Battlefield 4: grafica e multiplayer hardcore ai vertici

Battlefield 4: grafica e multiplayer hardcore ai vertici

Con l'aiuto dell'hardcore gamer Gioacchino, membro del clan Regia Armata, abbiamo sviscerato Battlefield 4, sia per quanto concerne il nuovo motore grafico che per gli equilibri di gioco della parte multiplayer che, come sempre quando si parla di Battlefield, è quella cruciale. Trovate anche il videoarticolo, costruito su immagini catturate dalla versione PC, e una gallery di screenshot, prelevati sempre dalla versione PC con dettaglio grafico impostato sui massimi livelli qualitativi.

di Rosario Grasso, Gioacchino Visciola pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

Come cambia il single player

Quello che mi aspetto dal single player di un titolo militare è che sia tattico. Penso soprattutto al primo Ghost Recon Advanced Warfighter, in cui ogni movimento doveva essere ben studiato e inquadrato nelle tattiche complessive della squadra. Battlefield non è così, e ormai anch'io ho rinunciato a maggiore attenzione in tal senso da parte di DICE. Il team svedese, piuttosto, cerca un'esperienza adrenalinica e veloce, ricalcando gli stereotipi narrativi della serie rivale Call of Duty.

Bisogna quasi sempre procedere per un percorso pre-stabilito, e praticamente in nessun punto della campagna bisogna architettare delle realistiche tattiche militari. Detto questo, si tratta di una campagna altamente spettacolare, con una grafica che pochissimi altri giochi, o nessuno, può permettersi. È, quindi, più una demo tecnologica, anche perché molto breve, visto che si compone di sole 7 missioni, ciascuna completabile in poco meno di un'ora.

La storia fa lievi progressi rispetto a quella di Battlefield 3. DICE suppone che una misteriosa figura, conosciuta come l'Ammiraglio Chen, abbia programmato un colpo di stato in Cina, con l'obiettivo di prenderne definitivamente il potere e instaurare un governo parastatale e oligarchico. L'avvenuto colpo di stato, inoltre, avvicina la Cina alla Russia, anch'essa controllata da un'oligarchia avversa agli Stati Uniti. La nuova alleanza tra Russia e Cina metterebbe definitivamente gli Usa in ginocchio, che per questo sono costretti a intervenire in anticipo.

Chen non guarda in faccia a nessuno, ed è disposto a fare il più alto numero di vittime fra i civili, qualora ciò fosse necessario. Gli Usa, dal canto loro, decidono di allearsi con i ribelli, i quali sostengono un candidato progressista che sarebbe eletto in maniera legittima. Mentre Chen inizia il suo assedio a Shanghai, i giocatori seguono le vicende dalla prospettiva del Sergente Daniel Recker, che fa parte della squadra Tombstone, un gruppo elite di "improbabili eroi".

La squadra Tombstone individuerà un agente operativo della CIA conosciuto come Laszlo W. Kovic, che è in grado di portare fuori dalla Cina il team gudato da Recker. Insieme a Kovic c'è un misterioso individuo, un dissidente, che le forze cinesi stanno cercando senza sosta. Il gruppo di militari riuscirà a lasciare Shanghai e a rifugiarsi sulla Valkyrie, la quale farà rotta verso Singapore per riunirsi alla USS Titan e alla settima Flotta US.

Una campagna, dicevamo, leggermente superiore alla precedente, perché sfrutta alcuni elementi del multiplayer in chiave single player. Come le enormi mappe di gioco, la possibilità di avere missioni anche molto lunghe (fino a 45 minuti circa) e di usare armi e veicoli affinati per il multiplayer. L'intelligenza artificiale è nettamente migliorata, rispetto ai minimi storici di Battlefield 3, anche se ancora non perfetta. Insomma, alcuni scontri a fuoco sono effettivamente divertenti, e comunque tutto è dannatamente spettacolare.

Ci sono anche dei cambiamenti sul piano del gameplay. Innanzitutto, è adesso possibile affrontare alcuni momenti di gioco in maniera stealth. DICE ha introdotto un sistema di allerta delle guardie simile a quello di Crysis 2, con una notifica visiva che appare al giocatore nel momento in cui rischia di essere visto dai soldati avversari. Ci si può avvicinare a questi ultimi e metterli definitivamente fuori combattimento con il coltello. Naturalmente, solo in pochissime parti della campagna sarà possibile agire in questo modo, visto che l'azione risulta quasi sempre adrenalinica e assurdamente veloce.

Inoltre, i giocatori troveranno nei livelli di gioco delle casse con le armi e dei depositi di gadget. Abbiamo già detto che nel single player, come nel multiplayer, ci sono diversi tipi di sblocchi e, nella fattispecie, sarà possibile rendere disponibili altre armi nella suddetta cassa. Discorso analogo per i gadget, visto che sarà possibile trovare nel relativo deposito mine anticarro, Stinger per l'abbattimento di velivoli, cariche Claymore, C4 e altri tipi di esplosivi. I giocatori dovranno stare attenti a preservare i proiettili, ma potranno comunque trovare altre munizioni in questi avamposti.

 
^