Forza 5 e i giochi del lancio di Xbox One: la next-gen è qui!

Forza 5 e i giochi del lancio di Xbox One: la next-gen è qui!

Microsoft ci ha invitato a un evento a Monaco di Baviera, in cui è stato possibile provare in maniera approfondita alcuni dei titoli del lancio di Xbox One, Forza Motorsport 5 su tutti. Ecco le nostre prime impressioni sull'hardware, il gamepad, Kinect, la dashboard e, appunto, i giochi, della nuova console Microsoft, a 10 giorni dall'arrivo nei negozi.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
MicrosoftXbox
 

Ryse Son of Rome

Se Forza evidenzierà la qualità dell'esperienza di gioco e Kinect Sports Rivals le possibilità di interazione con Kinect, a Ryse spetta il compito di esaltare la parte prestazionale. Sviluppato da Crytek con CryEngine, Ryse offre un livello di dettaglio grafico veramente molto alto, a 1080p e a 30 fps, ricordando per completezza ed effetti in post-processing, soprattutto per quanto riguarda l'effetto di sfocatura, Crysis 3, basato anch'esso su questa tecnologia.

Un altro aspetto vincente del titolo Crytek riguarda la riproduzione fedele dello scenario dell'Antica Roma: ambienti di gioco, personaggi e aspetto paesaggistico sono sapientemente ricostruiti, immergendo perfettamente il giocatore nell'atmosfera della potente Roma di due mila anni fa. Purtroppo, non si può dire lo stesso della trama, visto che non presenta punti di contatto credibili rispetto ai reali fatti storici. Anzi, si tratta più che altro di pretesti che portano a continue invasioni barbariche, anche all'interno dei più prestigiosi palazzi imperiali di Roma, che il giocatore è chiamato a fronteggiare senza soluzione di continuità.

Ryse è quindi un gioco di combattimenti ravvicinati, una sorta di Batman Arkham in cui vengono escluse tutte le parti di esplorazione, indagine, stealth e degli enigmi, per concentrarsi solo sui combattimenti. Bisogna intervenire in tempo, contrattaccare rispetto ai colpi del nemico e sapersi proteggere all'occorrenza, sfruttando delle abilità speciali nel momento in cui la barra della furia risulta adeguatamente riempita.

I giocatori hanno diverse possibilità strategiche e devono fronteggiare i nemici in base alle loro caratteristiche. Possono usare alcune armi dalla distanza, nella fattispecie dei giavellotti che i romani individuavano con il termine "pila".

Per parare i colpi del nemico bisogna premere per tempo su "A", mentre "Y" serve per spingere i nemici e "X" per attaccare. Quando il nemico è ridotto a poche vite compare sopra la sua testa un teschio e diventa così possibile iniziare la spettacolare combo finale. Per accedervi occorre premere "RT" e poi, a tempo, i pulsanti corrispondenti sulla base del colore che circonda la sagoma del malcapitato barbaro. Queste sequenze sono altamente spettacolari, evidenziano il dettaglio dei modelli poligonali e sono violente e cruente, visto che il protagonista interpretato dal giocatore affetta letteralmente i suoi avversari. Inoltre, il motore grafico le segue da diverse inquadrature, pensate per enfatizzare il tutto.

Durante i combattimenti il giocatore può cambiare bersaglio semplicemente girandosi verso il barbaro che vuole attaccare. La parte di combattimenti ravvicinati risulta poi intervallata in certe momenti da mini-giochi, come sparare con un arpione, interazione con scenari e organizzazione delle linee difensive. Per richiamare l'aiuto degli altri soldati si può semplicemente tenere premuto un pulsante o rivolgersi a Kinect. In quest'ultimo caso serve urlare qualcosa come "arcieri, soccorretemi!" (riconosciuto anche l'italiano) per richiamare il supporto degli arcieri.

Il giocatore, inoltre, può decidere che atteggiamento tenere durante i combattimenti. Uno di questi, in funzione dell'efficacia della combo finale, consente di ripristinare risorse vitali, un altro di guadagnare più esperienza e un altro di massimizzare l'efficacia degli attacchi. I punti esperienza accumulati possono poi utilizzati per migliorare le abilità associate a salute, furia, guadagno e scontro. Si possono sbloccare anche diverse esecuzioni finali, che potenziano il personaggio interpretato e rendono più vari gli attacchi; e lo si può fare con il valore acquisito durante l'esperienza di gioco o con l'oro, acquistabile invece con valuta reale.

