Splinter Cell Blacklist: è vero ritorno alle origini?

Splinter Cell Blacklist: è vero ritorno alle origini?

Vi proponiamo la nostra recensione dell'ultimo capitolo di Splinter Cell. Si è discusso molto in questi giorni se Blacklist può essere considerato un ritorno alle origini per la serie, dopo il fin troppo aggressivo e cinematografico Conviction. Ecco la nostra visione sull'argomento, in attesa di un approfondimento tecnico sulle caratteristiche grafiche della versione PC di Blacklist che pubblicheremo nei prossimi giorni.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

In definitiva, mi sento di promuovere con sicurezza Splinter Cell: Blacklist. Il gioco è divertente, stimolante e soprattutto estremamente vario. Ogni livello può essere affrontato, passo per passo, con atteggiamenti molto differenti tra loro e percorrendo strade diverse.

Altra gradita variabile è costituita dai numerosi gadget utilizzabili da Sam Fisher. Ottime le uccisioni stealth e tutto quello che riguarda la lotta corpo a corpo, qualche perplessità, invece, per l’efficacia di alcune armi. La componente ‘in incognito’ risulta quasi sempre di primissimo livello, gradita ‘riscoperta’, dopo l’azione più diretta di Conviction.

La campagna dura circa 10 ore, ma la possibilità di rigiocare il tutto, per provare tattiche alternative o la modalità co-op, è garanzia di longevità ancora più corposa.

A livello di trama, ci attestiamo su solide posizioni, con una buona continuità rispetto a Conviction, ma senza far gridare il miracolo.

Tecnicamente, il lavoro di Ubisoft è buono: livello medio alto rispetto alle produzioni recenti. Qualche dubbio per la scarsa espressività dei png. Altro limite, a tratti il più grave di Blacklist, è quello legato all’intelligenza artificiale nemica che conosce un po’ troppi passaggi a vuoto.

Limiti minimi, di fronte a un action-stealth solido e vario che, seppur non tornando al rigore dei primi capitoli della serie di SC, richiede una discreta dose d’impegno per essere giocato in modo godibile e ‘invisibile’.

  • Articoli Correlati
  • Splinter Cell Blacklist: stealth senza soluzione di continuità Splinter Cell Blacklist: stealth senza soluzione di continuità Questa volta, la minaccia è rappresentata dagli ‘Ingegneri’, un gruppo terroristico che vanta pesanti connessioni con le forze armate americane. Il loro scopo? Ottenere il ritiro di tutte le truppe Usa dislocate nel mondo. Il loro mezzo? Attacchi mirati a una serie di installazioni a stelle e strisce – a cadenza settimanale – contenute nella ‘Blacklist’ fatta pervenire al Presidente Usa Patrcia Caldwell, dopo il primo sanguinoso assalto. Tra gli ‘Engeneers’ e il successo si staglia, possente, la figura di Sam Fisher, supportato dal team Echelon IV, composto dalle menti migliori di tutta l’intelligence Usa, trasversale ai vari corpi.
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nicacin17 Settembre 2013, 19:34 #1
nessuno commenta?
dobermann7717 Settembre 2013, 20:33 #2
Originariamente inviato da: nicacin
nessuno commenta?


E' da comprare?
Ne parlano abbastanza bene in giro, mi pare.
Vabbè che aspettero' le offerte Steam a Halloween o a Natale, a prezzo pieno non lo prendo
PaulGuru18 Settembre 2013, 13:24 #3
spendere 17€ per una roba che dura poche ore lascia il tempo che trova.
Armage07 Ottobre 2013, 22:10 #4
io spero che ubisoft si sia accorta che stavolta splinter cell gli è uscito davvero bene, hanno fatto un superlavoro. E speriamo che non ritornino più alle idee di conviction.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^