Nvidia Shield: top delle prestazioni alla ricerca di un nuovo mercato

Nvidia Shield: top delle prestazioni alla ricerca di un nuovo mercato

Dopo una prova intensiva di Nvidia Shield, eccovi le nostre considerazioni su quella che rimarrà alla storia come la prima console prodotta da Nvidia. Prestazioni ai vertici, qualche spunto dal mondo delle console e dal mondo mobile, la possibilità di giocare in streaming e i servizi di cloud gaming sono la base dell'offerta della nuova soluzione di Nvidia, per il momento commercializzata solamente negli Stati Uniti.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
NVIDIA
 

Conclusioni

Dopo questa prima prova approfondita di Nvidia Shield, devo dire che qualche perplessità iniziale è stata fugata. Il dispositivo Nvidia è comodo da usare e, grazie alla dotazione di stick analogici, croce direzionale e grilletti analogici, permette di avere un'esperienza molto più profonda con i giochi Android. Sembra quasi di giocare con l'Xbox 360, anche se ovviamente c'è una netta differenza di peso rispetto al controller della console Microsoft, così anche rispetto a PS Vita.

Nvidia Shield

Ma non è tanto l'esperienza Android che mi ha colpito, e parlo ancora di giochi, ma soprattutto la possibilità di avere lo streaming dei giochi in esecuzione su PC, di giocare in cloud gaming e di usufruire in modalità di servizi di video delivering come Miracast. Tutte queste funzionalità rendono Shield un sistema completo o, meglio, lo renderanno quando sarà disponibile in Italia, e questi servizi basati sulla rete diventeranno gestibili anche dalle stanche infrastrutture nostrane.

Nvidia si appoggia su distributori di terze parti per la commercializzazione dei suoi prodotti, e per questo in Italia non ha una rete di distribuzione autonoma. Con Shield, invece, per la prima volta ha deciso di creare un prodotto brandizzato direttamente con il suo logo. Ha trovato degli accordi di distribuzione per gli Stati Uniti, dove Shield è disponibile dall'estate a $ 299, ma non ci sono ancora delle partnership per la commercializzazione in Italia. Il distaccamento italiano di Nvidia, però, ci ha fornito rassicurazioni circa il raggiungimento di questi accordi, e si prevede che Shield arrivi in commercio già nel 2014.

Certo, in uno spazio di tempo così ampio il mondo della tecnologia è in grado di presentare cambiamenti, o faremmo meglio a dire stravolgimenti, importanti. Non è escluso che nel 2014 ci siano in commercio i primi dispositivi basati su Project Logan, il SoC che succederà a Tegra 4, e che Nvidia pensi a una Shield 2. Si tratterebbe di una console più finemente ottimizzata, considerando anche che il servizio di streaming da PC è ancora in beta, con prestazioni ancora superiori e con la disponibilità di servizi come PlayCast, che oggi non sono ancora disponibili in versione definitiva.

Il punto è che Nvidia deve cercare anche un mercato differente rispetto a quelli tradizionali. Il principale punto di criticità con Shield riguarda il fatto che i giochi Android sono giocati soprattutto dal pubblico occasionale, ovvero da chi non è interessato a "complicazioni" come sistemi di controllo più approfonditi e più precisi. Anche come concezione, i giochi Android sono destinati prevalentemente a un pubblico più distratto rispetto a quello tradizionale dei PC e, soprattutto, sono pensati per l'interfacciamento con le dita. In questo ragionamento, rientra anche il discorso sull'ottimizzazione del software che facevamo alla pagina precedente.

Non è quindi tanto il supporto Android che mi attira in Shield, quanto la possibilità di giocare in streaming con i titoli elaborati dal PC e, per il futuro, il cloud gaming. Nel primo caso Shield trasforma il PC in una sorta di Wii U, visto che si tratta di una funzionalità molto simile all'off-screen garantito dal nuovo GamePad di Nintendo. Potrete continuare a giocare mentre siete in giro per la casa, visto che la connessione tra console portatile e PC continua a funzionare anche a 10 e oltre metri di distanza.