All'inizio della campagna, che si compone di 8 capitoli, il generale romano Marcus Titus si ritrova a difendere l'Imperatore Nerone, mentre i barbari sono riusciti a penetrare fino al palazzo imperiale. Ma dopo le prime battute di gioco ecco che parte un lungo flashback che mostra come, dieci anni prima, i barbari, di nuovo in grado di giungere fino a Roma (???), avessero sterminato la famiglia di Marcus Titus. Nel flashback vediamo il protagonista allenarsi con il padre Leontius mentre sullo sfondo si può ammirare il Colosseo. La storia, alla base, segue il mito di Damocle, il centurione nero che uccide i coscritti che lo hanno tradito in battaglia.

Ma, come dicevamo, non si tratta di una trama che ha attinenza con i reali fatti storici: anche se sviluppato in Germania, Ryse è orientato principalmente verso il pubblico americano, che non presta attenzione alle affinità con la realtà per le produzioni di intrattenimento come questa. La storia è costellata semplicemente da una serie di pretesti per spingere il giocatore a continuare a combattere e affrontare ondate di barbari.

I combattimenti sono spettacolari, anche se presto diventano monotoni e non offrono una fluidità delle animazioni assimilabile a quella dell'ultimo Batman Arkham Origins. L'azione viene rallentata nel momento in cui è richiesto un contrattacco, ma i movimenti del protagonista non si adattano a quanto sta succedendo in maniera così fedele come invece succede nel caso di Batman, anzi sembra che manchi qualche animazione nel momento in cui Marcus si gira da un bersaglio all'altro.

Tornando alle possibilità di interazione, si possono anche schivare i colpi con "B", mentre con "RB" si sfrutta la furia per abilitare gli attacchi speciali: ad esempio, si possono bloccare i nemici e rallentare il tempo, in modo da infliggere un numero superiore di colpi.

La parte migliore di Ryse, però, è quella multiplayer. Si combatte all'interno di Colossei, con diverse arene a disposizione già al lancio. Le arene comprenderanno anche degli oggetti sensibili, con i quali è possibile interagire, come catapulte e animali. Durante gli scontri è infatti possibile affrontare delle missioni secondarie, basate proprio su questi elementi, per ottenere più punti esperienza. Altre missioni, ad esempio, possono prevedere di uccidere un barbaro specifico.

Gli scenari di gioco sono dinamici e possono essere distrutti, mentre le armi affilate di cui sono dotati i gladiatori sono in grado di affettare i nemici. I giocatori hanno a disposizione anche un editor degli scenari e possono scalare le posizioni di una classifica globale. Coloro che rientrano nei primi posti di questa classifica ottengono dei loot speciali, che serviranno loro per potenziare ulteriormente il proprio gladiatore.

A differenza del single player, quest'ultimo, di fatto, in multiplayer può essere personalizzato in ogni sua parte, come accade in un gioco di ruolo. Affrontando i match, infatti, si guadagna esperienza e si ottengono crediti con cui comprare nuovi pezzi di equipaggiamento. L'equipaggiamento, infatti, influisce sulla resistenza ma anche sul tipo di reazione della folla. Ma i giocatori che vogliono livellare velocemente potranno acquistare dei booster pack con valuta reale.

Ryse vuole essere una sorta di incrocio tra God of War e Diablo, ma non presenta tutta la parte di loot o il livello di personalizzazione del personaggio che si può riscontrare nell'action sviluppato a Santa Monica. È, piuttosto, molto ripetitivo nel gameplay e anche nel tipo di situazioni da affrontare. Come è successo in precedenza con altri giochi Crytek, inoltre, ci sono pochissimi tipi di nemici in tutta la campagna single player (che si può finire in 7/8 ore).

Insomma, Ryse si conferma interessante per l'aspetto grafico e per la ricostruzione dello scenario e dell'atmosfera dell'Antica Roma, ma se si è alla ricerca di qualcosa di valido sul piano di gameplay allora è meglio spostarsi alla pagina su Forza Motorsport 5 di questo articolo.

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor12 Novembre 2013, 16:02 #1
La cosa che mi fa ben sperare per queste nuove console è che se pensiamo ai giochi del day one delle attuali PS3 e X360 e li paragoniamo a quelli che i programmatori sono in grado di tirar fuori dopo 8 anni di "pratica" con l'HW è impressionante la differenza.

