Dead Rising 3: l'Alba dell'ottava generazione con Xbox One

Dead Rising 3: l'Alba dell'ottava generazione con Xbox One

Il nuovo titolo firmato da Capcom Vancouver ci ha divertito a tratti, senza riuscire a convincerci più del dovuto. La deriva free roaming della serie presenta pregi e difetti, mentre trama e personaggi sono risultati poco all’altezza sotto quasi ogni punto di vista. Ottime invece le meccaniche di combinazione delle armi e dei veicoli, per un prodotto che di fatto dimostra il meglio delle proprie potenzialità durante le fasi cooperative.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
XboxCapcomMicrosoft
 

Nick Ramos, maestro del riciclo

Nick è in possesso di una dote che si rivelerà molto utile durante tutto il corso del gioco. Il suo talento come riparatore e meccanico gli permette infatti di riciclare e combinare in modo efficace molti degli oggetti che sono presenti nell’ambiente circostante. Le meccaniche di combo delle armi non sono una novità assoluta, già in Dead Rising 2 era possibile adottare questi criteri di potenziamento e ottenere così una migliore efficacia contro i nemici dotati di maggior resistenza. In questo caso le funzionalità sono state riviste e rese molto più dinamiche rispetto al passato. Mentre Chuck era costretto a servirsi dell’abituale tavolo da lavoro, che contraddistingue vari titoli in salsa zombie, Dead Rising 3 permette al giocatore di adottare queste scelte liberamente, in ogni momento e in qualunque area della mappa. Ovviamente a patto di aver sbloccato i relativi progetti di costruzione, recuperabili per l’intera mappa, e di essere in possesso dei giusti ingredienti.

Le combinazioni sono numerose e possono anche condurre a risultati parecchio ignoranti, come ad esempio la bomba a mano, costituita semplicemente dalla mano di uno zombie e da un candelotto di dinamite. Grazie a questi meccanismi si possono tranquillamente incrociare oggetti da taglio per creare armi da mischia più performanti, oppure ricorrere ad armi da fuoco e accessori di vario genere, utili a migliorarne gittata o prestazioni. Non bisogna comunque dimenticare che le armi combo si consumano e godono di una durata d’utilizzo limitata.

Questo sistema è rapido da fruire ed è probabilmente l’aspetto più riuscito del gioco. Rimane qualche perplessità sulla scelta di prevedere un analogo criterio di raccolta anche per il cibo, utile a ripristinare gli slot della salute. Qualora il limitato inventario attivabile con il pulsante RB sia pieno si è costretti a lasciar cadere l’arma che si sta usando, rifocillarsi e poi cercare di recuperarla da terra. Un’operazione che non sempre va a buon fine, specialmente se sul terreno sono presenti molti oggetti ravvicinati e si è incalzati da zombie vogliosi di assaggiare il vostro collo, o peggio. La situazione migliorerà soltanto ampliando le dimensioni dell’inventario.

Ma la vera novità del gioco è rivestita dalle combo, che ora possono essere compiute anche con i veicoli. Il funzionamento è sostanzialmente il medesimo: raccogliere gli opportuni schemi di progettazione, sbloccare tramite la crescita del personaggio le varie unioni configurabili e poi procedere all’assemblaggio, parcheggiando i veicoli uno vicino all’altro. I risultati sono ai limiti della follia, ma degni di essere sottolineati come punto di forza di questo titolo. Grazie a tali criteri è così possibile rendere più divertenti e alternative le fasi di guida; vi sentirete finalmente autorizzati a fare casino, ricevendone in cambio la dovuta gratificazione. Abbiamo ad esempio deciso di mescolare insieme un’auto da corsa e un muletto. Il prodotto finale è stato all’altezza delle aspettative, ne è infatti uscito un veicolo rapido e leggero, dotato di adeguate protuberanze metalliche sulla parte frontale, ottime come “sfollazombie”.

Come ha spiegato l’executive producer Josh Bridge, il team era particolarmente attratto da queste possibilità e ha deciso di affiancare la già interessante gestione delle armi con delle meccaniche in linea rispetto allo spirito open world di questo titolo. “Tutti i veicoli hanno i loro punti di forza e le loro debolezze. Adoriamo l’idea dei veicoli combo, la scelta assurda di unire due veicoli, metterli uno di fianco all’altro e poi mescolarli”.

Un’altra novità rispetto al predecessore riguarda la rimozione dell’abituale conto alla rovescia di 72 ore, che era presente anche nel primo episodio. Peraltro questa caratteristica è ancora selezionabile scegliendo di giocare in modalità Incubo. Nella modalità normale viene al contrario indicato un termine di 6 giorni, dopo il quale sarà dato l’ordine di radere al suolo l’intera città e tutti i suoi abitanti.

Tra le note positive del gioco annoveriamo anche l’inventario, davvero completo e ben realizzato. Nella sezione principale è presente la pagina dedicata allo sviluppo del personaggio, dove vengono indicati i punti esperienza già incamerati ed il proprio grado attuale, che potrà essere incrementato fino al livello 50. I potenziamenti delle abilità sono suddivisi in sette categorie, che spaziano dall’abilità nei combattimenti corpo a corpo all’incremento della barra energetica, dal miglioramento delle doti di meccanico fino all’ampliamento delle dimensioni dell’inventario, di fondamentale importanza fare buon uso delle meccaniche combo. Ma non è tutto, sono infatti presenti un diffuso tutorial che all’occorrenza permette di consultare tutte le informazioni utili riguardanti le meccaniche di gioco e una pagina riassuntiva di tutti gli schemi relativi ad armi e veicoli raccolti, recante le categorie di oggetto indispensabili alla loro realizzazione.

 
^