2014, i videogiochi più attesi dell'anno

2014, i videogiochi più attesi dell'anno

Come ogni anno, passiamo in rassegna quella che sarà l'offerta videoludica dell'anno entrante. Nel mondo del gaming, bisognerà vedere come Microsoft e Sony riusciranno a sfruttare la base installata iniziale delle nuove console, offrendo agli utenti dei titoli finalmente in grado di sfruttarne l'hardware. Il nuovo Uncharted e Halo 5, in tal senso, sembrano i titoli più interessanti. Ma anche il mondo PC è in forma, tra Steam Machine e diversi giochi ottimizzati sull'hardware più recente, come The Witcher 3 Wild Hunt.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyMicrosoftSteamThe Witcher
 

The Evil Within

Produttore: Bethesda Softworks
Sviluppatore: Tango Gameworks
Piattaforme: PC, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One
Rilascio: 2014

The Evil Within è un survival horror puro, che tenta di ripristinare il bilanciamento originale tra fasi di tensione e combattimenti. Il giocatore avrà sempre pochi proiettili a disposizione e dovrà in certi casi agire in maniera stealth, grazie a un nuovo sistema di animazioni e a un personaggio molto più reattivo che in Resident Evil.

Gli sviluppatori di Tango GameWorks, guidati da Shinji Mikami, l'autore dell'originale Resident Evil, hanno fatto il miracolo di ricostruire Resident Evil con il motore grafico di Rage, che nasce da DooM III, ovvero id Tech 5. Ci sono tante cose da dire a proposito di The Evil Within, e per questo vi rimandiamo al report già segnalato.

Il protagonista di The Evil Within si chiamerà Sebastian, un detective che è solito lavorare in collaborazione con altri due colleghi, Joseph e una ragazza nota semplicemente come ‘Kid’. La telecamera sarà posizionata sulla spalla di Sebastian, rendendo quindi gli eventi molto più vicini al giocatore, anche se non è stato indicato , nello specifico, quali influenze ci saranno sulle meccaniche di gioco. Il team assicura di voler riporre molta attenzione sull’impatto cinematografico.

I movimenti del giocatore costituiranno un ruolo centrale nella componente survival horror, sarà ad esempio necessario nascondersi e non farsi notare qualora i nemici si trovino nei paraggi. Sembra insomma che possano trovare spazio anche alcune meccaniche stealth, sfruttabili per evitare l'impatto frontale, presumibilmente per preservare il limitato inventario. Le animazioni e i movimenti cambieranno a seconda del contesto e in quei momenti in cui la minaccia sarà nelle vicinanze.

Abbiamo parlato diffusamente di The Evil Within in questo articolo.

 
^