Se shiftiamo la cosa su queste nuove console, penso che nel giro di 2 o 3 anni se ne vedranno delle belle!
sertopica12 Novembre 2013, 16:05 #2
Framerate ancorato a 30 fps in Dead Rising 3? Forse dovreste leggere l'analisi di Digital Foundry: http://www.eurogamer.net/articles/d...s-dead-rising-3

Per me questa corsa all'all in one ha fatto perdere di vista il reale scopo di una console, con conseguenti pesanti compromessi in ambito tecnico. 16 fps sono ben al di sotto della soglia di giocabilità...
gridracedriver12 Novembre 2013, 16:33 #3
Originariamente inviato da: sertopica
Framerate ancorato a 30 fps in Dead Rising 3? Forse dovreste leggere l'analisi di Digital Foundry: http://www.eurogamer.net/articles/d...s-dead-rising-3

Per me questa corsa all'all in one ha fatto perdere di vista il reale scopo di una console, con conseguenti pesanti compromessi in ambito tecnico. 16 fps sono ben al di sotto della soglia di giocabilità...


non penso di comprare queste console, forse a fine ciclo la PS4 (ho avute tutte le PS), ma ringraziamo M$oft/zozz di aver fermato nuovamente il progresso tecnologico, perchè questo ma spero vivamente di no farà crollare tutti i titoli cross-platform in qualità... se non fosse per quelle 3 esclusive stellari come Ryse, Forza e Quantum Break, a sto giro M$oft prendeva bastonate sui denti...
spero vivamente che riescano a sfruttare sta benedetta Esram, sennò saranno "volatili per diabetic"i = caxxi amari per tutti...

Non ho mai criticato troppo la scelta dell'hardware sulle scatolette, utilizzare il giusto ed avere come punto di forza le perf/watt/price sono il loro cavallo di battaglia e PS4 lo ha centrato in pieno, ma XBONE è al limite del ridicolo come "next-gen" 720p e 30fps sono inaccettabili, anche se le texture, poligoni e shader sono di ottimo livello...
han puntato sul cloud-computing per aumentare la potenza, ma in questa generazione è troppo presto!
davyjones12 Novembre 2013, 17:55 #4
Originariamente inviato da: gridracedriver
non penso di comprare queste console, forse a fine ciclo la PS4 (ho avute tutte le PS), ma ringraziamo M$oft/zozz di aver fermato nuovamente il progresso tecnologico, perchè questo ma spero vivamente di no farà crollare tutti i titoli cross-platform in qualità...


Uhm, dubito che fermerà il progresso tecnologico e la qualità dei vg, la differenza di potenza tra ps4/x1 e pc è già troppo marcata.

Più probabile che, al contrario della scorsa generazione, favoriti anche da una maggiore omogeneità tra le diverse piattaforme (almeno rispetto al passato si ha tutto x86), si avranno giochi che dalla versione più pompata verranno fatti scalare verso il basso (cioè verso la console meno performante)
gildo8812 Novembre 2013, 18:02 #5
La next gen è qui? Mi sa di no. Niente novità sul versante gameplay, e sul versante grafico si arranca con macchine che non riescono nemmeno a gestire decentemente ed a 60 fps risoluzioni che su pc sono ormai superate da un bel pezzo e che si usano solo su pc vetusti come il mio.
Questa fail gen è da comiche.

Originariamente inviato da: davyjones
Uhm, dubito che fermerà il progresso tecnologico e la qualità dei vg, la differenza di potenza tra ps4/x1 e pc è già troppo marcata.

Più probabile che, al contrario della scorsa generazione, favoriti anche da una maggiore omogeneità tra le diverse piattaforme (almeno rispetto al passato si ha tutto x86), si avranno giochi che dalla versione più pompata verranno fatti scalare verso il basso (cioè verso la console meno performante)


Io invece ho come la sensazione che la sensazione che questa della omogeneità tra piattaforme, sarà la classica "scusa" per proporre dei porting nudi e crudi delle controparti console. E' un caso che da quando stanno sviluppando giochi per console next-gen, i requisiti di ram siano passati a 6 gb minimi, anche quando è palese che non siano richiesti e sfruttati (cod:ghost vi dice nulla?). Non vedo affatto felice la situazione, per quel che riguarda i multipiatta.
gridracedriver12 Novembre 2013, 18:07 #6
Originariamente inviato da: davyjones
Uhm, dubito che fermerà il progresso tecnologico e la qualità dei vg, la differenza di potenza tra ps4/x1 e pc è già troppo marcata.

