Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Recensione Forza 5: il miglior motivo per comprare una Xbox One

Dopo aver giocato intensamente la simulazione di guida di Turn 10 Studios vi proponiamo il nostro parere su modello di guida, fisica, grafica, e le altre componenti. Si è discusso molto sull'introduzione delle micro-transazioni e sul numero inferiore di auto e circuiti rispetto al passato, ma queste mancanze contribuiscono a far scendere la qualità del titolo?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Passione

Forza 5 offre un modello di guida decisamente rifinito rispetto ai suoi predecessori, con il risultato che il giocatore ha una migliore esperienza della perdita di aderenza dell'auto. Turn 10 ha, infatti, interamente rifatto il motore fisico per la gestione di pneumatici e sospensioni. Si è accorta che il precedente modello, comunque diffusamente apprezzato in Forza 4, era limitato e che in alcuni casi restituiva delle sensazioni non corrispondenti alla realtà. Ha quindi affinato un nuovo sistema di campionamento dei dati reali e di conversione per la simulazione.

Il nuovo modello di gestione delle sospensioni richiede molta più capacità computazionale e ha richiesto la collaborazione di McLaren, di produttori di sospensioni e di pneumatici e una struttura di test nettamente più rifinita rispetto a quella utilizzata per Forza 4.

I risultati sono evidenti nel nuovo simulatore, visto che il giocatore percepisce la perdita di aderenza in maniera più netta e fedele in quasi ogni circostanza. Per esempio, in concomitanza dell'esubero di potenza durante le accelerazioni più brutali, o in fase di frenata quando blocca le ruote o, ancora, sull'erba o comunque in assenza di asfalto, situazione quest'ultima sempre molto critica nei precedenti Forza.

Inoltre, quando si verificano dei danneggiamenti in seguito a collisioni sull'auto può capitare di piegare una ruota o una sospensione, con il risultato che, solo in certi momenti come nella fase di frenata, l'auto perda aderenza sull'asfalto e cominci a "tirare" verso una parte. Il tutto è incredibilmente dinamico, con cambiamenti al comportamento sempre diversi e sottostanti a tantissimi fattori, anche al consumo e alla temperatura dei pneumatici, oltre che alla guida del giocatore.

Il simulatore poi calcola dinamicamente la temperatura dei pneumatici in svariati punti sulla superficie degli stessi, e mostra questi dati in tempo reale al giocatore con uno schema posto nella parte in basso a destra della schermata. È molto interessante verificare la fedeltà del sistema, visto che ogni tipo di comportamento sul volante ha ripercussioni sullo stato dei pneumatici in tempo reale: ad esempio, una frenata eccessiva farà surriscaldare i pneumatici su cui è applicata la forza frenante, mentre uno spostamento di peso repentino metterà in crisi i pneumatici nella direzione opposta a quella verso la quale l'auto si dirige.

La simulazione offre risultanti brillanti nella riproduzione del comportamento delle auto in accelerazione o nel calcolo della deportanza, oltre che in frenata. Ad esempio, con una potente Chevrolet Corvette degli anni 2000 il giocatore dovrà stare attento a parzializzare con cura l'accelerazione, perché quest'auto a trazione posteriore offre un esubero di potenza importante. Con una Mazda MX-5 degli anni '90, invece, avremo il problema opposto, ovvero trazione insufficiente per colmare le distanze degli ampi circuiti presenti in Forza.

Naturalmente, poi, percorrere le curve più veloci e con raggio più ampio con una Ferrari 458 Italia sarà un'esperienza diversa rispetto a ciò che può accadere con un'auto meno sportiva. La 458 genera maggiore deportanza, ovvero tanta forza verticale diretta verso il basso, il che tiene l'auto incollata a terra anche in queste condizioni di scarsa aderenza. Insomma, in caso di curve del genere la Ferrari può procedere spedita, mentre la Mazda ddi prima richiede al giocatore di agire sul pedale del freno.

Questo, d'altra parte, va usato con grande parsimonia, perché è molto facile bloccare i pneumatici, facendoli inutilmente scaldare e quindi portarli con maggiore facilità al degrado. Inoltre, con pneumatici bloccati l'aderenza risulta compromessa, con l'impossibilità di realizzare una buona staccata e approcciarsi bene alla curva successiva. Il gamepad di Xbox One, come vedremo meglio più avanti, offre maggiore precisione e più controllo sulle auto rispetto alla soluzione precedente, e già per questo Forza 5 è un'esperienza di guida più approfondita.

 
^