Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Dopo aver giocato intensamente la simulazione di guida di Turn 10 Studios vi proponiamo il nostro parere su modello di guida, fisica, grafica, e le altre componenti. Si è discusso molto sull'introduzione delle micro-transazioni e sul numero inferiore di auto e circuiti rispetto al passato, ma queste mancanze contribuiscono a far scendere la qualità del titolo?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Imperfezioni

"Sono le imperfezioni a rendere la grafica ancora più reale", ci diceva Dan Greenawalt, direttore di Turn 10 Studios, in occasione del preview event di Xbox One. E, in effetti, dopo aver giocato per qualche giorno con la versione definitiva di Forza Motorsport 5 bisogna dire che il concetto di "imperfezione" è al centro dell'esperienza di gioco del nuovo simulatore. Ma, contrariamente a quanto ci si possa aspettare, in senso assolutamente positivo.

La guida è una questione di imperfezione. La scocca delle auto è imperfetta, il tipo di contatto dell'auto con l'asfalto lo è, e la componente umana alla guida è ben lungi dall'essere perfetta. È una questione di compromessi: un susseguirsi di emozioni, di sentimenti e di adrenalina che si verifica nel momento in cui componente meccanica e componente umana si fondono. E quando l'essere umano riesce a tirar fuori il meglio dal suo mezzo meccanico e ad andare oltre i limiti che la fisica gli impone, la guida diventa passione. Ecco che la guida è, dunque, come coltivare un sogno.

La passione per il motorsport è il fulcro dell'esperienza di guida di Forza 5, e viene trasmessa al giocatore, oltre che attraverso le auto e le loro imperfezioni grafiche e nella tenuta di strada, dal cast di Top Gear, visto che Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May accompagnano il giocatore in ogni fase della progressione, commentando le sue gesta su quattro ruote e introducendo le varie categorie di auto. Senza rinunciare all'inconfondibile stile della trasmissione televisiva britannica, e quindi mettendoci sempre tanta ironia.

La straordinaria resa visiva delle auto di Forza 5 consente di notare le imperfezioni negli strati di vernice sulle auto, le increspature sul metallo, oltre che tutto ciò che si trova all'interno dell'abitacolo e le rientranze causate dalle collisioni che si verificano sulla pista. Ogni auto è riprodotta con certosina attenzione per i dettagli, e non solo per la grafica, come vedremo. C'è un livello di dettaglio così alto per ogni singola auto che, nel momento di applicare un nuovo strato di vernice, si può ammirare, appunto, un'imperfezione, nel punto in cui due strati di vernice si incontrano.

Ma le imperfezioni riguardano anche ciò che si verifica in pista. I pneumatici, in particolar modo, si deformano e si discostano dalla loro struttura originale nel momento in cui capita una collisione con un cordolo o con qualsiasi altro ostacolo ci possa essere sull'asfalto. Ecco che vedi la carcassa del pneumatico restringersi o allungarsi nel momento in cui la vettura affronta brutalmente un cordolo, oppure la carrozzeria che si deforma dopo un urto o le scintille che vengono fuori dallo sfregarsi di due auto che si vengono a trovare troppo vicine l'una con l'altra.

Forza Motorsport 5 è una simulazione di guida a tutto tondo, proprio perché vengono riprodotti tantissimi elementi dell'esperienza di guida facendo affidamento su un vasto database numerico, che regola il comportamento delle varie componenti dell'auto. Il simulatore tiene conto della temperatura dei pneumatici in qualsiasi condizione, dello stato dell'asfalto e delle sue sconnessioni, delle caratteristiche tecniche dell'auto e del tipo di rapporto che intercorre tra pneumatico e asfalto in qualsiasi momento.

Quest'ultimo aspetto è stato sempre particolarmente curato da Turn 10, e in Forza 5 arriva, semplicemente, a un nuovo livello. Il giocatore può percepire con grande sensibilità che cosa sta succedendo tra pneumatico e asfalto, e reagire di conseguenza alla minima perdita di aderenza dell'auto. Circuiti come Sebring, con il famosissimo asfalto piastrellato nell'ultima curva, evidenziano nel miglior dei modi ciò che sto scrivendo. In Forza 5, insomma, hai proprio la sensazione vivissima di essere proprio lì, su quella famosissima curva.

 
^