I 10 migliori videogiochi del 2013

I 10 migliori videogiochi del 2013

Anche quest'anno Hardware Upgrade e Gamemag offrono la classica dei migliori giochi dell'anno precedente, scelti dai lettori. Si parte dalla decima posizione e si risale fino al gioco vincitore.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

5a posizione

Battlefield 4

Produttore: Electronic Arts
Sviluppatore: Digital Illusions CE
Piattaforme: PC, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One
Rilascio: ottobre

Battlefield scende dal secondo posto della classifica del 2011 (ottenuto ovviamente da Battlefield 3) a questa quinta posizione in ex aequo. Su questo dato incidono tanti fattori: dai malfunzionamenti a cui è andato incontro il gioco, con instabilità e latenze per i match multiplayer, al fatto che Battlefield 4 non sia un cambiamento netto rispetto al gioco precedente della serie DICE. Molti giocatori, infatti, avrebbero preferito più supporto sul titolo precedente che un gioco completamente nuovo, con un rilascio così vicino a quello di Battlefield 3.

Il titolo DICE ha ovviamente anche una parte single player. Si suppone che una misteriosa figura, conosciuta come l'Ammiraglio Chen, abbia programmato un colpo di stato in Cina, con l'obiettivo di prenderne definitivamente il potere e instaurare un governo parastatale e oligarchico. L'avvenuto colpo di stato, inoltre, avvicina la Cina alla Russia, anch'essa controllata da un'oligarchia avversa agli Stati Uniti. La nuova alleanza tra Russia e Cina metterebbe definitivamente gli Usa in ginocchio, che per questo sono costretti a intervenire in anticipo.

Ma il single player è trascurabile come al solito in Battlefield, essendo più un allenamento per la componente principale, quella multiplayer. DICE introduce 10 nuove mappe di gioco e 2 modalità di gioco inedite, oltre al cosiddetto Levolution, che sottende alla presenza di più distruzione durante i match. Non manca il ritorno della figura del comandante e della modalità spettatore, oltre che la ridefinizione di alcuni equilibri di gioco.

Poi ci sono i veicoli, anch'essi presenti in massa nelle mappe di Battlefield 4, con alcune aggiunte come vedremo nelle prossime pagine. Come al solito, sono capaci di sovvertire gli equilibri delle battaglie, anche perché in certi casi si tratta di aerei rapidi e di carri molto resistenti. DICE ha rivisto anche il funzionamento dei liquidi. Adesso le superfici d'acqua sono più consistenti, più realistiche e reagiscono dinamicamente alle condizioni meteo e alle azioni dei giocatori. Le fasi di nuoto sono molto più credibili e i giocatori possono sfruttare l'acqua, e mi riferisco principalmente alla mappa Tempesta a Paracel, per nascondersi. Inoltre, i soldati possono essere letteralmente trascinati via dalle onde.

Il motore grafico di Battlefield 4 viene definito Frostbite 3 e, come sempre quando si parla di tecnologia DICE, ci troviamo ai vertici massimi per l'industria dei videogiochi. Battlefield 4 usa un'innovativa variante della tecnica di rendering differito che sfrutta la versatilità di Microsoft DirectCompute per la gestione in tempo reale delle illuminazioni. Il motore grafico impartisce delle priorità ai vari spazi delle scene di gioco, processando prima quelli più importanti. Usa inoltre il G-buffer per tenere traccia dei parametri sulle proprietà dei materiali di cui sono formati gli oggetti all'interno dell'ambiente di gioco.

Battlefield 4 non è un gioco innovativo come il suo predecessore, anzi è fortemente basato sulla tecnologia allestita da DICE per Battlefield 3. Nonostante questo, si tratta ancora una volta di una delle migliori soluzioni per chi ama il gioco in multiplayer particolarmente rapido, ma non per questo poco strategico. Sempre se DICE riuscirà a superare i problemi tecnici che ha incontrato durante la fase di lancio, e che riesca a mantenere le promesse sul programma di espansioni e aggiornamenti.

 
^