Total War Rome II: cosa siete disposti a fare per Roma?

Total War Rome II: cosa siete disposti a fare per Roma?

Dopo ben nove anni di attesa, Creative Assembly propone finalmente il seguito del Total War più amato e richiesto dai fan, ambientato nel periodo storico senza ombra di dubbio più affascinante dell'intera storia del genere umano.

di Marco Fiore pubblicato il nel canale Videogames
CreativeTotal War
 

Analisi Tecnica

Rome II, dal punto di vista tenico e qualitativo, è un vero e proprio gioiello: la qualità grafica che offre è senza precedenti, con un supporto pieno a DX11 e tantissime opzioni per modificare ogni dettaglio del gioco. I dettagli poligonali sono chiaramente aumentati, e lo si nota guardando i volti credibilissimi dei singoli soldati, così come la qualità delle texture di ogni oggetto, edificio, terreno, nave. Il passo avanti fatto rispetto a Shogun 2 è di tutto rispetto e le cinque stelline sono più che meritate.

L'acqua e il cielo sono anch'essi migliorati rispetto a Shogun 2, e le animazioni sono più fluide e precise, specialmente nei combattimenti: al contrario dell'ultimo titolo di CA infatti ogni singolo soldato potrà duellare contro più soldati insieme (prima si combatteva sempre 1 contro 1), i colpi sono precisi e forti, risultando al contempo estremamente fluidi. Le animazioni nel complesso convincono, così come le collisioni e gli effetti particellari: vedere una nave distrutta per uno speronamento è uno spettacolo, così come percepire l'impatto tra due navi che si abbordano, o quello tra i massi lanciati dalle catapulte contro i soldati o contro le mura di una città.

La qualità della vegetazione è la quantità è migliorata tantissimo: gli ambienti, specialmente zoomando avanti, sono molto curati e credibili: l'ambient occlusion, specialmente, dà un tono di realismo sia all'ambientazione che alle unità.

Il gioco ovviamente ha le sue richieste in termini di risorse e possiamo dire senza ombra di dubbio che solo con un PC recente di fascia alta sarà possibile attivare tutti i filtri e impostare al massimo la qualità delle texture. Abbiamo purtroppo avuto dei problemi di visualizzazione delle texture nella versione review usando una AMD Radeon HD6950 1GB, problema risolto attivando un'opzione che utilizza l'intero quantitativo di memoria video per il gioco, a scapito di alcuni caricamenti un po' più lunghi e qualche calo di framerate. Abbiamo già segnalato il problema e siamo certi che una risposta arriverà presto, dato che con Nvidia questo sembra essere assente. Con una configurazione non recentissima come un i5 2500, 8GB di RAM e una HD6950 1GB è possibile giocare a 1680*1050 con dettagli molto alti senza problemi, ma per quelli estremi serve necessariamente una scheda video più potente.

Il comparto audio di Rome II ha visto miglioramenti considerevoli: in battaglia ci si sente totalmente immersi da musiche coinvolgenti e da suoni credibili (si parla di migliaia di tracce audio registrate), sia nelle battaglie di mare che di terra dai versi degli animali alle urla delle popolazioni barbariche, dalle grida di combattimento degli spartani al latrato dei cani da battaglia. L'incastro con il comparto grafico e la fluidità garantita dal gameplay è a livelli unici nel genere, presentando qualche incertezza solo all'inseguimento di truppe nemiche in ritirata, dove a volte le unità non rispondono come vorremmo, smettendo di inseguire il nemico o semplicemente non causando alcun danno pur gridando come forsennati.

Un titolo del genere ha una complessità tale da aspettarsi qualche bug e qualche carenza nell'ottimizzazione grafica, ma dopo aver giocato per tanto tempo a Shogun 2 non mi sarei mai aspettato dei caricamenti così rapidi: il passaggio da battaglia a campagna è molto veloce, decisamente di più rispetto a Shogun 2, e l'unica pecca (ma come ho detto prima non so quanto possa essere "fixabile") del gioco sembra essere il tempo impiegato a passare da un turno all'altro.

Il level design è decisamente azzeccato: la mappa della campagna è variegata e molto curata, le mappe degli assedi sono spettacolari per grandezza e quantità di edifici e punti conquistabili, così come lo sono le battaglie d'assedio su città costiere, ancora più coinvolgenti. Rome II poi ha cinque mappe d'assedio uniche: Roma, Alessandria, Atene, Cartagine e Babilonia, dei capolavori assoluti.

Nel complesso il risultato dell'analisi tecnica è eccellente, nettamente superiore ad ogni altro RTS presente sul mercato e sicuramente superiore a Shogun 2. Il gioco è bello da vedere, da ascoltare e da giocare, esattamente come dovrebbe essere.

 
^