Recensione Football Manager 2014: ventuno anni e non sentirli

Recensione Football Manager 2014: ventuno anni e non sentirli

È ormai imminente il rilascio della nuova versione di Football Manager, e le novità non mancano sicuramente tra motore grafico migliorato, modifiche alle tattiche, trasferimenti e contratti più realistici, interazioni più complesse con giocatori, staff e stampa, nuovo sistema delle notizie, e molto altro ancora.

di Alessandro Oteri pubblicato il nel canale Videogames
 

Introduzione

Accade spesso che la nostra testata si trovi a recensire videogiochi di simulazione. Nella maggior parte dei casi si tratta di titoli d’ispirazione sportiva. Anche se di recente abbiamo avuto l’occasione di provare un simulatore molto originale sull’agricoltura.

Per questa recensione, invece, ci spostiamo su un titolo nato quando chi vi scrive non era ancora nato. Stiamo parlando di Football Manager. E’ senza dubbio un pezzo di storia videoludica e l’edizione 2014 di questo gioco si presenta con un curriculum di tutto di rispetto.

Col tempo e con la nascita del Personal Computer e la crescita esponenziale della potenza di calcolo, il gioco ha conquistato sempre più amanti del genere ed è diventato di diritto uno dei simulatori calcistici manageriali più apprezzati al mondo. Una citazione storica è d’obbligo anche per un altro gioco su cui molti di noi hanno passato decine di ore: nel 1992 infatti nasce PC Calcio che fino al 2006 con il suo ultimo capitolo PC Calcio 2007 è stato il competitor per eccellenza di FM.

Football Manager però l’ha spuntata e oggi è padrone indiscusso del genere. Sul web esistono centinaia di “browser game” dedicati alla simulazione calcistico-manageriale, il più famoso e apprezzato è Hattrick, che riscuote ancora oggi un grande successo. Nessuno di questi giochi però riesce a raggiungere la completezza di un simulatore stand alone.

Completato questo breve viaggio nel tempo torniamo “back to future” e vediamo cosa ha da offrirci Football Manager 2014. Nell’edizione 2013 era stata inserita la “Classic Mode” molto apprezzata da tutti i giocatori. Sarà questa la prima scelta da fare, versione completa o versione slim?

Rispetto alla modalità “Football Manager”, la “Classic” si presenta più snella e veloce. Infatti, mentre nella carriera dovremo tenere d’occhio ogni singolo aspetto, nella versione “parzialmente scremata” si concede al giocatore qualche automazione in più. Il risultato è un gioco sempre ben dettagliato ma con vocazione leggermente più Arcade, contraddistinto da un ritmo di gioco più sostenuto.

Abbiamo voluto testare entrambe le versioni per poter toccare con mano le differenze tra di esse. Abbiamo iniziato giocando la modalità completa. La nostra scelta è caduta su una squadra di serie B tedesca, il Colonia. Squadra di media classifica con ambizioni di promozione.

Durante tutta la creazione della partita, il gioco ci offre una guida molto dettagliata. Ogni scelta che dobbiamo fare prima di iniziare a giocare ci viene spiegata in maniera completa ma sintetica. Una volta scelta la squadra e compilato il nostro profilo da Manager veniamo catapultati nell’interfaccia principale.

 
^