Battlefield 4: grafica e multiplayer hardcore ai vertici

Battlefield 4: grafica e multiplayer hardcore ai vertici

Con l'aiuto dell'hardcore gamer Gioacchino, membro del clan Regia Armata, abbiamo sviscerato Battlefield 4, sia per quanto concerne il nuovo motore grafico che per gli equilibri di gioco della parte multiplayer che, come sempre quando si parla di Battlefield, è quella cruciale. Trovate anche il videoarticolo, costruito su immagini catturate dalla versione PC, e una gallery di screenshot, prelevati sempre dalla versione PC con dettaglio grafico impostato sui massimi livelli qualitativi.

di Rosario Grasso, Gioacchino Visciola pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

Hit detection client side

Lo sviluppatore svedese, purtroppo, in molte circostanze dimostra di essere indifferente alle richieste della community. Così come per Battlefield 3, infatti, la hit detection rimarrà client side. Questo vuol dire che ogni client di Battlefield 4 gestirà in maniera autonoma l'impatto dei proiettili con i corpi dei soldati, con il rischio di avere risultati leggermente differenti a seconda del giocatore coinvolto nel match.

DICE mantiene questa impostazione perché vuole favorire coloro che hanno latenze alte per la connessione a internet, ma probabilmente questo setting è radicato in profondità nel motore di gioco, e non è più possibile cambiarlo a meno di rivoluzionare molte cose. Se la hit detection fosse sul server si avrebbero risultati più oggettivi per tutti i giocatori coinvolti nel match, ma coloro che ricevono le informazioni dal server in ritardo sarebbero svantaggiati, vedendo l'esito delle sparatorie con un po' di ritardo rispetto al momento in cui sono effettivamente avvenute.

Tornando ai cambiamenti, e al ripristino di vecchie impostazioni del passato, bisogna invece parlare della reintroduzione del comandante e della modalità spettatore. Nel primo caso, qualora si sia come minimo raggiunto il livello 10 di esperienza, è possibile occupare il ruolo del comandante, che è in grado di coordinare le attività dell'intero squadrone, di schierare le unità di supporto e di lanciare attacchi missilistici. C'è una differenza, però, rispetto al comandante di Battlefield 2: nel momento in cui si passa a questa modalità, infatti, non si può continuare ad occupare il ruolo di soldato ordinario sul campo di battaglia.

Il comandante può espletare le sue funzioni anche dal tablet, agendo tramite il nuovo Battlescreen. Naturalmente si tratta di una funzione interessante perché coinvolge i dispositivi più moderni, ma che verrà scartata dal giocatore più impegnato, perché in questo modo dovrebbe rinunciare a parte della precisione.

La modalità spettatore, invece, consentirà di assistere ai match di Battlefield 4, anche quando coinvolgono 64 giocatori. DICE ha preparato un'interfaccia utente dedicata, con diverse opzioni di visualizzazione e varie modalità di osservazione dei match. Naturalmente, la modalità spettatore spinge Battlefield 4 verso la direzione dello sport elettronico, sempre nel tentativo di rintuzzare il gap rispetto a Call of Duty. Il tutto era stato inspiegabilmente sottovalutato con Battlefield 3.

Rispetto alla tradizione, e alle modalità introdotte con i DLC di Battlefield 3, abbiamo due modalità di gioco completamente nuove: Obliteration e Defuse. Nella prima si affrontano due squadre chiamate a proteggere una bomba da piazzare nel territorio nemico. Defuse, invece, è una modalità a morte permanente che contrappone due squadre. Si vince se si eliminano tutti i membri della squadra avversaria o se si distrugge una risorsa militare di proprietà di quest'ultima.

Naturalmente le due modalità principali rimangono Conquest e Rush. Conquest è la classica modalità di Battlefield in cui bisogna possedere e controllare le bandiere servendosi dei veicoli. In Rush, come da tradizione, le squadre devono distruggere le postazioni M-COM appartenenti alla squadra avversaria. La squadra con il compito di difendere le stazioni M-COM avrà un numero limitato di respawn. Se la squadra che attacca avrà successo sarà in grado di spingersi più in là nella mappa, con nuove stazioni M-COM che diventeranno attive.

Domination è la controparte di Conquest senza veicoli, con conseguenti combattimenti su spazi ristretti. Non manca il classico Team Deathmatch, mentre lo Squad Deathmatch prevede la suddivisione dei giocatori in quattro squadre in battaglie prevalentemente tra la fanteria con una limitata presenza di veicoli.

 
^