestazioni importanti. Lo standard ac consente di raggiungere velocità fino a 1.300 Mbit al secondo e, soprattutto, è in grado di sfruttare al meglio la qualità trasmissiva che si ha con la banda di 5 Ghz. Quest'ultima è una banda meno perturbata che consente di aggregare più canali adiacenti e, quindi, di raggiungere velocità e throughput superiori. Quindi, i vantaggi offerti all'utente sono quelli di avere un router molto performante e molto stabile nel collegamento wi-fi.

Gamemag: Gli ultimi router Fritz utilizzando lo schema MIMO 3x3. Come funziona e come migliora le prestazioni reali?

Flavio Patria: MIMO è fondamentalmente una tecnica che nasce insieme allo standard 802.11n e che sta per Multiple-input and multiple-output. Vuol dire avere a disposizione più coppie di antenne per effettuare la trasmissione del segnale wireless. 3x3, nello specifico, vuol dire che si hanno a disposizione 6 antenne, ovvero 3 coppie di antenne, 3 in trasmissione e 3 in ricezione. Avere più coppie di antenne permette di trasferire il segnale wireless con una serie di tecniche aggiuntive a quelle tradizionali volte a migliorare le prestazioni del router. Ad esempio, si può realizzare con questo tipo di configurazione quello che si chiama Spatial multiplexing, ovvero la capacità di trasmettere le informazioni wireless utilizzando più streaming. Tipicamente, tanti sono gli streaming quante sono le coppie di antenne presenti sul dispositivo. Così si riesce a moltiplicare il throughput complessivo, quindi fondamentalmente la banda che si ha a disposizione per la trasmissione del segnale. Avere più coppie di antenne, e quindi sfruttare la tecnologia MIMO, vuol dire anche sfruttare una diversità trasmissiva, per cui coppie di antenne trasmettono più volte lo stesso dato in modo tale da ridurre la perdita di informazioni che può succedere allorché si opera in un ambiente wireless in qualche modo perturbato. Con MIMO si può poi effettuare il bonding dei canali e quindi c'è la possibilità di aggregare più canali assieme per aumentare, anche in questo caso, il throughput. E, infine, un'altra tecnica che si può sfruttare attraverso l'utilizzo di antenne di tipo MIMO, e quindi la presenza di più coppie di antenne, è quella del beamforming, ovvero la capacità di trasmettere il segnale con una certa fasatura spaziale, il che consente alla stazione che trasmette di capire dov'è geograficamente collocato il dispositivo terminale e quindi ottimizzare la potenza della trasmissione del segnale nella direzione verso la quale sono presenti i vari client.
 
^