Più probabile che, al contrario della scorsa generazione, favoriti anche da una maggiore omogeneità tra le diverse piattaforme (almeno rispetto al passato si ha tutto x86), si avranno giochi che dalla versione più pompata verranno fatti scalare verso il basso (cioè verso la console meno performante)


lo spero proprio guarda

comunque spero che tra un paio di anni mi escano per pc quelli che ora sono esclusive e cioè Ryse e Quantum Break
albero7712 Novembre 2013, 19:29 #7

non ci siamo proprio...

tutti questi anni di attesa ed eccoci qui di fronte ad una xbox 360 overcloccata..dead rising 3 è scandaloso e i 30 fps non sono nemmeno stabili(in discesa con vento a favore forse)...ma che senso ha?macchine che scendono a compromessi ancor prima di uscire sul mercato.fate sapere alla microsoft che i televisori full hd 60 hz che sono in giro da anni aspettano impazientemente di essere sfruttati...saltero questa gen a piè pari e chissà se esisteranno ancora le console dopio questa generazione a mio avviso fallimentare...delusione totale.
p.s. ah dimenticavo ricordatevi di aggiornare la console altrimenti i giochi non partono
peronedj12 Novembre 2013, 19:42 #8
Originariamente inviato da: albero77
tutti questi anni di attesa ed eccoci qui di fronte ad una xbox 360 overcloccata..dead rising 3 è scandaloso e i 30 fps non sono nemmeno stabili(in discesa con vento a favore forse)...ma che senso ha?macchine che scendono a compromessi ancor prima di uscire sul mercato.fate sapere alla microsoft che i televisori full hd 60 hz che sono in giro da anni aspettano impazientemente di essere sfruttati...saltero questa gen a piè pari e chissà se esisteranno ancora le console dopio questa generazione a mio avviso fallimentare...delusione totale.
p.s. ah dimenticavo ricordatevi di aggiornare la console altrimenti i giochi non partono


Se la one è una 360 overclockata allora la ps4 cosa è? LOL
Almeno nella one c'è un kinect molto potente [U]e di serie[/U] che può (se sfruttato) portare a qualche innovazione lato gameplay, la ps4 cosa ha? Il touchpad? E' davvero una ps3 overclockata
albero7712 Novembre 2013, 19:53 #9
Originariamente inviato da: peronedj
Se la one è una 360 overclockata allora la ps4 cosa è? LOL
Almeno nella one c'è un kinect molto potente [U]e di serie[/U] che può (se sfruttato) portare a qualche innovazione lato gameplay, la ps4 cosa ha? Il touchpad? E' davvero una ps3 overclockata


no console war please.la one costa 500 euro e ti obbligano ad acquistare un kinect che non tutti apprezzano.il kinect per me è una grande boiata casualona adatto a famigliole felici.io pretendo di poter liberamente scegliere se acquistare o meno il kinect con conseguente decurtamento di prezzo.la m$ è bravissima ad imporre le sue regole,ma non altrettanto brava a progettare console da gioco.l'hardware è risicato al massimo e per la prima volta al mondo sta buttando fuori una console che di fatto senza aggiornamento obbligatorio per l'appunto non può avviare i giochi.500 calci nel sedere gli darei...
peronedj12 Novembre 2013, 20:00 #10
Originariamente inviato da: albero77
no console war please.la one costa 500 euro e ti obbligano ad acquistare un kinect che non tutti apprezzano.il kinect per me è una grande boiata casualona adatto a famigliole felici.io pretendo di poter liberamente scegliere se acquistare o meno il kinect con conseguente decurtamento di prezzo.la m$ è bravissima ad imporre le sue regole,ma non altrettanto brava a progettare console da gioco.l'hardware è risicato al massimo e per la prima volta al mondo sta buttando fuori una console che di fatto senza aggiornamento obbligatorio per l'appunto non può avviare i giochi.500 calci nel sedere gli darei...


Nessuna console war, qual è il problema? Chi vuole la grafica pompata subito si prende la ps3 hd, chi vuole variazioni sul solito e stantio gameplay e non ha problemi a spendere 100€ in più per un investimento sul futuro si prende la one. Quando poi quei geniacci dei programmatori cominceranno a prendere confidenza con la console e a trovare nuovi e assurdi modi di usare il kinect (le potenzialità ce le ha tutte) poi vediamo chi si lamenta del "solito gameplay"

ps: già forza 5 dimostra che su one è possibile avere grafica assurda a 1080p e 60fps, quindi non mi si venga a dire che i giochi girano uno schifo perchè la console è castrata perchè NON E' VERO. si tratta solo di prendere confidenza con la console e impegnarsi a cacciare fuori roba seria

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^