2014, i videogiochi più attesi dell'anno

2014, i videogiochi più attesi dell'anno

Come ogni anno, passiamo in rassegna quella che sarà l'offerta videoludica dell'anno entrante. Nel mondo del gaming, bisognerà vedere come Microsoft e Sony riusciranno a sfruttare la base installata iniziale delle nuove console, offrendo agli utenti dei titoli finalmente in grado di sfruttarne l'hardware. Il nuovo Uncharted e Halo 5, in tal senso, sembrano i titoli più interessanti. Ma anche il mondo PC è in forma, tra Steam Machine e diversi giochi ottimizzati sull'hardware più recente, come The Witcher 3 Wild Hunt.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyMicrosoftSteamThe Witcher
 

Dragon Age Inquisition

Produttore: Electronic Arts
Sviluppatore: BioWare
Piattaforme: PC, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One
Rilascio: Q3 2014

Se il 2013 è stato un anno abbastanza povero per il genere dei giochi di ruolo, il 2014 si rifarà nettamente in tal senso. Avremo, infatti, tutti i titoli prodotti in maniera indipendente di cui abbiamo parlato nel corso dell'articolo, ma anche, probabilmente, un nuovo Fallout (sul quale non si sa ancora niente è che ancora non è annunciato ufficialmente), e il nuovo Dragon Age, invece già ampiamente rivelato da Electronic Arts e da BioWare.

Dragon Age Inquisition perderà il motore grafico proprietario di BioWare per passare al Frostbite su cui sono realizzati i vari episodi di Battlefield, insieme ad altri titoli del catalogo EA. Negli ultimi giorni, sono stati rilasciati alcuni scatti inediti che rivelano degli scenari di gioco e dei personaggi non annunciati in precedenza, mentre BioWare ha già comunicato che la storia è già interamente giocabile dall'inizio fino alla conclusione. Bisogna solamente registrare i dialoghi e preparare le musiche di accompagnamento al gameplay e alle sequenze di narrazione.

Con questo nuovo Dragon Age, BioWare vuole superare i limiti del secondo capitolo e offrire un mondo di gioco liberamente esplorabile dalle dimensioni paragonabili a quelle di Skyrim, perlomeno nei piani. Il giocatore, come al solito, potrà fare delle scelte che avranno evidenti ripercussioni sulla storia e sul rapporto con gli altri personaggi non giocanti, influendo anche sul finale.

Quanto alla storia, il Velo, ovvero lo strato di ozono mistico che separa le forze del male dal resto della Terra, è stato squarciato. I demoni si stanno così riversando sul mondo, provocando il caos e arrecando distruzione dappertutto. Il lavoro del giocatore, che è stato appena nominato Inquisitore, è quello di preparare un esercito per affrontare il male, e capire chi c'è dietro la distruzione del Velo.

BioWare sta ascoltando i fan, e per questo ha deciso di reinserire la visuale tattica isometrica. I giocatori potranno mettere l'azione in pausa, che è un inedito per le versioni console della serie Dragon Age, e scegliere le loro mosse successive dalla visuale dall'alto, proprio come in Baldur's Gate.

Si promette, inoltre, un elevato livello di personalizzazione del personaggio, con la possibilità di scegliere il sesso e la razza tra uomini, elfi, nani e Qunari. Poi, proprio come succedeva con i vecchi giochi di ruolo, la salute del personaggio non si rigenererà automaticamente, ma dovrà essere il giocatore a rimpinguarla manualmente. Non ci sarà neanche il level-scaling, quindi ogni parte del mondo offrirà una difficoltà specifica, a prescindere dall'evoluzione del personaggio del giocatore.

 
^