Fifa 14: un'altra rivoluzione per il calcio videoludico

Fifa 14: un'altra rivoluzione per il calcio videoludico

In attesa della versione next-gen con Ignite Engine, ecco che diventa disponibile Fifa 14 per i formati attuali. Precision Movement è alla base di un'esperienza di gioco che ridefinisce alcuni equilibri storici della serie Fifa e porta il tutto a un nuovo livello di fluidità.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Fantasia nei passaggi

Le migliorie del pallone e le nuove animazioni di Fifa 14 gratificano anche il comparto dei passaggi. I lanci, ora, sono un vero fattore strategico visto che, finalmente controllabili con precisione, consentono di cambiare rapidamente gioco e consentono di uscire con sicurezza dalle situazioni più intricate.

I passaggi filtranti alti, da sempre utili strumenti d’attacco, sono stati ulteriormente migliorati: è a loro che sono state applicate le animazioni più spettacolari – soprattutto quando ad effettuarli è qualche giocatore particolarmente tecnico – e la rotazione che il pallone assume (se il passaggio viene realizzato in buone condizioni di equilibrio e libertà) rende possibili giocate illuminanti e precisissime.

La vera rivoluzione, però, riguarda i passaggi filtranti rasoterra. Da sempre questa tipologia di assist è risultata un punto debole nell’arsenale tecnico di Fifa: fino all’anno scorso, infatti, anche utilizzando grandi campioni ed effettuando dei passaggi da buona posizione e non marcati, non si poteva mai essere certi della loro buona riuscita. Il passaggio, in modo quasi casuale, poteva risultare fuori misura o seguire traiettorie errate. Adesso le cose sono decisamente cambiate: da ogni posizione del campo – a patto di non essere sotto pressione e utilizzando un giocatore sufficientemente dotato – si potrà spedire un compagno in porta, effettuando passaggi filtranti calcolati per davvero con il contagiri; in grado, insomma, di ‘tagliare’ fuori la difesa avversaria, venendo recapitati nello spazio di fronte al nostro compagno.

Per garantire questa efficacia tutta nuova, però, sembra proprio che EA abbia introdotto una quantità rinnovata e accresciuta di script nel suo gioco (qualcosa del genere, anche se in modo meno invasivo e incoerente, avviene anche nell’abbinamento tiri-parate). Di fatto, non di rado, vi capiterà di voler indirizzare il vostro assist a un compagno che, secondo la IA, non rappresenta il bersaglio ideale. Ecco allora che il pallone verrà forzatamente indirizzato verso un obiettivo maggiormente gradito agli equilibri della cpu. Alle volte questo obbligo porterà alla creazione di un’occasione netta, altre volte, però, comprometterà la nostra manovra (solitamente quando arriverà una chiusura tempestiva del difensore, che l’utente aveva previsto).

 
^