Come abbiamo visto nel corso della recensione, le prestazioni sono ottime e il controllo è estremamente reattivo, anche se i dati viaggiano su rete wireless. La latenza si mantiene comunque inferiore ai 100 ms, anche se non si dispone di un router di recente concezione. La capacità computazionale di Shield, e torno all'esperienza Android, permette di navigare in una maniera più confortevole ed efficace rispetto ai dispositivi Android tradizionali, ma naturalmente la conformazione dei controlli di Shield, con la presenza dei joystick e degli altri tasti funzione, non agevola questo tipo di uso.

In definitiva, Shield può essere una soluzione molto valida, soprattutto per giocare quei titoli per PC che sono ottimizzati per un sistema di intefacciamento di questo tipo. Difficilmente attirerà, invece, chi gioca abitualmente su smartphone e tablet, che continuerà a preferire dispositivi maggiormente accessibili. Purtroppo non è possibile ancora acquistarla in Europa, mentre i rivenditori americani effettuano spedizioni solo nel territorio nazionale. Si può ricorrere a servizi appositi che realizzano questo tipo di spedizioni oppure, più artigianalmente, rivolgersi a qualcuno che risiede negli Usa.

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pincapobianco18 Ottobre 2013, 15:20 #1
Farà la triste fine del Sega CD 32x è un'americanata o meglio una pagliacciata che da Nvidia proprio non mi sarei mai aspettato.

Nel mercato europeo - se mai verrà qui presentata, spero fortemente di no - sarà uno di quei flop colossali come lo fu il nokia N-Gage anni fa.

Pur avendo caratteristiche hardware superiori, non riuscirà mai a scalzare il galaxy come piattaforma di gioco android per gamers occasionali o se si preferisce multi-purpose. Quanto alla concorrenza con PS Vita il problema non si pone proprio, disponendo la console Sony di un parco giochi vario e ben ottimizzato per il suo hardware, oltre che di dimensioni molto più leggere e alla portata rispetto a questo macigno di Shield.

La concorrenza con le nuove console PS4 e Xbox one non si pone proprio, essendo su un mercato totalmente differente, dovendo confrontarsi con hardware nettamente superiori, vasto appoggio di terze parti a Sony e Microsoft, un parco giochi enorme e delle aspettative di hype in tutti i videogiocatori del mondo che aspettano queste console. Inoltre c'è lo spauracchio di AMD che ha monopolizzato i chip grafici di entrambe le console di nuova generazione con tanto di tecnologioa Mantle nel porting dei titoli console next gen su PC. La vedo dura per Nvidia

Quanto allo streaming dei giochi PC è un'altra mega-iper-pagliacciata dal momento che il videogiocatore PC è quello che più di tutti si dota dell'hardware maggiormente all'ultimo grido, la scheda video all'ultimo grido, il monitor all'ultimo grido. Il videogiocatore PC vuole giocare a 1080p, e anzi sempre più a 1440p, con monitor degni di questo nome (da 27" in su). Per un videogiocatore PC - non solo enthusiast ma semplicemente casual - questo fantomatico Shield è un giocattolo privo di senso.

Conclusioni: Nvidia faresti bene ad occuparti dei mercati tradizionali, senza inseguire nuove pagliacciate, mercati nei quali hai da sempre dato il meglio. E attenta perché questa volta AMD ha affilato i denti. Con Mantle e le nuove console alle porte rischi di fare la fine delle schede che negli anni '90 osarono sfidare 3dfx con le sue inarrivabili Glide. E Flex, GI Works e Flame Works sono altre pagliacciate che, cara Nvidia, potevi risparmiarti e non reggono il confronto con Mantle.

