KartSim: una simulazione realistica anche per i go kart

KartSim: una simulazione realistica anche per i go kart

KartSim è una rigorosa simulazione di guida sviluppata da una sola persona, un programmatore di Melbourne di nome Zach Griffin. Si tratta di un progetto che, in qualche modo, segue il successo dell'italiano Assetto Corsa. Eccovi la nostra intervista con Zach, nella quale l'abile programmatore ci spiega in maniera molto chiara come funziona la fisica di KartSim.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Fisica prima di tutto

La prima notizia è che KartSim ha ottenuto l'approvazione della Comunità di Steam avendo superato la votazione su Steam Greenlight. Questo vuol dire che ha suscitato l'interesse dei giocatori e che Valve presto lo renderà disponibile attraverso il suo servizio di distribuzione. È una notizia che renderà felici soprattutto i fan di guida rigorosa e gli amanti della simulazione perché KartSim, sviluppato dall'australiano Zach Griffin, eccelle soprattutto in fatto di fisica.

Ne abbiamo approfittato per parlarne con lo stesso Griffin, che ci ha concesso parte del suo prezioso tempo per spiegarci il funzionamento a livello fisico della sua simulazione. E, come potete leggere nell'intervista che trovate nella pagina successiva (anche in inglese), ci ha spiegato tutto in maniera assolutamente comprensibile, lasciando trasparire anche il tipo di passione che mette nello sviluppo del suo gioco.

KartSim è una simulazione di guida in sviluppo ormai da cinque anni, che mira a riprodurre delle gare multiplayer con i kart caratterizzate da una fisica decisamente avanzata basata sull'algoritmo Finite Element Method, adibito alla gestione della flessione del telaio dei kart in tempo reale. Un elemento cruciale nella simulazione di un go kart, come ci spiega Zach nell'intervista, e che sta alla base del successo di KartSim in contrapposizione ad altri titoli sui go kart invece meno profondi.

KartSim offrirà sia gare serie, con tutte le fasi di prove libere e di qualifiche, che la modalità "sandbox stunt driving", all'interno della quale i giocatori potranno spostare gli oggetti a bordo pista, come i pneumatici che proteggono i piloti in caso di fuoripista, per creare dei percorsi alternativi.

I kart saranno in grado di raggiungere la velocità massima di 160km/h, essendo dotati di motori da 45 cavalli. I pneumatici, inoltre, reagiranno fedelmente alle sollecitazioni e agli impatti con l'asfalto.

I giocatori potranno anche creare e personalizzare i propri kart e costruire dei team insieme agli amici. Potranno disegnare le livree dei kart, i caschi e gli accessori del team. E non mancherà la possibilità di andare in giro a piedi per le piste, in modo da esaminarle in ogni dettaglio.

Al lancio, KartSim comprenderà 5 circuiti realizzati in LaserScan, 5 differenti tipologie di kart, l'intelligenza artificiale e il multiplayer. Altri contenuti, poi, saranno aggiunti durante le varie fasi di Steam Accesso Anticipato.

Il gioco è sviluppato da un unico programmatore, Zach Griffin appunto, che risiede a Melbourne. Griffin ha dedicato gli ultimi anni della sua vita a KartSim e adesso sembra essere pronto per mostrare la sua creazione ai giocatori, visto che la beta sarà disponibile a breve. Si mostra come una persona molto propositiva e geniale, per cui vi invito senza ulteriore indugio a leggere la sua intervista: troverete tanti spunti non solo sul funzionamento della fisica del suo gioco, ma anche sulle altre simulazioni di guida e sul futuro stesso dei videogiochi.

 
^