Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Dopo aver giocato intensamente la simulazione di guida di Turn 10 Studios vi proponiamo il nostro parere su modello di guida, fisica, grafica, e le altre componenti. Si è discusso molto sull'introduzione delle micro-transazioni e sul numero inferiore di auto e circuiti rispetto al passato, ma queste mancanze contribuiscono a far scendere la qualità del titolo?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Drivatar

Ma le funzionalità strabilianti di Forza 5 non terminano qui. La nuova simulazione di Turn 10, infatti, presenta un sistema di intelligenza artificiale semplicemente senza precedenti per un gioco di guida. Parliamo del Drivatar, le cui lodi sono state ampiamente decantate da Microsoft in fase di reclamizzazione della nuova console. Secondo Microsoft Drivatar usa il cloud per assicurare ai giocatori un confronto con l'intelligenza artificiale coinvolgente e sempre accattivante, con comportamento degli altri piloti credibile.

È vero. Drivatar analizza in tempo reale il comportamento di altri giocatori e lo converte in comportamento dinamico dell'intelligenza artificiale durante le corse. Forza 5 offre 8 livelli di Drivatar, sempre generati in base alle prestazioni caricate sul cloud da altri giocatori. Al massimo livello di difficoltà l'IA non concede nulla, è incredibilmente aggressiva e presenta comportamenti sempre variabili. Qualsiasi tipo di giocatore, tuttavia, può trovare il livello di sfida adatto a lui.

Durante l'esperienza di guida si ha la sensazione di sfidare effettivamente dei giocatori pseudo-umani? La risposta è ancora una volta si. Ad esempio, mi è capitato che nel corso del lungo rettilineo di Mount Panorama dopo lo scollinamento una vettura mi superasse ad alta velocità per poi aver difficoltà nella successiva semi-curva verso destra. Un comportamento innaturale per un pilota IA, anche perché la curva veniva affrontata a mo' di rally: perlomeno, imprevedibile!

In realtà si trattava di un Drivatar di uno degli amici che ho aggiunto al mio profilo Xbox. Ma le gare sono sempre imprevedibili e tengono sempre con il fiato sospeso il giocatore. Possono capitare degli incidenti, mentre i piloti possono essere soggetti a errori, arrivare lungo nelle curve o andare in testacoda. Ad esempio, dopo un furibondo incidente che ha coinvolto diverse macchine, vedevo un pilota IA girarsi realisticamente per riprendere così la traiettoria normale. Usando il replay istantaneo, inoltre, ci si accorge come vari il comportamento dell'IA in base alle circostanze: se in un tentativo abbiamo subito un sorpasso in un certo modo, nel successivo non è detto che si ripeta quello stesso tipo di sorpasso. Anzi, con ogni probabilità dovremo reagire in maniera differente.

Il Drivatar fornisce anche altri tipi di supporto. Innanzitutto, il giocatore può caricare sul cloud le proprie prestazioni, che poi vengono scaricate dagli amici e da altri giocatori, consentendo di accumulare ulteriori crediti in funzione dei risultati ottenuti dal Drivatar stesso. Inoltre, quando si acquista una nuova vettura si può propendere per una delle colorazioni già fatte da altri giocatori e già caricate sul cloud. Si possono confrontare le proprie prestazioni in ogni momento con quelle della community e sfidare qualsiasi altro giocatore. Insomma, come tutto in Xbox One, si tratta sempre di un'esperienza integrata e sociale, fortemente strutturata intorno al supporto web.

A proposito di web, dobbiamo parlare anche della componente multigiocatore. Anche qui Forza 5 presenta prestazioni notevoli, con un netcode eccellente che consente di giocare fluidamente in quasi tutte le circostanze. L'individuazione della sessione di gioco è rapida, mentre Kinect permette di chattare con gli altri giocatori in maniera assolutamente naturale. I giocatori possono utilizzare le auto sbloccate nel corso della carriera, che possono essere potenziate per l'occasione. Non manca poi la possibilità di installare degli assetti di elaborazione, tarati in funzione del circuito da affrontare.

Naturalmente il multiplayer è una componente cruciale per il nuovo Forza, perché garantisce una longevità pressoché illimitata nel corso del tempo. Poter sfidare altri giocatori in carne e ossa, all'interno di un'esperienza di gioco così fluida, permette di scoprire altri dettagli delle auto presenti nella simulazione, e di vederle da un'altra prospettiva, in special modo da quella relativa all'affinamento di tutte le componenti meccaniche per ottenere la migliore prestazione possibile.

La parte della personalizzazione delle auto è ben presente anche nel single player, pur non essendo così determinante come nel multiplayer. Il giocatore ha una lista sterminata di accessori e potenziamenti da poter installare, il che consente di modificare le auto nei minimi dettagli. E anche dal punto di vista estetico, visto che spoiler, minigonne, cofani e altre parti dell'auto successivamente installate saranno ben visibili a tutti i giocatori presenti nella sessione multiplayer.

 
^