La vedo molto male per questo Shield.
Marci18 Ottobre 2013, 15:49 #2
Vedilo più come una vetrina per mostrare le potenzialità di Tegra 4 ed invogliare i produttori di smartphone e tablet ad usarlo nei loro prodotti
PaulGuru18 Ottobre 2013, 16:15 #3
Questa è la prova che anche da Nvidia qualche volta si fumano i cannoni
s0nnyd3marco18 Ottobre 2013, 16:57 #4
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Shield? Nvidia please... go back to the kitchen and make me a sandwich
StePunk8118 Ottobre 2013, 19:46 #5
Certo che, anche come esercizio di stile, fa schifo a un certo livello...
Punga18 Ottobre 2013, 20:13 #6
scusate ma a me sembra molto interessante la cosa dello streaming....atualmente è possibile fare una cosa del genere se non con questo dispositivo?
-NINGEN-18 Ottobre 2013, 21:08 #7
A me in realtà una similconsole android sarebbe piaciuta, ma deve prendere ciò che c'era di buono nell'xperia play (che possiedo)! Innanzitutto deve anche telefonare, altrimenti come console standalone tanto vale che mi faccio un 3ds o una PSvita. Poi deve essere tascabile! Questo è un joypad con uno schermo appiccicato, decisamente troppo spesso... Il mio sogno sarebbe un cell tipo moto X + gamepad + batteria da almeno 3000, il tutto in uno spessore non necessariamente infimo, ma neanche troppo esagerato (l'xplay è spesso 16mm per la sua forma curva, anche se lo facessero "quadrato" a 12-13mm andrebbe bene imho)
gerko18 Ottobre 2013, 21:38 #8
Ma non era già uscita la console portatile Nvidia?
Oppure ANCORA doveva uscire?
DrossBelly19 Ottobre 2013, 08:42 #9
Già, spero che non abbia lo stesso calore e consumo
Supersubway19 Ottobre 2013, 11:04 #10
Originariamente inviato da: pincapobianco
Farà la triste fine del Sega CD 32x è un'americanata o meglio una pagliacciata che da Nvidia proprio non mi sarei mai aspettato.

Nel mercato europeo - se mai verrà qui presentata, spero fortemente di no - sarà uno di quei flop colossali come lo fu il nokia N-Gage anni fa.

Pur avendo caratteristiche hardware superiori, non riuscirà mai a scalzare il galaxy come piattaforma di gioco android per gamers occasionali o se si preferisce multi-purpose. Quanto alla concorrenza con PS Vita il problema non si pone proprio, disponendo la console Sony di un parco giochi vario e ben ottimizzato per il suo hardware, oltre che di dimensioni molto più leggere e alla portata rispetto a questo macigno di Shield.

La concorrenza con le nuove console PS4 e Xbox one non si pone proprio, essendo su un mercato totalmente differente, dovendo confrontarsi con hardware nettamente superiori, vasto appoggio di terze parti a Sony e Microsoft, un parco giochi enorme e delle aspettative di hype in tutti i videogiocatori del mondo che aspettano queste console. Inoltre c'è lo spauracchio di AMD che ha monopolizzato i chip grafici di entrambe le console di nuova generazione con tanto di tecnologioa Mantle nel porting dei titoli console next gen su PC. La vedo dura per Nvidia

Quanto allo streaming dei giochi PC è un'altra mega-iper-pagliacciata dal momento che il videogiocatore PC è quello che più di tutti si dota dell'hardware maggiormente all'ultimo grido, la scheda video all'ultimo grido, il monitor all'ultimo grido. Il videogiocatore PC vuole giocare a 1080p, e anzi sempre più a 1440p, con monitor degni di questo nome (da 27" in su). Per un videogiocatore PC - non solo enthusiast ma semplicemente casual - questo fantomatico Shield è un giocattolo privo di senso.

Conclusioni: Nvidia faresti bene ad occuparti dei mercati tradizionali, senza inseguire nuove pagliacciate, mercati nei quali hai da sempre dato il meglio. E attenta perché questa volta AMD ha affilato i denti. Con Mantle e le nuove console alle porte rischi di fare la fine delle schede che negli anni '90 osarono sfidare 3dfx con le sue inarrivabili Glide. E Flex, GI Works e Flame Works sono altre pagliacciate che, cara Nvidia, potevi risparmiarti e non reggono il confronto con Mantle.

La vedo molto male per questo Shield.


Non sono d'accordo. Trovo Shield un device interessante e quando torno negli stati uniti lo comprerò.

Non è un'alternativa a PS4 o One, che a livello di HW saranno anche superiori... ma non di tanto. Sicuramente non sono superiori alla mia 680 . Almeno ora posso giocare a Skyrim anche sul divano!

Mantle è la vera pagliacciata, sono proprio curioso di vedere chi ma soprattutto QUANDO avremo applicazioni che lo utilizzano: parliamo del 2015? Avrò cambiato scheda video almeno una volta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^