Rayman Legends e l'artigianato d'autore

Rayman Legends e l'artigianato d'autore

Il nostro eroe senza braccia e gambe (eppur capace di calci e pugni di prim'ordine) ha dormito per un secolo intero, consentendo agli Incubi di Polokus di crescere in forza e numero. Svegliati dal piccolo Murphy, Rayman ed i suoi inseparabili compagni si lanciano in una nuova avventura. Sarà all'altezza della precedente?

di Simone Petracchiola pubblicato il nel canale Videogames
 

Aspettative e Sfide

Quando viene annunciato il seguito di un gioco come Rayman Origins, le sensazioni dominanti sono entusiasmo e terrore. Entusiasmo perché due anni fa Michel Ancel è riuscito nella straordinaria impresa di riverniciare una licenza in disuso da un'eternità videoludica, riportandola ai fasti del passato senza fare affidamento sulla nostalgia - opera più unica che rara - e l'idea di trovarsi di fronte ad una nuova saga di classici è un sogno ricorrente per chiunque sia anche solo un poco appassionato al gioco.

Terrore perché Rayman Legends avrebbe potuto sbagliare qualsiasi cosa. A differenza del suo diretto predecessore è un titolo atteso, colmo di aspettative e desiderato da tutti i giocatori che sono stati incantati da Origins. Soprattutto, è un seguito - se si limitasse a ripetere la formula appena consacrata, sarebbe davvero abbastanza?

A questo si aggiunge il peso delle problematiche di rilascio del titolo trascinatesi per mesi, con tanto di proteste plateali da parte degli sviluppatori stessi, coscienti che il titolo fosse completo e pronto per la commercializzazione. Annunciato inizialmente come esclusiva Wii U e previsto tra i titoli di lancio della piattaforma, è stato rimandato prima al 26 febbraio scorso e poi a fine agosto per garantire un rilascio simultaneo del gioco sulle altre piattaforme (PS3, X360, PC, PSVita) in seguito alle vendite non entusiasmanti di un altro titolo Ubisoft per la console Nintendo - Zombi U. Terrore che, alla fine, si è rivelato del tutto infondato.

Rayman Legends è un gioco fantastico, un'esplosione di colori dal ritmo folle e serrato e, pur vantando ottimi adattamenti, la versione Wii U è senza dubbio alcuno la sua incarnazione migliore e più completa. Andiamo a vedere perché.

 
^