Nvidia Shield: top delle prestazioni alla ricerca di un nuovo mercato

Nvidia Shield: top delle prestazioni alla ricerca di un nuovo mercato

Dopo una prova intensiva di Nvidia Shield, eccovi le nostre considerazioni su quella che rimarrà alla storia come la prima console prodotta da Nvidia. Prestazioni ai vertici, qualche spunto dal mondo delle console e dal mondo mobile, la possibilità di giocare in streaming e i servizi di cloud gaming sono la base dell'offerta della nuova soluzione di Nvidia, per il momento commercializzata solamente negli Stati Uniti.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
NVIDIA
 

Android-based

L'esperienza di base, a livello di interfaccia utente, è molto simile a quella che si ha con un comune dispositivo Android. Il display di Shield permette di interagire con le dita, consentendo all'utente di sfogliare tra le varie applicazioni installate. Ovviamente, i sistemi di interfacciamento si moltiplicano con Shield, visto che è possibile navigare anche con la croce direzionale e con gli stick analogici.

Nvidia Shield

Nvidia ha poi pensato a un layer personalizzato di applicazioni, accessibile tramite il tasto NV che si trova nella parte centrale del dispositivo. Anche in questo caso c'è un'assonanza con Xbox 360, visto che questo pulsante funziona in maniera molto simile al pulsante home del gamepad di Xbox 360. Una volta premuto, si accede allo spazio dedicato alle applicazioni ottimizzate per Shield e ai giochi della Tegrazone, ovvero quelli che offrono le migliori prestazioni con la console portatile di Nvidia. Con NV si può accedere anche alla sezione che consente di gestire la connessione con il PC per lo streaming dei giochi elaborati da quest'ultimo.

Da notare che, a differenza delle controparti originali, alcuni titoli ottimizzati per Shield disabilitano il controllo tramite giroscopio. Ad esempio, con Asphalt 8 non è stato possibile giocare inclinando il dispositivo. La funzione è ovviamente supportata in hardware da Shield, ma evidentemente è stata disabilitata perché comunque sconsigliata vista la presenza di stick analogici, croce direzionale e grilletti analogici. Però, chi è abituato a giocare in quel modo potrebbe essere disorientato da questa scelta. Sotto la sua scocca, comunque, Shield dispone di tecnologia per la gestione di giroscopio e di accelerometro, in entrambi i casi su tre assi.

Agganciamo a questo discorso qualche considerazione sul reparto audio. I due speaker frontali fanno un lavoro eccellente, consegnando al giocatore un audio molto pulito e soprattutto a volume molto alto. Insomma, si può anche rinunciare al sistema audio collegato al PC principale e sentire musiche, voci ed effetti audio direttamente dal sistema di altoparlanti integrato nella console portatile. Shield, infatti, offre un sistema audio su misura con bass reflex, in grado di offrire prestazioni paragonabili agli altoparlanti wireless standalone e decisamente superiori a quelle di altri dispositivi Android.

Oltre agli speaker, Shield offre il jack per le cuffie e il microfono da 3,5 mm e supporta l'audio PCM a 8 canali tramite HDMI. Questo consente di utilizzare con Shield dispositivi con combinazione di microfono e cuffie, che possono essere molto utili soprattutto per le conversazioni VOIP.

Nvidia Shield

Oltre al tasto NV di cui abbiamo già parlato, nella parte frontale del dispositivo troviamo altri pulsanti che consentono di accedere alle funzioni di base di Shield. Abbiamo, infatti, i pulsanti Start, Back e Home, che possono essere utilizzati in maniera contestuale dai giochi, oltre che i pulsanti per regolare il volume. NV, oltre che ad accedere alle applicazioni ottimizzate, permette di entrare o di uscire dalla modalità riposo della console portatile.

Il display multitouch, poi, è reattivo come i display dei più recenti dispositivi Android. È da cinque pollici e opera alla risoluzione nativa di 1280x720, con una densità di pixel interessante, ovvero di 294 per pollice (sono 220 nel caso di PS Vita, con risoluzione di 960x544 pixel). La reattività del display è garantita dalla tecnologia Direct Touch di Tegra 4, che migliora la consistenza e l'accuratezza dei comandi impartiti tramite dita.

Quanto alla connettività, Shield supporta la tecnologia 802.11n 2x2 MIMO, con supporto completo al protocollo 802.11a/b/g/n e a tutti i protocolli standard più usati come WEP, WPA, WPA2, PSK, 802.1x EAP.

Shield si aggiorna automaticamente all'ultima versione del sistema operativo Android, e questo consente di avere accesso a migliaia di applicazioni Android, praticamente a tutte quelle presenti nel catalogo. Aggiornare lo status di Facebook, Twittare e navigare su internet sono usi possibili di Shield, così come lo sono sui dispositivi Android standard.

Nvidia fornisce per Shield un sistema operativo leggermente personalizzato rispetto al software Google. Si impegna, comunque, a fornire frequenti aggiornamenti dell'OS di Shield, costruiti a partire dalle più recenti versioni del software di base fornito da Google. Gli utenti possono però sbloccare il bootloader e gestire autonomamente la fase di aggiornamento del software di base, ma questa operazione può invalidare la garanzia.

 
^